Archivi categoria: Cloud

Azure Firewall: l’automazione per gestirne il backup

Azure Firewall è la soluzione di firewall-as-a-service presente nel cloud pubblico di Microsoft, che consente di mettere in sicurezza le risorse presenti nelle Virtual Network di Azure e di governare i relativi flussi di rete. In questo articolo viene riportato un meccanismo ideato per fare il backup schedulato della configurazione di questo componente utilizzando il servizio Azure Automation.

Azure Firewall è una soluzione che sempre più spesso viene utilizzata nelle architetture Azure, per i vantaggi che offre rispetto alle soluzioni firewall di vendor di terze parti e grazie ad un costante arricchimento delle funzionalità offerte. Dal momento in cui viene adottato, questo servizio diventa il centro di governo del networking vostro ambiente Azure e conterrà diverse regole per gestire in modo completo il traffico di rete. Diventa pertanto fondamentale disporre di una strategia che consenta di ripristinare la configurazione del servizio in tempi rapidi. Il servizio al momento non dispone in modo integrato di una funzionalità per farne il backup completo in modo periodico. Per questa ragione ho realizzato un runbook in Azure Automation che effettua il backup dell’Azure Firewall su un blob storage account di Azure.

Si riporta la procedura per attivare l’esecuzione del backup periodico della configurazione tramite questa metodologia.

Prerequisiti

Qualora non si disponga di un Azure Automation Account è necessario procedere con la relativa creazione:

Figura 1 – Creazione Azure Automation Account

Risulta inoltre necessario disporre di un blob storage account sul quale saranno salvati i backup dell’Azure Firewall.

Figura 2 – Creazione blob storage account

Nelle impostazioni firewall dello storage account è necessario abilitare l’exception “Allow trusted Microsoft services to access this storage account”.

Sullo storage account è inoltre possibile valutare la creazione di policy che consentono di prevenire la cancellazione dei backup.

Configurazione moduli in Azure Automation

Azure Automation supporta la possibilità di utilizzare il modulo Azure Powershell Az nei runbooks. Il modulo AZ non è al momento importato automaticamente negli Automation Accounts. Per questa ragione è necessario procedure con la relativa configurazione come descritto da questo documento Microsoft, nello specifico seguendo la procedura in seguito riportata.

Figura 3 – Avvio procedura di aggiunta moduli

 

Figura 4 – Selezione dei moduli necessari e avvio del processo di import

Questi i moduli necessari per questa automation:

Figura 5 – Moduli necessari

Import e pubblicazione del runbook

Lo step successivo prevede la creazione del Runbook in Azure Automation:

Figura 6 – Creazione del Runbook

Il codice del runbook è possibile trovarlo in questa pagina GitHub. Una volta creato il runbook è opportuno procedere con la relativa pubblicazione.

Figura 7 – Pubblicazione del Runbook.

Schedulazione del runbook

Come ultimo step è opportuno schedulare l’esecuzione periodica del runbook.

Figura 8 – Creazione della schedulazione

 

Figura 9 – Aggiunta della schedulazione al runbook

 

Figura 10 – Configurazione dei parametri richiesti dal runbook

I backup in formato JSON della configurazione di Azure Firewall vengono salvati automaticamente nello storage account indicato e vengono mantenuti per il numero di giorni espresso nel parametro “RetentionDays”.

Figura 11 – Backup di Azure Firewall all’interno del container

Ripristino della configurazione

Nel caso sia necessario ripristinare la configurazione di Azure Firewall è sufficiente fare il deploy del file JSON nel resource group specifico, utilizzando il comando seguente:

New-AzResourceGroupDeployment -name “RestoreAzureFirewall” -ResourceGroupName “AFW-RGNamexxx” -TemplateFile “.xxx-afwxxxxx.json”

 

Conclusioni

Grazie all’adozione di questa automazione è possibile effettuare il backup dell’Azure Firewall su un blob storage account di Azure. Tutto ciò risulta particolarmente utile e strategico in caso di modifica errata delle regole oppure se avviene una cancellazione parziale o totale della configurazione di Azure Firewall, che può essere accidentale oppure svolta da persone non autorizzate.

Azure IaaS and Azure Stack: announcements and updates (August 2019 – Weeks: 31 and 32)

This series of blog posts includes the most important announcements and major updates regarding Azure infrastructure as a service (IaaS) and Azure Stack, officialized by Microsoft in the last two weeks.

Azure

Azure Dedicated Host

Azure Dedicated Host is a new Azure service that enables you to run your organization’s Linux and Windows virtual machines on single-tenant physical servers. Azure Dedicated Hosts provide you with visibility and control to help address corporate compliance and regulatory requirements. Azure Dedicated Host is in preview in most Azure regions.

Azure marketplace charges are available in Azure Cost Management for Pay-As-You-Go customers

Azure marketplace charges within Cost Analysis tool for Pay-As-You-Go customers are available. As a part of this preview you can analyze marketplace charges alongside Azure service charges within Cost Analysis and reconcile Azure marketplace invoice using both Cost Analysis and a new usage csv download API.

Network security group improvements

New improvements have been added to network security group (NSG), which filters network traffic to and from various Azure resources:

  • Specify ICMP as the protocol in your NSG rules, in addition to TCP, UDP, or Any. 
  • Override the default Azure platform considerations by creating an NSG rule with the following service tags. Please exercise caution when using these tags.
    • ​​AzurePlatformDNS for DNS 
    • AzurePlatformIMDS for IMDS 
    • AzurePlatformLKM for Windows licensing (Key Management Service)
Azure File Sync agent v7.1 update rollup
 

Azure File Sync agent v7.1 update rollup is on Microsoft Update and Microsoft Download Center. Improvements and issues that are fixed:

  • Accessing or browsing a server endpoint location over SMB is slow on Windows Server 2012 R2.
  • Increased CPU utilization after installing the Azure File Sync v6 agent.
  • Cloud tiering telemetry improvements.
  • Miscellaneous reliability improvements for cloud tiering and sync.

