Archivi categoria: Cloud & Datacenter Management

Unveiling the future: key insights from Microsoft Ignite on Azure IaaS and Azure Stack HCI

In this article, I take you through the latest technological advancements and updates announced at the recent Microsoft Ignite event. With a focus on Azure Infrastructure as a Service (IaaS) and Azure Stack, my aim is to provide a thorough and insightful overview of the innovative solutions and strategic initiatives unveiled by Microsoft. This pivotal event, renowned for its groundbreaking revelations in the tech sphere, has introduced a range of new features, enhancements, and visionary developments within the Microsoft ecosystem. I invite you to join me in exploring these developments in detail, as I offer my personal insights and analysis on how they are set to shape the future of cloud infrastructure and services.

Azure

General

Microsoft recently unveiled Copilot for Azure, an AI companion designed to enhance the design, operation, optimization, and troubleshooting of applications and infrastructure, from cloud to edge. Leveraging large language models and insights from Azure and Arc-enabled assets, Copilot offers new insights and functionality while prioritizing data security and privacy.

In AI infrastructure updates, Microsoft is optimizing its hardware and software stack, collaborating with industry leaders to offer diverse AI inferencing, training, and compute options. Key developments include:

  • Custom silicon chips, Azure Maia and Azure Cobalt, for AI and enterprise workloads, enhancing performance and cost-effectiveness.
  • Azure Boost, enhancing network and storage performance, is now generally available.
  • ND MI300 v5 virtual machines with AMD chips, optimized for generative AI workloads.
  • NC H100 v5 virtual machines with NVIDIA GPUs, improving mid-range AI training and inferencing efficiency.

Additionally, Microsoft and Oracle have announced the general availability of Oracle Database@Azure, integrating Oracle database services with Microsoft Azure’s security and services, starting in the US East Azure region in December 2023 and expanding further in early 2024.

Compute

Azure is introducing new AMD-based virtual machines (VMs), now in preview, featuring the 4th Generation AMD EPYC™ Genoa processor. These VMs offer enhanced performance and reliability across various series, each with different memory-to-core ratios catering to general purpose, memory-optimized, and compute-optimized needs.

For SAP HANA workloads, the Azure M-series Mv3 family, powered by 4th-generation Intel® Xeon® Scalable processors and Azure Boost, provides faster insights and improved price-performance. They also offer improved resilience, faster data load times for SAP HANA OLAP workloads, and higher performance per core for SAP OLTP workloads. Azure Boost enhances these VMs with improved network and storage performance and security.

Azure also introduces new confidential VMs with Intel processors, featuring Intel® Trust Domain Extensions (TDX) for secure processing of confidential workloads in the cloud. These VMs support a range of new features, including RHEL 9.3 for AMD SEV-SNP confidential VMs, Disk Integrity Tool for disk security, temporary disk encryption for AMD-based VMs, and expanded regional availability. The NCCv5 series confidential VMs, equipped with NVIDIA H100 Tensor Core GPUs, are unique in the cloud sphere. They offer AI developers the ability to deploy GPU-powered applications confidentially, ensuring data encryption in both CPU and GPU memory and providing attestation reports for data privacy.

Also, Azure has introduced two new features in public preview:

  • Azure VMSS Zonal Expansion: this feature allows users to transition their VMs from a regional to a zonal configuration across Azure availability zones, significantly enhancing business continuity and resilience.
  • VM Hibernation: Azure now offers a VM hibernation feature, allowing users to save on compute costs. When a VM is hibernated, its in-memory state is preserved in the OS disk, and the VM is deallocated, incurring charges only for storage and networking resources. Upon reactivation, the VM resumes its applications and processes from the saved state, allowing for quick continuation of work.

These updates reflect Azure’s commitment to offering advanced, secure, and versatile cloud computing options.

Storage

Azure has announced several updates to its storage services to enhance data management, performance, and cloud migration:

  • Azure Ultra Disk Storage: the IOPS and throughput for Azure Ultra Disk Storage have been increased, now supporting up to 400,000 IOPS and 10,000 MB/s per disk. This enhancement allows a single disk to support the largest VMs, reducing the need for multiple disks and enabling shared disk configurations.
  • Azure Storage Mover: this service, now generally available, facilitates the migration of on-premises file shares to Azure file shares and Azure Blob Storage. It includes new support for SMB share migration and a VMware agent image.
  • Azure Native Qumulo Scalable File Service: the ANQ V2 offers improved economics and scalability, separating performance from capacity. It simplifies cloud file services, enabling rapid deployment and management through a unified namespace.
  • Amazon S3 Shortcuts: now generally available, these shortcuts allow the integration of data in Amazon S3 with OneLake, enabling a unified virtualized data lake without data duplication.
  • Azure Data Lake Storage Gen2 Shortcuts: these shortcuts, also generally available, enable connection to external data lakes in ADLS Gen2 into OneLake. This allows data reuse without duplication and enhances interoperability with Azure Databricks and Power BI.

Networking

Azure introduces several updates aimed at enhancing network security, flexibility, and performance:

  • Private Subnet: a new feature allowing the disabling of default outbound access for new subnets, enhancing security and aligning with Azure’s “secure by default” model.
  • Customer-controlled maintenance: this public preview feature allows scheduling gateway maintenance during convenient times across various gateway resources.
  • Azure Virtual Network Manager Security Admin Rule: now generally available in select regions, it enforces standardized security policies globally across virtual networks, enhancing security management and reducing operational complexities.
  • ExpressRoute Direct and Circuit in different subscriptions: this general availability feature allows ExpressRoute Direct customers to manage network costs and connect circuits from multiple subscriptions, improving resource management.
  • ExpressRoute as a Trusted Service: now customers can store MACsec secrets in Azure KeyVault with Firewall Policies, restricting public access while enabling trusted service access.
  • ExpressRoute seamless gateway migration: this feature enables a smooth migration from a non-availability zone to an Availability-zone (AZ) enabled Gateway SKU, eliminating the need to dismantle existing gateways.
  • Rate Limiting on ExpressRoute Direct Circuits: this public preview feature allows rate-limiting on circuits, optimizing bandwidth usage and improving network performance.
  • ExpressRoute Scalable Gateway: The new ErGwScale Virtual Network Gateway SKU offers up to 40 Gbps connectivity and features auto-scaling based on bandwidth usage, enhancing flexibility and efficiency in network connectivity.

Azure Stack

Azure Stack HCI

Azure Stack HCI version 23H2

At Microsoft Ignite 2023, the company announced the public preview of Azure Stack HCI version 23H2, introducing several advancements. Key features include cloud-based deployment, update management, and monitoring, enhancing the ease and efficiency of managing infrastructure at scale. With version 23H2, deployment from the cloud is now possible, simplifying the setup process and minimizing on-site expertise requirements. The new Lifecycle Manager consolidates updates into a monthly package, streamlining update management and reducing compatibility issues. Azure Stack HCI now offers comprehensive monitoring with Azure Monitor, providing detailed insights into system performance and health.

The update also emphasizes central management of diverse workloads, whether container-based, VM-based, cloud, or edge-run, through Azure Arc and an adaptive cloud approach. Version 23H2 supports a variety of virtual machines and introduces Azure Kubernetes Service for edge-based container management. Additionally, Azure Virtual Desktop for Azure Stack HCI is in preview, offering enhanced virtualized desktops and apps with improved latency and optional GPU acceleration.

Significant attention is given to security with Azure Stack HCI version 23H2. It ensures a secure deployment by default and integrates with Microsoft Defender for Cloud for comprehensive security management. The Trusted launch feature for Azure Arc-enabled virtual machines, previously exclusive to the Azure cloud, is now available at the edge, providing additional protection against firmware and bootloader attacks.

While the 23H2 version is currently available for preview, it is not yet recommended for production use, with general availability (GA) expected in early 2024. Microsoft advises customers to continue using version 22H2 for production environments, with an update path from 22H2 to 23H2 to be detailed later. For more detailed information on Azure Stack HCI version 23H2, readers are encouraged to visit this article.