More information about this update rollup:

  • This update is available for Windows Server 2012 R2, Windows Server 2016 and Windows Server 2019 installations that have Azure File Sync agent version 4.0.1.0 or later installed.
  • The agent version of this update rollup is 7.1.0.0.
  • A restart may be required if files are in use during the update rollup installation.
  • Installation instructions are documented in KB4490496.

Most cost-effective storage offering

Microsoft has dropped Azure Archive Storage prices by up to 50 percent in some regions. The new pricing is effective immediately.

New AMD-based Azure VMs for general purpose and memory intensive workloads

New Azure virtual machines part of the Dv3 and Ev3-series, optimized for general purpose and memory intensive workloads, are in Preview. The new general purpose Da_v3 and Das_v3 Azure VM-series provide up to 64 vCPUs, 256 GiBs of RAM and 1,600 GiBs of SSD-based temporary storage. Das_v3 Azure VM-series supports Premium SSD disk storage. The new memory optimized Ea_v3 and Eas_v3 Azure VM-series provide up to 64 vCPUs, 432 GiBs of RAM and 1,600 GiBs of SSD-based temporary storage. Eas_v3 Azure VM-series supports Premium SSD disk storage.

M-series virtual machines (VMs) are generally available in the Brazil South Region

Azure M-series VMs are available in the Brazil South region. M-series VMs offer configurations with memory from 192 GB to 3.8 TiB (4 TB) RAM and are certified for SAP HANA.

Azure Geo and Zone Redundant Storage in public preview

Azure Geo and Zone Redundant Storage (GZRS) helps customers achieve higher data resiliency by Synchronously writing three replicas of your data across multiple Availability Zones and Asynchronously replicating the data to another region within the same geo into a single zone (like LRS today) protecting from a regional outage.

Azure Files Active Directory (Azure AD) authentication with Azure AD domain services is generally available

Azure Files offers fully managed file shares in the cloud that are accessible via the industry standard SMB protocol. Integration with Azure AD enables SMB access to Azure file shares using Azure AD credentials from Azure AD domain services domain joined Windows VMs.

Azure Firewall feature updates for July 2019

Here are the Azure Firewall feature updates for July 2019:

  • Multiple public IPs is generally available in all Azure public regions.
  • Availability Zones is now generally available. 
  • SQL FQDN filtering is now in preview in all Azure regions.
  • Azure HDInsight FQDN tag is now in preview in all Azure public regions. 
  • Central management using partner solutions

 

Azure management services e System Center: novità di Luglio 2019

Microsoft annuncia in modo costante novità riguardanti gli Azure management services e System Center. Come di consueto la nostra community rilascia questo riepilogo mensile che consente di avere una panoramica complessiva delle principali novità del mese, in modo da rimanere sempre aggiornati su questi argomenti ed avere i riferimenti necessari per condurre ulteriori approfondimenti.

Azure Log Analytics

Disponibilità in nuove regions
Azure Log Analytics è ora possibile attivarlo anche in queste nuove regions: South Africa North, Brazil South, UK West e North Central US.

Nuove possibilità di ricerca in Azure Monitor Log

Azure Monitor Log ha introdotto la possibilità di consultare i log direttamente sulle specifiche risorse Azure, consentendo in questo modo la possibilità di filtrarli con maggiore semplicità sulla risorsa. I log vengono inoltre aggregati da tutti i workspace che contengono log associati a quella specifica risorsa.

Novità nell’interfaccia

Nel mese di luglio sono state apportate diverse novità nell’interfaccia di Log Analitycs, riportate nel dettaglio in questo articolo.

Azure Automation

Azure Update Management: targeting per macchine non in Azure

In Azure Update Management è stata introdotta la funzionalità che consente il targeting dinamico, con sistemi non in ambiente Azure, per le distribuzioni di patch. Le macchine non in ambiente Azure possono essere aggiunte dinamicamente alle distribuzioni di patch in base ai criteri specificati in una ricerca salvata in Log Analytics.

Azure Site Recovery

Introdotto il supporto per dischi di dimensione fino a 8 TB

In Azure Site Recovery è ora possibile proteggere dischi dati di dimensione fino a 8 TB. Questa funzionalità è disponibile per tutte le macchine virtuali di Azure con managed disk ed anche per tutte le macchine on-premises che vengono replicate su dischi managed.

System Center Configuration Manager

Nuovo rilascio per il Technical Preview Branch

Per Configuration Manager è stato rilasciato l’update 1907 che tra le principali novità prevede la possibilità di effettuare ricerche nel Task Sequence Editor, utile in presenza di Task Sequence particolarmente articolate.

Per verificare i dettagli riguardanti le novità incluse in questo aggiornamento è possibile consultare questo documento.

Si ricorda che i rilasci nel Technical Preview Branch consentono di valutare in anteprima le nuove funzionalità di SCCM ed è consigliato applicare questi aggiornamenti solo in ambienti di test.

Desktop Analytics disponibile in Public Preview

La soluzione Desktop Analytics è disponibile in anteprima pubblica. Si tratta di uno strumento in grado di fornire informazioni utili e mettere a disposizione le automazioni necessarie per mantenere aggiornato il parco macchine Windows. L’integrazione possibile di Desktop Analytics con System Center Configuration Manager, aggiunge il valore dato da una soluzione cloud all’infrastruttura locale.

Rilasciata la versione 1906 per il Current Branch

Molte sono le novità introdotte in questa versione rivolte ad arricchire e migliorare diverse funzionalità della soluzione. La principale novità è sicuramente l’integrazione con Desktop Analytics. Per ottenere la lista completa delle nuove funzionalità introdotte con questa build, è possibile consultare questo documento ufficiale. Il passaggio alla versione 1906 è possibile farlo seguendo la checklist di installazione, al termine della quale è opportuno proseguire con la checklist post-update.

Valutazione di Azure e System Center

Per testare e valutare in modo gratuito i servizio offerti da Azure è possibile accedere a questa pagina, mentre per provare i vari componenti di System Center è necessario accedere all’Evaluation Center e, dopo essersi registrati, è possibile avviare il periodo di trial.

Azure IaaS and Azure Stack: announcements and updates (July 2019 – Weeks: 29 and 30)

This series of blog posts includes the most important announcements and major updates regarding Azure infrastructure as a service (IaaS) and Azure Stack, officialized by Microsoft in the last two weeks.

Azure

Azure File Sync supports the firewall and virtual network setting on storage accounts

To configure your Azure File Sync deployment to work with the firewall and virtual network setting, perform the following steps:

  • Go to the storage account you want to secure.
  • Click on the settings menu called Firewalls and virtual networks.
  • Click on allow access from Selected networks.
  • To enable servers to sync to the Azure file share, verify the server’s IP address or virtual network has been added.
  • To enable the Storage Sync Service to access the storage account and Azure file share, verify the Allow trusted Microsoft services to access this storage account is selected.
  • Click Save to save your settings.

This feature works with any Azure File Sync agent version.

Azure File Sync agent v7.2 update

Improvements and issues that are fixed:

  • Storage Sync Agent (FileSyncSvc) crashes if the proxy configuration is null.
  • Server endpoint will start BCDR (error 0x80c80257 – ECS_E_BCDR_IN_PROGRESS) if multiple endpoints on the server have the same name.
  • Cloud tiering reliability improvements.

To obtain and install this update, configure your Azure File Sync agent to automatically update when a new version becomes available or manually download the update from the Microsoft Update Catalog.

New features to IPv6 support for Azure VNets

In addition to the preview capabilities announced on April 23, IPv6 for Azure VNET public preview now includes:  

  • Standard IPv6 Public Load Balancer support to create resilient, scalable applications which includes:
    • IPv6 health probe to determine which backend pool instances are healthy and thus can receive new connections. 
    • Outbound Rules provide full declarative control over outbound connectivity to precisely tune your network for scale and resiliency.
    • Multiple Front-end Configurations enable a single load balancer to use multiple IPv6 Public IP addresses – the same frontend protocol and port can be reused across frontend addresses.
  • Instance-level Public IP provides IPv6 Internet connectivity directly to Individual VM’s
  • Azure Portal support for the preview now includes interactive create/edit/delete of dual stack (IPv4/IPv6) Virtual Networks and subnets, IPv6 Network Security Group Rules, IPv6 User defined routes, and IPv6 Public IP’s. 

Azure Security Center launched new network recommendations

There are new and updated Azure Security Center networking recommendations. For more information, see the Network Recommendations section in the Azure Security Center documentation.

Proximity placement groups are in preview

A proximity placement group is an Azure Virtual Machine logical grouping capability that you can use to decrease network latency among VMs. When the VMs are deployed within the same proximity placement group, the VMs are physically located as close as possible to each other. Proximity placement groups are particularly useful to address the requirements of latency-sensitive workloads.

New 48 vCPUs Azure Virtual Machine sizes are available

New 48 vCPUs sizes for the Dv3, Dsv3, Ev3, Esv3, Fsv2, and Lsv2 Azure Virtual Machines (VMs) are available so you can better match your workload requirements.

Azure Mv2-series VMs up to 6 TB of memory are available for the US West 2 region

Azure Mv2-series virtual machines are hyper-threaded and feature Intel® Xeon® Platinum 8180M 2.5 GHz (Skylake) processors, offering up to 208 vCPU in 3 TB and 6 TB memory configurations. Mv2 virtual machines provide unparalleled computational performance to support large in-memory databases and workloads such as SAP HANA and SQL Hekaton. Mv2 VMs are available in US East, US East 2 regions, and US West 2 regions. Mv2 VMs in Europe West, Europe North, and Southeast Asia regions will become available in the coming months.

Availability Zones support is available for Azure Kubernetes Service (AKS) in preview

Availability Zones support is now available for AKS in preview. Protect applications and data from datacenter failures with redundancies across Availability Zones and achieve higher availability and resiliency for worker nodes with Availability Zones, used in conjunction with Azure Standard Load Balancer.

Network Performance Monitor in Central India

Network Performance Monitor is now available in Central India region.

Azure Lab Services updates

  • Azure Lab Services has a new instance size available: Medium (nested virtualization)
  • Azure Lab Services has removed the unlimited option from quota per user so lab owners can intentionally choose a specific number of hours needed for each lab to help save costs.
  • Azure Lab Services supports the ability to reset passwords and to provide added support for Ubuntu images.

Azure Stack

Azure Stack 1907 update

Azure Stack 1907 Update is available. Check the release notes for more details.