Conclusion

As we wrap up our exploration of the latest updates from Microsoft Ignite, it’s clear that the advancements in Azure IaaS and Azure Stack are not just incremental; they are transformative. Microsoft’s commitment to innovation and its vision for a more integrated, efficient, and scalable cloud infrastructure is evident in every announcement and feature update. These developments promise to redefine how businesses and developers leverage cloud computing, enhancing agility, security, and sustainability.

The implications of these updates extend beyond mere technical enhancements; they signal a shift towards a future where cloud infrastructure is more accessible, resilient, and adaptive to evolving business needs. As I conclude this article, I am left with a sense of excitement and anticipation for what these changes mean for the industry. The journey of cloud computing is ever-evolving, and with Microsoft’s recent announcements at Ignite, we are witnessing a significant leap forward in that journey.

Thank you for joining me in this deep dive into Microsoft’s latest innovations. I look forward to continuing this discussion and exploring how these advancements will unfold and impact our digital world in the days to come.

The evolution of Azure Stack HCI with Premier Solutions

As businesses worldwide seek more efficient, scalable, and customizable solutions for their IT infrastructure needs, Microsoft unveils the “Premier Solutions for Azure Stack HCI.” This launch provides companies with a range of new opportunities, seamlessly integrating with existing solutions to achieve Azure Stack HCI systems and enhancing possibilities for businesses of all sizes. In this article, we will explore the features of this new offering, how it integrates with existing solutions, and how it might redefine the future of Azure Stack HCI.

Previous Context

To activate the Azure Stack HCI solution, on-premise hardware is required. Until now, companies could rely on:

  • Azure Stack HCI Integrated Systems: Some hardware providers offer systems specifically designed and optimized for Azure Stack HCI, providing an experience reminiscent of a dedicated appliance. These solutions also include unified support, provided in collaboration between the provider and Microsoft.
  • Azure Stack HCI Validated Nodes: This method relies on the use of hardware carefully verified and validated by a specific hardware provider. This strategy allows advanced hardware customization based on customer needs, offering the possibility to select specific details related to the processor, memory, storage, and network card features, always respecting the provider’s compatibility specifications. Several hardware manufacturers offer solutions compatible with Azure Stack HCI, and most Azure Stack HCI configurations are currently made following this approach.

What’s New: Premier Solutions for Azure Stack HCI

Premier Solutions” represent a new category in the Azure Stack HCI product landscape, created to offer users a better operational experience. These solutions promise faster achievement of tangible results and unprecedented flexibility thanks to “as-a-service” provisioning options. This significant advancement is the result of collaboration with tech giants like Dell Technologies and Lenovo. The essence of this initiative is the fusion of the best available technologies into a deeply integrated, complete infrastructure solution, providing a seamless experience between hardware, software, and cloud services.

Key strengths of the Premier Solutions include:

  • Advanced Integration: An unparalleled combination of hardware, software, and cloud services, allowing companies to reduce time spent on infrastructure management and focus more on innovation.
  • Guaranteed Reliability: Microsoft and its partners are dedicated to continuous testing to ensure maximum reliability and minimal downtime.
  • Simplified Implementation: Comprehensive deployment workflows, making the implementation of Azure Stack HCI clusters a simple and repeatable process.
  • Facilitated Updates: Jointly tested and automated full-stack updates, allowing for continuous, easy updates.
  • Flexible Purchase Models: Various purchase options and additional services to facilitate the start of Azure Stack HCI solutions.
  • Global Availability: A consistent solution available everywhere, ensuring consistency worldwide.

Figure 1 – Azure Stack HCI Solution Categories

Visually, we can imagine the Azure Stack HCI solution categories as overlapping layers: at the top, we find the Premier Solutions, ready for immediate use after deployment; followed by the Integrated Systems, targeted configurations with pre-installed software for specific tasks; and finally, the Validated Nodes, boasting the broadest variety of hardware components.

For a detailed comparison between the different categories of Azure Stack HCI solutions, you can refer to this document.

A Case in Point: Dell APEX Cloud Platform for Microsoft Azure

A shining example of this collaboration is the new Dell APEX Cloud Platform for Microsoft Azure. This platform goes beyond the capabilities of the Validated Node and Integrated System categories, offering a turnkey Azure Stack HCI experience.

Born from close collaboration between Dell and Microsoft, its native integration with Azure aims to realize a shared goal: to simplify the customer experience and provide the flexibility needed for modern IT infrastructure.

Dell APEX Cloud Platform for Microsoft Azure is the result of meticulous engineering collaboration between Dell and Microsoft. It offers deep integration and automation between the technological layers of the two companies, accelerating the value achieved by customers and amplifying IT agility and productivity. With a wide range of configuration options and form factors, optimized for both main data center infrastructures and edge deployments, this platform can address a wide range of use scenarios, allowing organizations to drive innovation in every context.

A Look to the Future

In the coming months, Microsoft plans to expand the Premier Solutions portfolio with innovative edge platforms from Lenovo, consolidating its industry leadership and offering solutions increasingly suited to customer challenges. To learn more about the available Azure Stack HCI solutions, you can visit the relevant catalog.

Conclusions

Hybrid solutions represent the future of IT infrastructure, offering flexibility, scalability, and unprecedented integration between on-premise and cloud. The recent introduction of “Premier Solutions for Azure Stack HCI” is clear evidence of this, demonstrating Microsoft’s commitment to the constant evolution of its ecosystem. Collaboration with giants like Dell and Lenovo highlights a strategic synergy aimed at providing companies with cutting-edge, efficient, and optimized solutions. In particular, the Dell APEX Cloud Platform for Microsoft Azure symbolizes the pinnacle of this collaboration, presenting a solution that perfectly meets the modern needs of IT infrastructure management and evolution. As the IT landscape continues to evolve, it’s clear that solutions like Azure Stack HCI will be at the heart of digital transformation, guiding organizations towards a more connected, integrated, and innovative future.

Embracing the future: why Azure Stack HCI is the optimal choice for modernizing On-Premises infrastructure

As the digital landscape evolves, businesses are constantly seeking ways to harness the power of technology to stay competitive and efficient. While cloud computing has emerged as a game-changer, offering unparalleled flexibility and scalability, many enterprises still grapple with the challenge of integrating their on-premises infrastructure with the cloud. Microsoft’s Azure Stack HCI presents a compelling solution to this dilemma, bridging the gap between traditional data centers and the innovative world of the cloud. In this article, we delve into the unique advantages of Azure Stack HCI and why it stands out as the preferred choice for businesses aiming to modernize their IT infrastructure.

Azure Stack HCI is Microsoft’s solution that allows you to create a hyper-converged infrastructure (HCI) for running workloads in an on-premises environment, with a strategic connection to various Azure services. Azure Stack HCI has been specifically designed by Microsoft to help customers modernize their hybrid data center, offering a complete and familiar Azure experience on-premises. If you need more information about the Microsoft Azure Stack HCI solution, I invite you to watch this video.

Figure 1 – Overview of Azure Stack HCI

In my daily interactions with customers, I am often asked why they should choose Azure Stack HCI over other well-known solutions that have been on the market for a long time. In the following paragraphs, I will outline what I believe are the main reasons to opt for Azure Stack HCI.