Azure Data Share: il servizio per condividere in modo sicuro i dati

Microsoft ha recentemente annunciato la disponibilità del nuovo servizio gestito Azure Data Share, appositamente ideato per la condivisione di dati tra differenti organizzazioni. Azure Data Share consente di condividere e combinare i dati in modo semplice, al fine di garantire una collaborazione aziendale efficace tra differenti realtà, nel rispetto della sicurezza e della governance. In questo articolo vengono approfonditi i principi di funzionamento e viene riportata la procedura da seguire per la relativa configurazione.

Ad oggi le soluzioni più comunemente utilizzate per lo scambio e la condivisione dei dati aziendali si basano su File Transfer Protocol (FTP) oppure su Web API custom, le quali oltre a richiedere di dover gestire un’infrastruttura specifica, non sono in grado di aderire agli standard aziendali in termini di sicurezza e governance. Inoltre, queste soluzioni non risultano idonee per lo scambio di grossi volumi di dati. Azure Data Share è invece un servizio totalmente gestito nato con l’obiettivo di semplificare, rendere sicuro e controllato il processo di condivisione dei dati tra realtà aziendali differenti. Non è richiesta la configurazione di nessuna infrastruttura specifica e il servizio può scalare rapidamente per far fronte ad esigenze di condivisione di grandi quantitativi di dati. Anche l’aspetto sicurezza è fondamentale per un servizio di questo tipo ed Azure Data Share sfrutta le principali misure di sicurezza intrinseche in Azure per la protezione dei dati.

Attivazione del servizio

L’attivazione del servizio Azure Data Share deve essere fatta in primis da chi deve condividere i dati, secondo la seguente modalità.

Figura 1 – Avvio del processo di creazione

Figura 2 – Parametri richiesti dal processo di creazione

Il deployment è molto rapido e dopo aver attivato il servizio è possibile iniziare il processo di condivisione dei dati.

Utilizzo della soluzione

Azure Data Share ha un’interfaccia intuitiva, può essere utilizzato direttamente dal portale Azure, e con pochi semplici passaggi è possibile scegliere quali dati condividere e con chi condividerli.

Figura 3 – Avvio del processo di condivisione

Figura 4 – Definizione nome e dettagli della share

Risulta possibile governare l’uso dei dati associando specifici termini di utilizzo ad ogni condivisione che viene creata. Per consentire la ricezione dei dati, i destinatari dovranno accettare le condizioni di utilizzo specificate.

Figura 5 – Aggiunta Dataset e selezione della tipologia

Per la condivisione dei dati ad oggi è possibile utilizzare come Dataset Azure Blob Storage ed Azure Data Lake Storage, ma a breve saranno introdotti anche nuovi data source di Azure.

Figura 6 – Selezione del container che contiene i dati da condividere

Figura 7 – Aggiunta dell’indirizzo mail della persona con cui condividere i file

Il servizio prevede anche la possibilità di schedulare la condivisione di nuovi contenuti o delle modifiche apportate, mantenendo sempre il controllo completo di qualsiasi condivisione.

Figura 8 – Schedulazione degli snapshots

Figura 9 – Review e creazione della share

Il destinatario riceverà al termine del processo di creazione della condivisione una notifica tramite mail.

Figura 10 – Invito ricevuto tramite mail dalla persona alla quale si vuole inviare dati

Figura 11 – Invito di Data Share dal portale Azure

Colui che riceve i dati condivisi dovrà disporre di un servizio Azure Data Share per poter consultare i dati condivisi.

Figura 12 – Accettazione invito di Data Share

In seguito all’accettazione dell’invito è necessario specificare il target, nel caso specifico lo storage account, sul quale far confluire i dati ricevuti. Tali contenuti si può scegliere se mantenerli sincronizzati secondo lo scheduling specificato dal mittente.

Figura 13 – Configurazione dello storage account target

Figura 14 – Dettaglio di una condivisione ricevuta

Nelle condivisioni ricevute viene inoltre fornita la possibilità di forzare manualmente il trigger di una snapshot (completa oppure incrementale).

Conclusioni

In un mondo in cui la quantità, la tipologia e la varietà dei dati è in costante crescita, è necessario disporre di servizi che consentano alle organizzazioni di collaborare tra di loro condividendo dati di qualsiasi tipologia e dimensione. Grazie al servizio Azure Data Share è possibile condividere dati, tra realtà aziendali differenti, in modo semplice, sicuro e rispettando le politiche di governance. L’aggiunta di nuovi Dataset per la condivisione dei dati, prevista nel breve periodo, renderà questo servizio ancora più completo ed efficace.

Azure Governance: introduzione ad Azure Resource Graph

L’Azure Governance è possibile grazie ad una serie di servizi appositamente progettati per consentire una gestione ed un costante controllo delle varie risorse Azure su vasta scala. Tra questi servizi troviamo Resource Graph, un potente strumento che da command-line consente rapidamente di ottenere dettagli riguardanti i differenti artifacts di Azure. Utilizzando Resource Graph è possibile recuperare informazioni che in precedenza richiedevano necessariamente la creazione di script complessi ed iterativi. In questo articolo vengono riportate le caratteristiche della soluzione e come è possibile utilizzarla per scoprire i dettagli delle risorse Azure su larga scala.

Caratteristiche del servizio

In presenza di ambienti Azure complessi che vedono la presenza di molte subscription, mantenere una visibilità complessiva di tutte le risorse Azure può risultare complesso senza l’adozione di strumenti appositamente sviluppati. Queste le esigenze che tipicamente si devono affrontare:

  • Possibilità di visualizzare le risorse Azure e le rispettive proprietà in modo trasversale tra differenti subscription.
  • Poter eseguire in modo efficiente delle query sulle risorse impostando dei filtri, dei raggruppamenti e imponendo un preciso ordinamento sulle rispettive proprietà.
  • Esplorare iterativamente le differenti risorse.
  • Valutare l’impatto dato dall’applicazione di policy su un numero elevato di risorse cloud.

Il servizio Azure Resource Graph consente, grazie all’utilizzo di un linguaggio efficiente e performante di effettuare le seguenti azioni:

  • Eseguire query sulle risorse applicando filtri, raggruppamenti e ordinamenti complessi.
  • Esplorare iterativamente le risorse in base ai requisiti di governance.
  • Valutare l’impatto dato dall’applicazione delle policy in un vasto ambiente cloud.
  • Dettagliare le modifiche che vengono apportate alle proprietà delle risorse Azure. Recentemente è stata infatti introdotta la possibilità di visualizzare gli ultimi 14 giorni di cronologia relativa alle modifiche apportate alle risorse, per individuare quali proprietà sono state modificate e quando. Questa funzionalità risulta particolarmente utile in fase di troubleshooting, per individuare eventuali eventi di modifica in una specifica fascia oraria. Inoltre, risulta funzionale per comprendere le proprietà che sono state modificate quando una risorsa ha cambiato lo stato di compliance, in modo da valutare l’adozione di Azure Policy per gestire opportunamente tali proprietà. Per maggiori informazioni a riguardo è possibile consultare la documentazione ufficiale Microsoft.

Tutte queste azioni garantiscono aspetti importanti per poter governare al meglio il proprio ambiente Azure.

Quando una risorsa di Azure viene aggiornata, Resource Graph viene notificato da Resource Manager della relativa modifica ed aggiorna di conseguenza il suo database. Resource Graph esegue inoltre regolarmente una scansione completa delle risorse per garantire che i suoi dati siano aggiornati nel caso di mancate notifiche oppure di aggiornamenti che avvengono al di fuori di Resource Manager.

Come utilizzare Resource Graph

Le query di Azure Resource Graph sono basate sul linguaggio Kusto, utilizzato anche da Azure Data Explorer, Application Insights ed Azure Log Analytics. Per maggiori dettagli sull’utilizzo del linguaggio di query di Azure Resource Graph è possibile consultare la documentazione ufficiale Microsoft, che riporta come è strutturato e quali sono gli operatori e le funzionalità supportate.

Resource Graph supporta l’Azure CLIAzure PowerShell e Azure SDK per .NET. L’esecuzione di query Resource Graph richiede nell’Azure CLI environment l’aggiunta della relativa extension, mentre in Azure PowerShell è necessaria l’installazione del modulo Resource Graph. Le query sono comunque sempre strutturate in modo identico, indipendentemente da dove vengono eseguite.

L’utilizzo di Resource Graph richiede che l’utente con il quale vengono eseguite le query disponga di permessi almeno in lettura, tramite Role-based access control (RBAC), sulle risorse che si intende interrogare. Nel caso non siano presenti almeno i permessi di lettura su determinate risorse, le interrogazioni non restituiranno i risultati relativi ad esse.

Il servizio Azure Resource Graph viene utilizzato anche quando si effettuano delle ricerche nella search bar del portale Azure, nel nuovo elenco delle risorse (‘All resources’) e nella change history delle Azure Policy.

Figura 1 – Experience di ‘All resources’ che utilizza Azure Resource Graph

Query di esempio

Si riportano alcuni esempi di query Resource Graph ed il relativo risultato.

Figura 2 – Query per contare le risorse per tipologia (Resource Type)

Figura 3 – Query per contare le risorse in base alla location geografica

Le query Azure Resource Graph hanno il grosso vantaggio che oltre a poter ottenere il risultato desiderato in modo semplice, sono anche molto performanti:

Figura 4 – Tempo di esecuzione della query per contare le risorse in base alla location

Se si volesse ottenere questo risultato utilizzando il classico metodo PowerShell in ambienti Azure complessi, bisognerebbe collegarsi alla singola subscription Azure, ricercare le informazioni necessarie e passare alla subscription successiva. Questo approccio era l’unico possibile fino all’arrivo di Resource Graph, ma risultava essere più laborioso e molto meno performante.

Figura 5 – Elenco delle VMs con l’OS disk non Managed

Conclusioni

Azure Resource Graph permette di esplorare e analizzare in modo rapido ed efficace le risorse Azure, consentendo di mantenere una visibilità totale anche sugli ambienti Azure particolarmente complessi, costituiti da diverse subscription, ciascuna delle quali con un numero elevato di elementi. Particolarmente utile la funzionalità che consente di consultare la cronologia delle modifiche apportate alle risorse Azure. Azure Resource Graph è uno strumento che consente di apportare un contributo significativo per la governance del proprio ambiente Azure.

Azure IaaS and Azure Stack: announcements and updates (July 2019 – Weeks: 27 and 28)

This series of blog posts includes the most important announcements and major updates regarding Azure infrastructure as a service (IaaS) and Azure Stack, officialized by Microsoft in the last two weeks.

Azure

Pubic preview for large file shares (100 TiB) on standard tier

Announced the public preview of large file shares for Azure Files standard tier. Azure File Sync, until now, scaling cloud file shares beyond 5 TiB required changing the paradigm for accessing data. The preview of a larger and higher scale standard tier for Azure Files, is available to all Azure customers. This preview significantly improves your experience by increasing standard file shares’ capacity and performance limits. In select regions, standard file shares in general purpose accounts can support the following larger limits:

Azure Files Before (standard tier) New (standard tier)
Capacity per share 5 TiB 100 TiB (20x increase)
Max IOPS per share 1,000 IOPS 10,000 IOPS (10x increase)
Max throughput per share Up to 60 MiB/s Up to 300 MiB/s (5x increase)

Performance limits for a single file remain the same at 1 TiB, 1000 IOPS, and 60 MiB/s. Standard file shares are backed by hard disk drives. If the workload is latency sensitive, you should consider Azure Files premium tier, that is backed by solid-state drives.