Modernize your on-premises infrastructure by bringing innovation

Azure Stack HCI is not synonymous with a virtualization environment but allows you to achieve much more. It is ideal if you want to modernize your infrastructure by adopting a hyper-converged architecture that allows you to:

    • Activate virtual machines based on consolidated technologies that make the environment stable and highly available, especially suitable for workloads that require high performance and scalability.
    • Deploy and manage modern applications based on microservices, alongside virtual machines, in the same cluster environment, using Azure Kubernetes Service (AKS). In addition to running Windows and Linux apps in containers, AKS provides the infrastructure to run selected Azure PaaS services on-premises, thanks to Azure Arc.
    • Activate virtual machines with Windows Server 2022 Azure Datacenter edition, which offers specific features not available in the classic Standard and Datacenter editions. To learn more about the features available in this edition, you can consult this article.
    • Create Azure Virtual Desktop session host pools using virtual machines running on-premises. This hybrid scenario becomes interesting in situations where applications are latency-sensitive, such as video editing, or scenarios where users need to use a legacy system on-premises that cannot be easily accessed.
    • Extend the features of the on-premises solution by connecting to various Azure services such as Azure Site Recovery, Azure Backup, Azure Monitor, and Defender for Cloud. This aspect ensures constant innovation, given the continuous evolution of cloud services.

Optimize costs

The Azure Stack HCI cost model, detailed in this article, is straightforward. Specifically, for customers with a Software Assurance contract, adopting Azure Stack HCI results in a drastic reduction in the costs of modernizing the virtualization environment, making this solution even more cost-competitive compared to competitors in the market. Recently, when comparing the costs between Azure Stack HCI and VMware vSphere + vSAN over a 3-year projection, it emerged that Azure Stack HCI allows savings of up to 40%.

Increase the level of security

Azure Stack HCI offers cross-cutting security on hardware and firmware, integrated into the operating system’s features, capable of helping protect servers from advanced threats. Azure Stack HCI systems can adopt Secured-core security features, all through an easy configuration experience from Windows Admin Center. Additionally, Azure Stack HCI allows you to obtain important security patches for legacy Microsoft products that have passed the support deadline, through the Extended Security Update (ESU) program. Considering that October 10, 2023, marks the end of extended support for Windows Server 2012 and Windows Server 2012 R2, Azure Stack HCI allows more time to embark on an application modernization path without neglecting security aspects.

Maximize existing investments

Azure Stack HCI can integrate with the existing environment and the most popular third-party solutions. Therefore, adopting this solution does not require new investments to introduce or adapt management, identity, security, and protection solutions. Specifically, the administrative management of Azure Stack HCI does not require specific software, but existing management tools such as Admin Center, PowerShell, System Center Virtual Machine Manager, and even third-party tools can be used. Furthermore, by adopting Azure Stack HCI and Azure Arc, it is possible to apply cloud management models to the on-premises environment, greatly simplifying the user experience. Azure Stack HCI allows you to fully exploit not only the investments already made concerning tools but also the skills of IT staff.

Conclusions

In today’s fast-paced technological era, the choice of IT infrastructure can significantly influence a business’s agility, security, and overall growth. While there are numerous solutions available, Azure Stack HCI emerges as a frontrunner, seamlessly merging the reliability of on-premises systems with the innovation of the cloud. Its unique features, cost-effectiveness, and robust security measures make it an invaluable asset for companies aiming to stay ahead of the curve. By choosing Azure Stack HCI, businesses not only safeguard their current investments but also pave the way for a future-ready, integrated, and efficient IT environment.

Microsoft Defender for Cloud: un’estate di innovazioni per rimodellare la sicurezza aziendale

In un’era in cui la sicurezza dei dati e la gestione efficiente delle risorse cloud sono diventate priorità imprescindibili, Microsoft Defender for Cloud emerge come uno strumento strategico per le aziende moderne. Questa soluzione, integrata nell’ambiente Azure, offre una protezione avanzata, facilitando la gestione della sicurezza e delle conformità a livello aziendale. In questo articolo, verranno esplorate le principali novità che hanno caratterizzato Defender for Cloud nell’estate 2023, delineando come queste innovazioni possano rappresentare un valore aggiunto per le aziende.

I benefici dell’adozione di Defender for Cloud

Adottare Defender for Cloud in un contesto aziendale non è solo una scelta strategica, ma una necessità crescente. Questa soluzione consente di centralizzare e semplificare la gestione della sicurezza, offrendo una visione olistica che facilita il monitoraggio continuo e la risposta rapida alle minacce di sicurezza. Inoltre, contribuisce a ottimizzare la security posture di ambienti ibridi e multi-cloud, garantendo nel contempo una protezione avanzata e il rispetto di differenti conformità normative.

Novità dell’Estate 2023

Possibilità di includere Defender for Cloud nei business case fatti con Azure Migrate

Per le aziende intenzionate a trasferire le proprie risorse su piattaforme cloud come Azure, la pianificazione della migrazione è fondamentale. Con l’integrazione di Defender for Cloud in Azure Migrate, ora è possibile garantire una protezione avanzata fin dalla fase iniziale di migrazione. Questa integrazione assicura che le strategie di sicurezza siano ben integrate nel piano di migrazione, fornendo una transizione più sicura e senza problemi verso il cloud.

Defender for Cloud, sempre più agentless

Numerose funzionalità di Defender for Cloud sono ora disponibili senza la necessità di installare un agent:

  • Protezione dei container in Defender CSPM: discovery agentless. La transizione dal discovery guidato da agenti al discovery senza agenti, per la protezione dei container in Defender CSPM, rappresenta un salto qualitativo notevole verso una gestione della sicurezza più snella ed efficace. Questa nuova funzionalità elimina la necessità di installare agenti su ogni container, semplificando così il processo di discovery e riducendo l’utilizzo delle risorse.
  • Defender for Containers: agentless discovery per Kubernetes. Defender for Containers ha lanciato la funzione di discovery senza agent per Kubernetes, rappresentando un notevole passo avanti nella sicurezza dei container. Questo strumento offre una visione dettagliata e una completa capacità di inventario degli ambienti Kubernetes, assicurando un livello di sicurezza e conformità senza pari.
  • Defender for Servers P2 & Defender CSPM: agentless secret scanning per Virtual Machines. La funzionalità di scansione dei secret senza l’uso di agent, presente in Defender for Server P2 e Defender CSPM, consente di individuare secret non supervisionati e vulnerabili memorizzati sulle macchine virtuali. Questo strumento si rivela essenziale per impedire azioni di lateral movement nella rete e ridurre i rischi correlati.

Data Aware Security Posture 

Adottare una postura di sicurezza consapevole anche per i dati è fondamentale ed ora Microsoft Defender for Cloud è in grado di soddisfare anche questa esigenza. Questa funzionalità consente alle aziende di minimizzare i rischi legati ai dati, fornendo strumenti che individuano automaticamente le informazioni sensibili e valutano le relative minacce, migliorando la risposta alle violazioni dei dati. In particolare, la funzione di identificazione dei dati sensibili per i database PaaS è attualmente in fase di anteprima. Questa permette agli utenti di catalogare i dati critici e riconoscere le tipologie di informazioni all’interno dei loro database, rivelandosi fondamentale per una gestione e protezione efficace dei dati sensibili.

Supporto di GCP in Defender CSPM

L’introduzione del supporto per Google Cloud Platform (GCP) in Defender CSPM, attualmente in anteprima, segna un passo significativo verso una gestione della sicurezza più integrata e versatile, estendendo le capacità di Defender CSPM ad un’ampia gamma di servizi presenti nel cloud pubblico di Google.

Scansione malware in Defender for Storage

Defender per Storage introduce la funzionalità di scansione malware, superando le sfide tradizionali legate alla protezione da malware e fornendo una soluzione ideale per settori fortemente regolamentati. Questa funzione, disponibile come componente aggiuntivo, rappresenta un notevole potenziamento delle soluzioni di sicurezza di Microsoft Defender for Storage. Con la scansione malware si ottengono i seguenti benefici.