New larger B-series VM sizes with flexible CPU usage

Microsoft has released three new B-series sizes: B12ms, B16ms and B20ms. These are lower cost VMs with flexible CPU usage.

Azure Data Box Heavy is generally available

Azure Data Box Heavy has reached general availability in the US and EU. Data Box Heavy is designed for a much larger scale than the original Data Box. Data Box Heavy’s one petabyte of raw capacity and multiple 40 Gbps connectors mean that a datacenter’s worth of data can be moved into Azure in just a few weeks.

Network Watcher is Generally Available in South Africa

Network Watcher is a cloud based solution for troubleshooting and monitoring networks in Azure. Azure Network Watcher is generally available in South Africa North region. 

Azure Ephemeral OS Disk is Generally Available

Ephemeral OS disks are created on the local virtual machine (VM) storage and not saved to the remote Azure Storage. Ephemeral OS disks work well for stateless workloads, where applications are tolerant of individual VM failures, but are more affected by VM deployment time or reimaging the individual VM instances. With Ephemeral OS disk, you get lower read/write latency to the OS disk and faster VM reimage. Ephemeral OS disk is free i.e., you incur no storage cost for the OS disk. You can still be charged for any data disks attached to the VM. You can use either the Marketplace or Custom or Gallery Images to deploy VM/VM Scale Set (VMSS) with Ephemeral OS Disk. This functionality is available in all Azure regions.

Azure Monitor for VMs is available in East and South East Australia regions

Azure Monitor for VMs is now available in East Australia and South East Australia. Azure Monitor for VMs monitors your Azure virtual machines and virtual machine scale sets. The service analyzes the performance and health of your Windows and Linux VMs, monitoring their processes and their dependencies on other resources and external processes.

Azure Migrate is enhanced

Azure Migrate is now enhanced and can help you discover, assess, and migrate applications, infrastructure, and data from your on-premises environments to Azure. You can centrally track progress of your migration journey across multiple Microsoft and Independent Software Vendor (ISV) tools in Azure Migrate.

This release includes the following functionality:

  • Extensible approach with choice across Microsoft and popular ISV assessment and migration tools

  • Integrated experience for discovery, assessment, and migration with end-to-end progress tracking for servers and databases

  • Server Assessment and Server Migration for large-scale VMware, Hyper-V, and physical server migrations

  • Database Assessment and Database Migration across various database targets including Azure SQL Database and Managed Instance

Azure Governance: come organizzare le risorse utilizzando gli Azure Management Groups

In presenza di ambienti con un numero elevato di subscription Azure è necessario avere un livello di astrazione differente per poter gestire in modo efficace gli accessi, le policy e la compliance. A questo scopo sono stati introdotti gli Azure Management Groups, che consentono di organizzare differenti subscriptions in contenitori logici, sui quali definire, porre in essere e verificare le politiche di governo necessarie. In questo articolo vengono esaminati nel dettaglio i relativi concetti e vengono riportate delle indicazioni per organizzare al meglio le risorse Azure al fine di facilitare il processo di governance.

Per organizzare in modo efficace le risorse Azure è fondamentale definire una gerarchia di management groups e di subscriptions sulla quale è possibile applicare le Azure Policy, il servizio che consente di creare, assegnare e gestire dei criteri di controllo. L’utilizzo dei Management Group è inoltre utile per gestire in modo efficace l’assegnazione dei permessi tramite role-based access control (RBAC), a fini di delega amministrativa.

Figura 1 – Esempio di gerarchia di Management Groups

Ogni risorsa Azure è contenuta all’interno di una specifica Azure Subscription, la quale è associata ad un solo tenant Azure Active Directory, ed eredita i permessi impostati a tale livello.

Al momento, un vincolo da tenere in considerazione, è che un Management Group può contenere più subscriptions purché le stesse facciano parte dello stesso tenant Azure Active Directory.  Detto in altri termini, i Management Groups risiedono all’interno di un tenant e non possono contenere subscriptions di tenant diversi. I security principal utilizzabili sui management group possono provenire solo dal tenant di riferimento per il management group.

Figura 2 –  Relazione tra Azure AD e la struttura organizzativa

Le risorse Azure appartenenti a una subscription sono contenute a loro volta in Resource Groups. I resource groups sono contenitori di risorse che, a fini amministrativi, consentono di ottenere i seguenti vantaggi:

  • Facilitano la delega amministrativa in quanto le risorse contenute ereditano i permessi a livello di resource group.
  • Sui resorce group si possono assegnare dei tag, anche se questi non vengono in automatico ereditati dalle risorse, ma è opportuno prevedere dei meccanismi specifici se lo si ritiene necessario.

Figura 3 – Relazione tra i livelli della struttura organizzativa

Le Azure Policy possono essere assegnate a livello di Subscription oppure di Management Group e possono essere definite eccezioni per Resource Group. A questo proposito si consiglia quando possibile, di organizzare le policy in “initiative” e assegnarle a livello di Management Group.