  • Protezione, in tempo pressoché reale, senza agent: capacità di intercettare malware avanzati come quelli polimorfici e metamorfici.
  • Ottimizzazione dei costi: grazie a una tariffazione flessibile, si possono controllare i costi basandosi sulla quantità di dati esaminati e con una granularità a livello di risorsa.
  • Abilitazione su larga scala: senza necessità di manutenzione, supporta risposte automatizzate su larga scala e offre diverse opzioni per l’attivazione tramite strumenti e piattaforme come Azure policy, Bicep, ARM, Terraform, API REST e il portale Azure.
  • Versatilità applicativa: basandosi sul feedback degli utenti beta negli ultimi due anni, la scansione malware si è dimostrata utile in una varietà di scenari, come applicazioni web, protezione dei contenuti, conformità, integrazioni con terze parti, piattaforme collaborative, flussi di dati e set di dati per l’apprendimento automatico (ML).

Express Configuration per il Vulnerability Assessments in Defender for SQL 

L’opzione di configurazione ‘express’ per le valutazioni delle vulnerabilità in Defender for SQL, ora disponibile per tutti, agevola il riconoscimento e la gestione delle vulnerabilità, garantendo una risposta tempestiva e una protezione più efficace.

GitHub Advanced Security per Azure DevOps

Risulta ora possibile visualizzare gli alert di GitHub Advanced Security per Azure DevOps (GHAzDO) relativi a CodeQL, secret e dipendenze, direttamente in Defender for Cloud. I risultati verranno visualizzati nella sezione DevOps e nelle Raccomandazioni. Per vedere questi risultati, è necessario integrare i propri repository abilitati a GHAzDO in Defender for Cloud.

Nuovo processo di auto-provisioning per il piano SQL Server (preview)

L’agente di monitoraggio Microsoft (MMA) verrà deprecato nell’agosto 2024. Defender for Cloud ha aggiornato la sua strategia sostituendo MMA con il rilascio di un processo di auto-provisioning dell’agente di monitoraggio Azure mirato a SQL Server.

Rivisitazione del modello di business e della struttura tariffaria

Microsoft ha rivisto il modello di business e la struttura tariffaria dei piani Defender for Cloud. Queste modifiche, mirate a offrire una maggiore chiarezza nelle spese e a rendere più intuitiva la struttura dei costi, sono state apportate in risposta al feedback dei clienti per migliorare l’esperienza d’uso complessiva.

Conclusione

L’estate 2023 ha segnato un periodo di innovazioni significative per Microsoft Defender for Cloud. Queste novità, orientate verso una gestione della sicurezza più integrata e semplificata, promettono di portare benefici tangibili alle aziende, facilitando la protezione dei dati e la conformità in ambienti cloud sempre più complessi.

Scopri le strategie infallibili per ottimizzare i costi su Azure

Le peculiarità e i vantaggi innegabili del cloud computing possono, in determinate situazioni, celare delle insidie se non gestite con la dovuta attenzione. Una gestione dei costi oculata rappresenta uno degli aspetti cruciali della governance del cloud. In questo articolo, verranno esplorati e delineati i principi e le tecniche che si possono impiegare per ottimizzare e minimizzare le spese relative alle risorse implementate nell’ambiente Azure.

La questione dell’ottimizzazione dei costi legati al cloud è un argomento che riscuote un interesse sempre più marcato tra numerosi clienti. Tanto che, per il settimo anno di fila, emerge come la principale iniziativa nel settore cloud, secondo quanto riportato nel rapporto annuale di Flexera del 2023.

Figura 1 – Iniziative riportate nel rapporto di Flexera del 2023

Principi per gestire al meglio i costi

Per una gestione efficace dei costi associati ad Azure, è fondamentale adottare i principi delineati nei paragrafi che seguono.

Progettazione

Un processo di progettazione ben strutturato, che includa un’analisi meticolosa delle necessità aziendali, è essenziale per personalizzare l’adozione delle soluzioni cloud. Diventa quindi cruciale delineare l’infrastruttura da implementare e il modo in cui verrà utilizzata, attraverso un piano di progettazione che mira a ottimizzare l’efficienza delle risorse allocate nell’ambiente Azure.

Visibilità

È vitale dotarsi di strumenti che offrano una visione globale e che permettano di ricevere notifiche relative ai costi di Azure, facilitando così un monitoraggio costante e proattivo delle spese.

Responsabilità

Assegnare i costi delle risorse cloud alle rispettive unità organizzative all’interno dell’azienda è una pratica sagace. Ciò assicura che i responsabili siano pienamente consapevoli delle spese attribuibili al loro team, promuovendo una comprensione approfondita delle spese di Azure a livello organizzativo. A tale scopo, è consigliabile strutturare le risorse Azure in modo da facilitare l’identificazione e l’attribuzione dei costi.

Ottimizzazione

È consigliabile intraprendere revisioni periodiche delle risorse Azure con l’intento di minimizzare le spese ove possibile. Avvalendosi delle informazioni disponibili, è possibile identificare con facilità le risorse sottoutilizzate, eliminare gli sprechi e capitalizzare le opportunità di risparmio sui costi.

Iterazione

È fondamentale che il personale IT sia impegnato in maniera continua nei processi iterativi di ottimizzazione dei costi delle risorse Azure. Questo rappresenta un elemento chiave per una gestione responsabile e efficace dell’ambiente cloud.

Tecniche per ottimizzare i costi

Indipendentemente dagli specifici strumenti e dalle soluzioni impiegate, per affinare la gestione dei costi in Azure, è possibile aderire alle seguenti strategie:

  • Spegnere le risorse inutilizzate, dato che la tariffazione dei diversi servizi Azure si basa sull’effettivo utilizzo delle risorse. Per quelle risorse che non richiedono un funzionamento ininterrotto e che consentono, senza alcuna perdita di configurazioni o dati, una disattivazione o una sospensione, è possibile implementare un sistema di automazione. Questo sistema, regolato da una programmazione predefinita, facilita l’ottimizzazione dell’utilizzo e, di conseguenza, una gestione più economica delle risorse stesse.
  • Dimensionare adeguatamente le risorse, consolidando i carichi di lavoro e intervenendo proattivamente sulle risorse sottoutilizzate, permette di evitare sprechi e di garantire un utilizzo più efficiente e mirato delle capacità disponibili.
  • Per le risorse utilizzate in modo continuativo nell’ambiente Azure, valutare l’opzione delle Reservations può rivelarsi una strategia vantaggiosa. Le Azure Reservations offrono la possibilità di beneficiare di una significativa riduzione dei costi, che può arrivare fino al 72% rispetto alle tariffe pay-as-you-go. Questo vantaggio è ottenibile impegnandosi a pagare per l’utilizzo delle risorse Azure per un periodo di uno o tre anni. Tale pagamento può essere effettuato in anticipo o su base mensile, senza alcun costo aggiuntivo. L’acquisto delle Reservations può essere effettuato direttamente dal portale Azure ed è disponibile per i clienti con i seguenti tipi di abbonamento: Enterprise Agreement, Pay-As-You-Go e Cloud Solution Provider (CSP).
  • Per attenuare ulteriormente i costi associati ad Azure, è opportuno considerare l’implementazione dell’Azure Hybrid Benefit. Questo vantaggio consente di realizzare un notevole risparmio, in quanto Microsoft permette di sostenere unicamente i costi relativi all’infrastruttura Azure, mentre le licenze per Windows Server o per SQL Server sono coperte da un contratto di Software Assurance o da una subscription già esistente.

L’Azure Hybrid Benefit può essere esteso anche ad Azure SQL Database, ai SQL Server installati su macchine virtuali Azure e alle SQL Managed Instances. Questi benefici facilitano la transizione verso soluzioni cloud, offrendo fino a 180 giorni di diritto di doppio utilizzo, e contribuiscono a valorizzare gli investimenti preesistenti in termini di licenze SQL Server. Per approfondire le modalità di utilizzo dell’Azure Hybrid Benefit per SQL Server, si invita a consultare le FAQ presenti in questo documento. È importante notare che questo vantaggio è applicabile anche alle sottoscrizioni di RedHat e SUSE Linux, ampliando ulteriormente le opportunità di risparmio e ottimizzazione dei costi.

L’Azure Hybrid Benefit può essere combinato con le Azure Reserved VM Instances, creando un’opportunità di risparmio significativo che può toccare l’80% del totale, specialmente quando si opta per un acquisto di Azure Reserved Instance della durata di 3 anni. Questa sinergia non solo rende l’investimento più economico, ma massimizza anche l’efficienza operativa.

  • Considerare l’integrazione di nuove tecnologie e l’applicazione di ottimizzazioni architetturali è cruciale. Questo processo implica la selezione del servizio Azure più appropriato per le specifiche esigenze dell’applicazione in questione, garantendo non solo un allineamento tecnologico ottimale, ma anche una gestione dei costi più efficiente.
  • Allocare e de-allocare risorse in modo dinamico è fondamentale per rispondere alle fluttuanti esigenze di prestazioni. Questo approccio è noto come “autoscaling”, un processo che facilita l’allocazione flessibile delle risorse per incontrare le specifiche necessità di prestazioni in ogni momento. Con l’intensificarsi del carico di lavoro, un’applicazione potrebbe necessitare di risorse supplementari per mantenere i livelli di prestazioni desiderati e adempiere agli SLA (Service Level Agreement). Al contrario, quando la domanda si riduce e le risorse aggiuntive non sono più indispensabili, queste possono essere de-allocate per minimizzare i costi. L’autoscaling capitalizza sull’elasticità degli ambienti cloud, permettendo non solo una gestione dei costi più efficace, ma anche riducendo il carico amministrativo, poiché le risorse possono essere gestite in modo più fluido e con meno interventi manuali.
  • Per gli ambienti dedicati a test e sviluppo, è consigliabile considerare l’utilizzo delle sottoscrizioni Dev/Test, che offrono la possibilità di accedere a sconti significativi sulle tariffe di Azure. Queste sottoscrizioni possono essere attivate nell’ambito di un contratto di Enterprise Agreement, facilitando così una gestione dei costi più vantaggiosa e una sperimentazione più agile e economica durante le fasi di sviluppo e test.

Conclusioni

L’adozione di un approccio metodologico nella gestione dei costi del cloud, unitamente all’impiego di strategie adeguate, rappresenta un pilastro fondamentale per navigare con successo nella complessa sfida della gestione economica del cloud. Attingendo dai principi e dalle tecniche delineate in questo articolo, gli utenti possono non solo ottimizzare le spese, ma anche valorizzare al massimo il loro investimento nel cloud, garantendo un equilibrio tra costi e benefici.

Hotpatching di Windows Server: una rivoluzione nella gestione delle macchine virtuali

Nell’era digitale, assicurare una continuità operativa è essenziale, non più solo un valore aggiunto. Per molte aziende, interruzioni frequenti, anche di breve durata, sono inaccettabili per i loro workload critici. Tuttavia, garantire tale continuità può risultare complesso, considerando che la gestione delle macchine virtuali (VM) con sistema operativo Windows Server è per certi aspetti complessa, soprattutto in relazione all’applicazione di patch di sicurezza e aggiornamenti. Con l’avvento della funzionalità di hotpatching da parte di Microsoft, si è aperto un nuovo capitolo nella gestione delle VM: un approccio più efficiente che minimizza le interruzioni, garantendo server sempre aggiornati e protetti. Questo articolo esamina le caratteristiche e i vantaggi di questa innovativa soluzione.

Cos’è l’Hotpatching?

L’hotpatching, introdotto da Microsoft, è una tecnica avanzata che consente di aggiornare sistemi operativi Windows Server senza la necessità di effettuare un riavvio. Immagina di poter “cambiare le gomme” della tua auto in movimento senza doverla fermare. Questa è la “magia” dell’hotpatching.

Dove è possibile utilizzare l’Hotpatching

La funzionalità Hotpatch è supportata sul sistema operativo “Windows Server 2022 Datacenter: Azure Edition”, che è possibile utilizzarlo per le VM che girano in ambiente Azure ed Azure Stack HCI.

Le immagini Azure disponibili per questa funzionalità sono:

  • Windows Server 2022 Datacenter: Azure Edition Hotpatch (Desktop Experience)
  • Windows Server 2022 Datacenter: Azure Edition Core

Da notare che Hotpatch è attivato di default sulle immagini Server Core e che Microsoft ha recentemente esteso il supporto all’hotpatching per includere Windows Server con Desktop Experience, ampliando ulteriormente il campo di applicazione di questa funzionalità.

Aggiornamenti supportati

Hotpatch copre gli aggiornamenti di sicurezza di Windows e mantiene un allineamento con il contenuto degli aggiornamenti di sicurezza emessi nel canale di aggiornamento Windows regolare (non hotpatch).

Ci sono alcune considerazioni importanti per l’esecuzione di una VM Windows Server Azure Edition con hotpatch abilitato:

  • i riavvii sono ancora necessari per installare gli aggiornamenti che non sono inclusi nel programma hotpatch;
  • i riavvii sono anche richiesti periodicamente dopo che è stata installata una nuova baseline;
  • i riavvii mantengono la VM sincronizzata con le patch non di sicurezza incluse nell’ultimo aggiornamento cumulativo.

Le patch attualmente non incluse nel programma hotpatch includono aggiornamenti non di sicurezza rilasciati per Windows, aggiornamenti .NET e aggiornamenti non-Windows (come driver, aggiornamenti firmware, ecc.). Questi tipi di patch potrebbero richiedere un riavvio durante i mesi di Hotpatch.

Benefici dell’Hotpatching

I benefici di questa tecnologia sono molteplici:

  • Migliore sicurezza: con l’hotpatching, le patch di sicurezza vengono applicate in modo rapido ed efficiente. Questo riduce la finestra di vulnerabilità tra il rilascio di una patch e la sua applicazione, offrendo una protezione rapida contro le minacce.
  • Minimizzazione del downtime: uno dei principali vantaggi dell’hotpatching è la capacità di applicare aggiornamenti senza la necessità di riavviare il server. Ciò significa meno interruzioni e una maggiore disponibilità per le applicazioni e per i servizi.
  • Gestione più flessibile: gli amministratori di sistema hanno la libertà di decidere quando applicare le patch, senza la preoccupazione di dover effettuare una attenta pianificazione per garantire che i processi in esecuzione non vengano interrotti durante l’applicazione degli aggiornamenti.

Come funziona l’Hotpatching

Durante un processo di hotpatching, la patch di sicurezza viene iniettata nel codice in esecuzione del sistema operativo in memoria, aggiornando il sistema mentre è ancora in funzione.

Hotpatch funziona stabilendo prima una baseline con l’attuale Aggiornamento Cumulativo per Windows Server. Periodicamente (con cadenza trimestrale), la baseline viene aggiornata con l’ultimo Aggiornamento Cumulativo, dopodiché vengono rilasciati hotpatch per i due mesi successivi. Ad esempio, se a gennaio viene rilasciato un Aggiornamento Cumulativo, febbraio e marzo vedrebbero il rilascio di hotpatch. Per il calendario di rilascio degli hotpatch, è possibile consulta le note di rilascio per Hotpatch in Azure Automanage per Windows Server 2022.

Gli hotpatch contengono aggiornamenti che non richiedono un riavvio. Poiché Hotpatch corregge il codice in memoria dei processi in esecuzione senza la necessità di riavviare il processo, le applicazioni ospitate sul sistema operativo non sono influenzate dal processo di patching. Questa azione è separata da eventuali implicazioni sulle prestazioni e sulle funzionalità della patch stessa.

L’immagine seguente riporta un esempio di un programma annuale di rilascio degli aggiornamenti (inclusi esempi di baseline non pianificate a causa di correzioni zero-day).