Il Management Group root è al livello top e contiene tutti Management Groups configurati e le varie subscriptions Azure. Il root Management Group non può essere rimosso o spostato. La struttura può essere creata con al massimo sei livelli di profondità, senza considerare il Root level e il livello della subscription. Ogni Management Group può avere più figli, ma è supportato un solo parent per ogni Management Group e per ogni subscription.

In assenza di specifici requisiti, Microsoft consiglia di dividere gli ambienti di produzione da quelli di “DevTest”, creando due livelli di management groups. Al management group root di default saranno associate le policy fondamentali, come ad esempio quelle relative alla security. Sui restanti Management Groups saranno invece associate policy specifiche. La gerarchia dei Management Groups permette di avere un modello per il quale le policy che vengono definite a livelli più alti della gerarchia non possono essere sovrascritte dai livelli inferiori.

Figura 4 – Management Group & Subscription Modeling Strategy

Questo approccio consente di gestire ambienti Azure complessi, che vedono la presenza di più subscription. in modo più semplice e flessibile, per le seguenti ragioni:

  • Il concetto di ereditarietà consente con un’unica associazione di applicare i controlli voluti e l’assegnazione dei ruoli su differenti subscriptions.
  • Si ha una gestione centralizzata.
  • Si possono includere ulteriori subscription nella gerarchia, con la consapevolezza che dovranno aderire alle politiche stabilite e che avranno l’assegnazione dei ruoli desiderata.

Conclusioni

I processi di goverance attraverso i quali è possibile garantire a un’organizzazione un utilizzo efficace ed efficiente delle risorse IT, al fine di poter raggiungere i propri obiettivi, non possono esimersi dall’adozione di un modello che consenta di organizzare in modo efficace le risorse Azure. L’utilizzo dei Management Groups, in ambienti con un numero considerevole di subscriptions, diventa quindi fondamentale per far fronte all’esigenza comune di standardizzare, e in alcuni casi imporre, come vengono configurate le differenti risorse nel cloud.

Azure management services e System Center: novità di Giugno 2019

Nel mese di giugno sono state annunciate, da parte di Microsoft, un numero considerevole di novità riguardanti gli Azure management services e System Center. La nostra community, tramite questi articoli rilasciati mensilmente, vuole fornire una panoramica complessiva delle principali novità del mese, in modo da rimanere sempre aggiornati su questi argomenti ed avere i riferimenti necessari per effettuare maggiori approfondimenti.

Azure Log Analytics

Azure Monitor VMBoundPort

In Azure Monitor è stata annunciata la disponibilità, in tutte le region supportate da Log Analytics, di consultare i VMBoundPort data setVMBoundPort contiene le informazioni relative a tutte le porte che accettano traffico in ingresso e che potenzialmente possono accettarlo. Si tratta di una funzionalità molto utile, per analizzare quali porte sono aperte e quali sono attive, per effettuare analisi di security oppure a fini di troubleshooting.

Nuova region supportata per Azure Monitor per VMs

Azure Monitor per VMs, il servizio che consente di analizzare le performance e lo stato di salute dei sistemi Windows e di VMs Linux, monitorando i loro processi e le ralative dipendenze con altre risorse, è ora disponibile anche nella region di West US 2. Diventano così sette le regions Azure che attualmente supportano Azure Monitor per VMs.

Disponibilità in nuove regions
Azure Log Analytics è ora possibile attivarlo anche in queste nuove regions: South Africa North, Brazil South, UK West e North Central US.

Advanced Data Security disponibile per SQL Server in VMs Azure

Advanced data security è diponibile in preview per SQL Server su VMs Azure. Questa funzionalità consente di proteggere le installazioni di SQL Server fatte a bordo di macchine virtuali in ambiente Azure. Tale servizio attualmente include le funzionalità necessarie per individuare e mitigare potenziali vulnerabilità sui database e consente di rilevare attività anomale che possono indicare la presenza di una minaccia di security sul server.

Aggionamenti nella User Interface di Azure Monitor Log Analytics 

Nel corso del mese alcuni elementi dell’interfaccia di Azure Monitor Log Analytics hanno subito un cambiamento, per meggiori dettagli è possibile consultare questo documento.

Nuova versione dell’agente per sistemi Linux

Questo mese la nuova versione dell’agente di Log Analytics per sistemi Linux introduce miglioramenti riguardanti in particolare il processo di installazione e le performance. Per ottenere maggiori informazioni a riguardo è possibile accedere alla pagina ufficiale GitHub.

Azure Site Recovery

Nuovo Update Rollup

Per Azure Site Recovery è stato rilasciato l’Update Rollup 37 che risolve diverse problematiche e introduce alcuni miglioramenti. I relativi dettagli e la procedura da seguire per l’installazione è consultabile nella KB specifica 4508614.

Replica di nuovi data disk aggiunti

Azure Site Recovery ha introdotto la possibilità di abilitare la replica di data disk, solo se di tipologia managed, che vengono aggiunti a una VM in Azure, per la quale è già abilitata la possibilità di effetture il disaster recovery.

Nuovi limiti di supporto del Mobility service per scenari di DR di VMs VMware e server fisici

Azure Site Recovery ora è in grado di supportare fino a cinque partizioni GPT su UEFI, quando si utilizza il Mobility service per scenari di disaster recovery di VMs VMware e di server fisici.

Utilizzo di un automation account esistente per gli aggiornamenti automatici del Mobility service

In fase di configurazione degli updates automatici dell’extension Azure Site Recovery Mobility service in esecuzione sulle VMs Azure abilitate per scenari di disaster recovery, è stata introdotta la possibilità di selezionare un automation account esistente da utilizzare, invece di utilizzare quello di default creato da Site Recovery. 