Figura 1 – Schema di una programmazione annuale di esempio per il rilascio degli aggiornamenti Hotpatch

Ci sono due tipi di baseline:

  • Baseline Pianificate: vengono rilasciate con una cadenza regolare, con rilasci di hotpatch nel mezzo. Le Baseline Pianificate includono tutti gli aggiornamenti in un Aggiornamento Cumulativo più recente e richiedono un riavvio.
  • Baseline Non Pianificate: vengono rilasciate quando viene rilasciato un aggiornamento importante (come una correzione zero-day) e quel particolare aggiornamento non può essere rilasciato come hotpatch. Quando vengono rilasciate le baseline non pianificate, un rilascio di hotpatch viene sostituito con una baseline non pianificata in quel mese. Anche le Baseline Non Pianificate includono tutti gli aggiornamenti in un Aggiornamento Cumulativo più recente e richiedono un riavvio.

La programmazione riportata nell’immagine di esempio illustra:

  • quattro rilasci di baseline pianificate in un anno solare (cinque in totale nel diagramma) e otto rilasci di hotpatch;
  • due baseline non pianificate che sostituirebbero i rilasci di hotpatch per quei mesi.

Processo di orchestrazione delle patch

Hotpatch è da considerate come un’estensione di Windows Update e gli strumenti di orchestrazione delle patch variano a seconda della piattaforma in uso.

Orchestrazione di Hotpatch in Azure

Le macchine virtuali create in Azure sono abilitate di default per il patching automatico se utilizzata un’immagine supportata di “Windows Server Datacenter: Azure Edition”:

  • le patch classificate come Critiche o di Sicurezza vengono automaticamente scaricate e applicate sulla VM;
  • le patch vengono applicate durante le ore di minore attività considerando il fuso orario della VM;
  • Azure gestisce l’orchestrazione delle patch e le patch vengono applicate seguendo i principi di disponibilità;
  • lo stato di salute della macchina virtuale, determinato attraverso i segnali di salute della piattaforma Azure, viene monitorato per rilevare fallimenti nel patching.

Orchestrazione di Hotpatch in Azure Stack HCI

Gli aggiornamenti Hotpatch per le macchine virtuali attive in ambiente Azure Stack HCI possono essere orchestrati utilizzando:

  • Group Policy per configurare le impostazioni del client Windows Update;
  • le impostazioni del client Windows Update oppure SCONFIG per Server Core;
  • una soluzione di gestione delle patch di terze parti.

Considerazioni e limitazioni

Tuttavia, come ogni tecnologia, anche l’hotpatching ha le sue sfumature. Non tutte le patch sono adatte per l’hotpatching; alcune potrebbero ancora richiedere un riavvio tradizionale. Inoltre, prima di applicare qualsiasi patch, rimane fondamentale testarla in un ambiente controllato per evitare potenziali problemi.

L’installazione di aggiornamenti Hotpatch non supporta il rollback automatico. Infatti, se una VM riscontra un problema durante o dopo un aggiornamento, risulta necessario disinstallare l’aggiornamento e installare l’ultimo aggiornamento baseline noto come valido. In seguito al rollback sarà necessario riavviare la VM.

Conclusione

L’introduzione dell’hotpatching da parte di Microsoft rappresenta un passo avanti significativo nella gestione delle VM con sistema operativo Windows Server. Con la capacità di applicare patch di sicurezza e aggiornamenti senza interruzioni, gli amministratori possono garantire che i loro server siano protetti e aggiornati in un modo più rapido ed efficace. In un mondo in cui la sicurezza è di primaria importanza e in cui ogni secondo conta, l’hotpatching si posiziona come una soluzione di valore per ogni azienda che utilizza Windows Server in ambiente Azure oppure in ambiente Azure Stack HCI.

Rivoluziona la gestione dei costi cloud con l’IA: scopri il nuovo copilot di Microsoft Cost Management!

Nell’era digitale, il cloud computing è diventato una componente essenziale per molte aziende, offrendo flessibilità, scalabilità e agilità. Tuttavia, con l’adozione sempre più diffusa del cloud, la gestione dei costi associati è diventata una sfida sempre più complessa e le aziende sono alla ricerca di soluzioni innovative per ottimizzare le loro spese nel cloud. In questo contesto, Microsoft ha introdotto “Copilot” in Cost Management, una nuova funzionalità basata sull’intelligenza artificiale, progettata per aiutare le aziende a navigare in questo panorama complesso. In questo articolo vengono riportate le principali caratteristiche di questa integrazione, che promette di rivoluzionare il modo in cui le aziende gestiscono ed ottimizzano le loro spese per le risorse cloud.

Una visione chiara dei costi con Microsoft Cost Management

Microsoft Cost Management, disponibile direttamente dal portale Azure, offre una visione dettagliata dei costi operativi, permettendo alle aziende di comprendere meglio come vengono spesi i loro fondi. Questo strumento fornisce informazioni dettagliate sulle spese, evidenziando eventuali anomalie e modelli di spesa. Inoltre, permette di impostare budget, condividere i costi tra diversi team e identificare opportunità di ottimizzazione.

L’IA al servizio della gestione dei costi

Con l’introduzione dell’IA in Microsoft Cost Management, gli utenti possono ora fare domande in linguaggio naturale per ottenere rapidamente le informazioni di cui hanno bisogno. Ad esempio, per comprendere una fattura recente, è possibile chiedere una suddivisione dettagliata delle spese. L’IA fornirà una panoramica delle diverse categorie di spesa e del loro impatto sul totale.

Oltre a fornire una panoramica dei costi, l’IA offre suggerimenti su come analizzare ulteriormente le spese. Gli utenti possono confrontare le fatture mensili, esaminare le spese specifiche o indagare su eventuali anomalie. L’IA fornisce anche informazioni dettagliate su eventuali variazioni nei costi e suggerisce azioni correttive.

L’IA integrata in Microsoft Cost Management interpreta le intenzioni dell’utente e recupera i dati necessari da diverse fonti. Queste informazioni vengono poi presentate a un modello di linguaggio avanzato che genera una risposta. È importante notare che i dati recuperati non vengono utilizzati per addestrare il modello, ma solo per fornire il contesto necessario per generare una risposta pertinente.

Prospettive future

Le capacità dell’IA in Microsoft Cost Management sono in continua evoluzione. In futuro, gli utenti potranno sfruttare simulazioni e modellazioni “what-if” per prendere decisioni informate. Ad esempio, potranno esplorare come varieranno i costi di archiviazione in caso di crescita aziendale o valutare l’impatto di spostare risorse da una regione all’altra.

Figura 1 – Esempio di simulazione e modellazione “what-if”

Benefici

L’introduzione dell’AI in Microsoft Cost Management permette di ottenere i seguenti benefici:

  • Maggiore visibilità e controllo dei costi: con una maggiore visibilità e comprensione dei costi delle risorse cloud, le organizzazioni possono prendere decisioni in modo più consapevole e gestire meglio i loro budget.
  • Efficienza operativa: l’uso dell’IA per analizzare e interpretare i dati riduce il tempo e lo sforzo necessari per ottenere intuizioni preziose. Inoltre, gli utenti possono porre domande specifiche in linguaggio naturale e ricevere risposte dettagliate, personalizzate per le loro esigenze.

Figura 2 – Esempi di domande

  • Ottimizzazione: con suggerimenti e raccomandazioni guidati dall’IA, le organizzazioni possono identificare e attuare opportunità di ottimizzazione per ridurre ulteriormente i costi.

Conclusione

L’integrazione di Copilot in Microsoft Cost Management rappresenta un passo avanti significativo nella gestione dei costi del cloud. Con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, le aziende ora hanno uno strumento potente per ottimizzare le loro spese e assicurarsi di operare al massimo della loro efficienza. Con l’evoluzione costante dell’intelligenza artificiale, si prospettano ulteriori e interessanti innovazioni nell’ambito della gestione dei costi del cloud e non solo.

Azure al tuo fianco: nuove soluzioni per la fine del supporto di Windows Server 2012/R2

Nell’era dell’Intelligenza Artificiale e dei servizi nativi per il cloud, le organizzazioni continuano a fare affidamento su Windows Server come piattaforma sicura e affidabile per i loro workload mission-critical. Tuttavia, è importante ricordare che il supporto per Windows Server 2012/R2 terminerà il 10 ottobre 2023. Dopo tale data, i sistemi Windows Server 2012/R2 diventeranno vulnerabili se non si intraprenderanno dei provvedimenti, poiché non riceveranno più regolarmente gli aggiornamenti di sicurezza. Recentemente, Microsoft ha annunciato che Azure offre nuove soluzioni per gestire al meglio la fine del supporto di Windows Server 2012/R2. Queste soluzioni saranno esaminate nel dettaglio in questo articolo, dopo un breve riepilogo per definire il contesto.

L’impatto del termine del supporto per Windows Server 2012 R2: cosa significa per le aziende?

Microsoft ha annunciato la fine del supporto per Windows Server 2012 e 2012 R2, fissata per il 10 ottobre 2023. Questo evento rappresenta un punto cruciale per molte organizzazioni che si affidano a questi server per accedere alle applicazioni e ai dati. Ma cosa significa esattamente la fine del supporto (EOL) e quali sono le implicazioni per le aziende?

Comprendere la fine del supporto

Microsoft ha una politica di ciclo di vita che fornisce supporto per i suoi prodotti, tra cui Windows Server 2012 e 2012 R2. La fine del supporto si riferisce al momento in cui un prodotto non è più supportato da Microsoft, il che significa che non verranno più forniti aggiornamenti di sicurezza, patch o supporto tecnico.

Perché le aziende dovrebbero preoccuparsi

Senza aggiornamenti e patch regolari, le aziende che utilizzano Windows Server 2012 e 2012 R2 sono esposte a vulnerabilità di sicurezza, come attacchi ransomware e violazioni dei dati. Inoltre, l’utilizzo di un prodotto non supportato come Windows Server 2012 o 2012 R2 può portare a problemi di non conformità. Infine, il software obsoleto può causare problemi di compatibilità con applicazioni e hardware più recenti, ostacolando l’efficienza e la produttività.

Un’opportunità per rivedere la strategia IT

Le aziende dovrebbero utilizzare l’evento di EOL come un’opportunità per rivedere la loro strategia IT e determinare gli obiettivi aziendali desiderati dalla loro tecnologia. In questo modo, possono allineare la tecnologia con i loro obiettivi a lungo termine, sfruttando le ultime soluzioni cloud e migliorando l’efficienza operativa.

Le strategie che è possibile adottare per affrontare questa situazione, evitando così di esporre la propria infrastruttura IT a problematiche di security, sono già state affrontate nell’articolo: Come la fine del supporto di Windows Server 2012 può essere una grande opportunità per i CTO.

A questo proposito, Microsoft ha introdotto due nuove opzioni, fornite tramite Azure, per agevolare la gestione di questa situazione:

  • aggiornamento dei server con Azure Migrate;
  • distribuzione sui server abilitati ad Azure Arc degli aggiornamenti derivanti dall’ESU (Extended Security Updates).

Nei paragrafi seguenti vengono descritte le caratteristiche di queste nuove opzioni.

Aggiornamento dei server Windows in fase di fine supporto (EOS) con Azure Migrate

Azure Migrate è un servizio offerto da Microsoft Azure che consente di valutare e migrare le risorse locali, come macchine virtuali, applicazioni e database, verso l’infrastruttura cloud di Azure. Recentemente, Azure Migrate ha introdotto il supporto per gli aggiornamenti in-place di Windows Server 2012 e versioni successive, durante il passaggio ad Azure. Questo permette alle organizzazioni di spostare le loro applicazioni e i loro database legacy su un sistema operativo completamente supportato, compatibile e conforme come Windows Server 2016, 2019 oppure 2022.

Vantaggi chiave della funzionalità di aggiornamento del sistema operativo di Azure Migrate

Mitigazione del rischio: Azure Migrate crea una replica del server originale in Azure, permettendo l’aggiornamento del sistema operativo sulla replica mentre il server di origine rimane intatto. In caso di problemi, i clienti possono facilmente tornare al sistema operativo originale.

Test di compatibilità: Azure Migrate offre la possibilità di eseguire una migrazione di prova in un ambiente isolato in Azure. Questo è particolarmente utile per gli aggiornamenti del sistema operativo, permettendo ai clienti di valutare la compatibilità del loro sistema operativo e delle applicazioni aggiornate senza impattare la produzione. In questo modo è possibile identificare e risolvere eventuali problemi in anticipo.

Riduzione dello sforzo e del downtime: integrando gli aggiornamenti del sistema operativo con la migrazione al cloud, i clienti possono risparmiare significativamente tempo e sforzo. Con un solo dato aggiuntivo, la versione del sistema operativo di destinazione, Azure Migrate si occupa del resto, semplificando il processo. Questa integrazione riduce ulteriormente il downtime del server e delle applicazioni su di esso ospitate, aumentando l’efficienza.

Nessuna licenza Windows separata: con l’aggiornamento del sistema operativo di Azure Migrate, non è necessario acquistare separatamente una licenza del sistema operativo per effettuare l’aggiornamento. Che il cliente utilizzi Azure Hybrid Benefits (AHB) o PAYG, risulta coperto quando migrerà a un VM Azure utilizzando Azure Migrate.

Aggiornamento dei server su larga scala: Azure Migrate supporta aggiornamenti del sistema operativo dei server su larga scala, permettendo ai clienti di aggiornare fino a 500 server in parallelo durante la migrazione ad Azure. Utilizzando il portale Azure, sarà possibile selezionare fino a 10 VMs alla volta per configurare le repliche. Per replicare più VMs è possibile utilizzare il portale e aggiungere le VMs da replicare in più lotti di 10 VMs, oppure utilizzare l’interfaccia PowerShell di Azure Migrate per configurare la replica.

Versioni del sistema operativo supportate

Azure Migrate è in grado di gestire:

  • Windows Server 2012: supporta l’aggiornamento a Windows Server 2016;
  • Windows Server 2012 R2: supporta l’aggiornamento a Windows Server 2016, Windows Server 2019;
  • Windows Server 2016: supporta l’aggiornamento a Windows Server 2019, Windows Server 2022;
  • Windows Server 2019: supporta l’aggiornamento a Windows Server 2022.

Distribuzione degli aggiornamenti derivanti dall’ESU sui server abilitati ad Azure Arc

Azure Arc è un insieme di soluzioni Microsoft che consentono alle aziende di gestire, governare e proteggere le risorse in vari ambienti, tra cui on-premise, edge e multi-cloud, estendendo le capacità di gestione di Azure a qualsiasi infrastruttura.

Per le organizzazioni che non sono in grado di modernizzare oppure migrare prima della data di fine del supporto di Windows Server 2012/R2, Microsoft ha annunciato gli Extended Security Updates (ESU) abilitati da Azure Arc. Con Azure Arc, le organizzazioni saranno in grado di acquistare e distribuire senza problemi gli Extended Security Updates (ESU) in ambienti on-premise o multicloud, direttamente dal portale Azure.

Per ottenere gli Extended Security Updates (ESU) per Windows Server 2012/R2 e SQL Server 2012 abilitati da Azure Arc, è necessario seguire i passaggi seguenti:

  • Preparazione dell’ambiente Azure Arc: innanzitutto, è necessario un ambiente Azure e un’infrastruttura Azure Arc funzionante. Azure Arc può essere installato su qualsiasi server che esegue Windows Server 2012/R2 oppure SQL Server 2012, a condizione che vengano rispettati i requisiti di connettività.
  • Registrazione del server in Azure Arc: una volta predisposto l’ambiente Azure Arc, è necessario registrare i server Windows o i sistemi SQL Server in Azure Arc. Questo processo consente ai sistemi di diventare risorse gestite in Azure, rendendoli idonei per gli ESU.
  • Acquisto degli ESU: una volta che i server sono registrati in Azure Arc, è possibile acquistare gli ESU, per ogni server che desideri proteggere, attraverso Azure.
  • Attivazione degli ESU: dopo l’acquisto degli ESU, è necessario attivarli sui server. Questo processo comporta l’installazione di una chiave di licenza e il download degli aggiornamenti di sicurezza da Windows Update o dall’infrastruttura locale di distribuzione degli aggiornamenti.
  • Installazione degli aggiornamenti: infine, una volta attivati gli ESU, è possibile effettuare l’installazione degli aggiornamenti di sicurezza sui server. Questo processo può essere gestito manualmente o automatizzandolo attraverso strumenti di gestione degli aggiornamenti.