Azure Backup

Supporto per SQL Server 2008 e 2008 R2 in VMs in Azure

Il 9 Luglio 2019 termina ufficialmente il supporto per SQL Server 2008 e 2008 R2 e grazie all’approccio di Microsoft, che garantisce altri 3 anni di update di security se migrati in ambiente Azure, molti clienti stanno procedendo con la relativa migrazione. Nel caso si scelga di spostare il SQL Server presente on-premises in una macchina in ambiente Azure è opportuno gestirne i backup e per questa ragione Microsoft ha deciso di introdurre in Azure Backup il supporto (al momento in public preview) di SQL Server 2008 e SQL Server 2008 R2 a partire da Windows 2008 R2 SP1.

System Center Configuration Manager

Nuovo rilascio per il Technical Preview Branch

Per Configuration Manager è stato rilasciato l’update 1906 che tra le principali novità prevede la possibilità di specificare una user category come filtro nelle applications presenti nella pagina del Software Center.

Per verificare i dettagli riguardanti le novità incluse in questo aggiornamento è possibile consultare questo documento.

Si ricorda che i rilasci nel Technical Preview Branch consentono di valutare in anteprima le nuove funzionalità di SCCM ed è consigliato applicare questi aggiornamenti solo in ambienti di test.

System Center Updates Publisher

Annunciata la disponibilità in preview di System Center Updates Publisher (SCUP) giugno 2019.

Valutazione di Azure e System Center

Per testare e valutare in modo gratuito i servizio offerti da Azure è possibile accedere a questa pagina, mentre per provare i vari componenti di System Center è necessario accedere all’Evaluation Center e, dopo essersi registrati, è possibile avviare il periodo di trial.

Azure IaaS and Azure Stack: announcements and updates (June 2019 – Weeks: 25 and 26)

This series of blog posts includes the most important announcements and major updates regarding Azure infrastructure as a service (IaaS) and Azure Stack, officialized by Microsoft in the last two weeks.

Azure

General availability of Azure Premium Files

Premium Files is a new performance tier for Azure Files and is designed for IO intensive workloads with low latency and higher throughput requirements. Premium tier provides 20x capacity, 100x IOPS, and 170x throughput as compared to the existing standard tier. Premium Files stores data on the latest Solid-State Drives (SSDs), which makes it suitable for wide variety of workloads like file services, databases, persistent storage for containers, content and collaboration repositories, analytics, home directories, high variable and batch workloads, among many others. 

Azure Bastion Public Preview

Azure Bastion enables more secure and seamless RDP and SSH access to Azure Virtual machines directly in the portal (over port 443) without the need of any public IP on the virtual machine. Additional details are available on the Azure Bastion product page, and Azure Bastion product documentation page.

Azure Firewall: public preview for multiple public IPs and Availability Zones

Azure Firewall now supports multiple public IPs and availability zones in public preview using PowerShell and templates:

Just-in-time access supports Azure Firewall

When a user requests access to a VM with a JIT policy, Security Center first checks that the user has Role-Based Access Control (RBAC) permissions to request access to a VM with a JIT policy. If the user has permissions and the request is approved, Security Center automatically configures the NSG and the Azure Firewall rules to allow inbound traffic.

ExpressRoute supports up to 4 circuits from the same peering location into the VNet

ExpressRoute now supports up to 4 circuits from a single peering location connected to an ExpressRoute virtual network gateway, which was previously limited to a single circuit in a peering location. This is generally available in Azure Public.

Preview Refresh for Azure DNS Private Zones

Announced the Refresh release for Azure DNS private zones (preview). The Preview Refresh introduces new functionality and lifts several restrictions that public preview had.

Availability of Microsoft cloud datacenter regions in the Middle East

Microsoft Azure and Office 365 are now generally available from datacenter regions in the United Arab Emirates (UAE), with plans for Dynamics 365 and Power Platform to be available by the end of 2019.

VM Health feature now supports new OS’ and is available in new regions

VM Health feature now supports new OS’ and is available in new regions

VM Health feature included in Azure monitor for VMs is now available for VMs that are running on Windows 2012 R2 and 2019. Additionally, VM Health feature is also available in cases where the associated workspace is in SEA (South East Asia), UKS (UK South), and CCAN (Canada Central) regions.

Public preview of monitoring VM scale sets

Public preview of monitoring Windows and Linux VM scale sets from within the scale set resource blade.

Update rollup for Azure File Sync Agent

An update rollup for the Azure File Sync agent was released.

Improvements and issues that are fixed:

  • Accessing or browsing a server endpoint location over SMB is slow on Windows Server 2012 R2.
  • Increased CPU utilization after installing the Azure File Sync v6 agent.
  • Cloud tiering telemetry improvements.

More information about this update rollup:

  • This update is available for Windows Server 2012 R2, Windows Server 2016 and Windows Server 2019 installations that have Azure File Sync agent version 4.0.1.0 or later installed.
  • The agent version of this update rollup is 6.3.0.0.
  • A restart may be required if files are in use during the update rollup installation.
  • Installation instructions are documented in KB4489739.

M-series VMs are available in the South Africa North region

Azure M-series VMs are now available in the US South Central region. M-series VMs offer configurations with memory from 192 GB to 3.8TiB (4TB) RAM and are certified for SAP HANA.

GPU Optimized Visualization VMs now available in new regions

NVv3-Series VMs are now available in South Central US, West US, West Europe and North Europe Azure regions.

Azure Stack

Azure Stack update

This update includes new improvements, and fixes for Azure Stack. This article describes the contents of the 1906 update package.