NOTA: gli ESU forniscono solo aggiornamenti di sicurezza critici e importanti, non includono nuove funzionalità o miglioramenti delle prestazioni. Inoltre, gli ESU sono disponibili solo per un periodo limitato dopo la fine del supporto di Microsoft. Pertanto, si consiglia di prendere in considerazione la migrazione a versioni più recenti dei server per avere accesso a tutte le funzionalità, oltre agli aggiornamenti di sicurezza.

Conclusioni

Quest’anno, Microsoft celebra il 30° anniversario di Windows Server, un traguardo raggiunto grazie all’incessante innovazione e al sostegno dei clienti. Tuttavia, i clienti si devono impegnare a mantenere aggiornati i loro sistemi Windows Server prossimi alla fine del supporto. In particolare, la fine del supporto per Windows Server 2012 e 2012 R2 rappresenta un rischio significativo per le aziende, ma presenta anche un’opportunità per rivedere e migliorare la loro strategia IT. Identificando gli obiettivi aziendali desiderati, impegnandosi nella pianificazione strategica e, se necessario, utilizzando queste nuove soluzioni offerte da Azure, le aziende possono garantire una transizione fluida e di successo, ottimizzando la loro infrastruttura IT per raggiungere i loro obiettivi a lungo termine.

Microsoft Azure e Nutanix: una partnership strategica per il cloud ibrido

Negli ultimi anni, l’adozione del cloud computing ha registrato una crescita esponenziale, rivoluzionando il modo in cui le organizzazioni gestiscono le proprie risorse IT. Uno dei concetti chiave che ha guadagnato popolarità è il “cloud ibrido”, un modello operativo che combina il meglio dei servizi del cloud pubblico e privato in un’unica soluzione flessibile. Per offrire nuove soluzioni di cloud ibrido che combinano l’agilità delle applicazioni con una gestione unificata tra il cloud privato ed Azure, Microsoft ha stretto una partnership strategica con Nutanix, leader per le infrastrutture iperconvergenti. Questo articolo esplorerà i dettagli chiave di questa partnership strategica, illustrando come le soluzioni di cloud ibrido offerte da Azure e Nutanix possano supportare le aziende nel raggiungimento dei propri obiettivi di trasformazione digitale, garantendo al contempo sicurezza, affidabilità ed efficienza, indispensabili per il successo nell’era del cloud.

Riconoscendo la necessità di offrire soluzioni che si adattino alle esigenze specifiche dei clienti, Microsoft Azure è stato progettato fin dall’inizio con l’obiettivo di ridurre i costi e la complessità, migliorando al contempo l’affidabilità e l’efficienza. Questa visione si è concretizzata in una piattaforma completa che offre scelta e flessibilità per il proprio ambiente IT.

Figura 1 – Panoramica delle possibilità offerte da Microsoft Azure in termini di infrastruttura

Il passaggio al cloud non è sempre un processo lineare ed esistono situazioni in cui le piattaforme on-premise esistenti continuano a svolgere un ruolo vitale. Azure permette ai clienti di adottare il cloud secondo il proprio ritmo, assicurando la continuità nell’utilizzo delle piattaforme locali già conosciute. Questa opportunità è da tempo disponibile per VMware ed ora è disponibile anche per Nutanix.

Cosa sono i Nutanix Cloud Clusters (NC2)?

I Nutanix Cloud Cluster (NC2) sono istanze bare metal che si trovano fisicamente all’interno di cloud pubblici, tra cui Microsoft Azure ed AWS. NC2 esegue il core dello stack Nutanix HCI, che include i seguenti componenti principali:

  • Nutanix Acropolis Hypervisor (AHV): l’hypervisor basato su Kernel-based Virtual Machine (KVM) open source;
  • Nutanix Acropolis Operating System (AOS): il sistema operativo che astrae all’utente finale i componenti Nutanix, come KVM, virsh, qemu, libvirt e iSCSI, e che gestisce l’intera configurazione di backend;
  • Prism: la soluzione che fornisce agli amministratori un accesso centralizzato per configurare, monitorare e gestire in modo semplice gli ambienti Nutanix.

Figura 2 – Panoramica di Nutanix Cloud Cluster su Azure

Il cluster Nutanix su Azure sarà composto da almeno tre nodi. Le SKU disponibili per NC2 su Azure, con i dettagli di core, RAM, storage e rete sono disponibili a questo indirizzo.

La connessione dell’ambiente on-premise verso Azure è supportata sia tramite Express Route, sia tramite VPN Gateway.

Si riporta un esempio di implementazione di NC2, dal punto di vista network, in Azure:

Figura 3 – Esempio di implementazione di NC2 in Azure

Principali scenari di adozione

L’adozione della soluzione Nutanix in Azure può avvenire per far fronte ai seguenti scenari:

  • disaster recovery e business continuity;
  • necessità di una espansione del proprio datacenter;
  • necessità di migrare in modo semplice e veloce i prori workload Nutanix in Azure

Benefici di questa soluzione

Si riportano i principali benefici che si possono ottenere nell’adottare questa soluzione.

  • Adozione di una strategia di distribuzione ibrida coerente: è possibile stabilire una strategia di distribuzione ibrida coerente, combinando le risorse on-premises con i cluster Nutanix in Azure. Questo consente di operare in modo omogeneo e senza diversità tra i due ambienti.
  • Facile attivazione e scalabilità: con Azure, si ha la possibilità di attivare e scalare facilmente le applicazioni e i servizi senza incontrare particolari limitazioni. L’infrastruttura globale di Azure fornisce infatti la scalabilità e la flessibilità necessarie per soddisfare le mutevoli esigenze aziendali.
  • Ottimizzazione degli investimenti fatti: risulta possibile continuare a sfruttare gli investimenti fatti in termini di competenze e di utilizzo degli strumenti Nutanix.
  • Modernizzazione attraverso le potenzialità di Azure: con Azure, è possibile modernizzare l’architettura attraverso l’integrazione con servizi innovativi e all’avanguardia. Infatti, una volta che i clienti attivano il loro ambiente Nutanix, possono beneficiare di un’ulteriore integrazione con Azure, consentendo agli sviluppatori di applicazioni di accedere all’ecosistema completo dei servizi offerti da Azure.

Modello di costo

I clienti devono sostenere i costi per l’acquisto del software Nutanix e devono riconoscere a Microsoft il costo per l’utilizzo delle risorse cloud. Il software Nutanix sui cluster può essere licenziato in diversi modi:

  • Licenze BYO (Bring Your Own): questo tipo di licenza consente ai clienti di utilizzare le proprie licenze Nutanix già in loro possesso o che stanno acquistando. In questo modo, i clienti possono trasferire le loro licenze on-premises su NC2. È importante notare che la licenza Nutanix AOS deve essere di tipo Pro o Ultimate, poiché la licenza AOS Starter non può essere utilizzata con NC2.
  • PAYG (Pay-As-You-Go): questo modello di licenza prevede pagamenti orari in base al numero di core utilizzati o all’utilizzo di SSD. I clienti pagano solo per le risorse effettivamente utilizzate durante il tempo in cui il cluster è attivo.
  • Cloud Commit: questo modello richiede un impegno minimo da parte del cliente per un determinato periodo di tempo. I clienti si impegnano a utilizzare le risorse Nutanix su NC2 per un periodo specifico e beneficiano di tariffe preferenziali in base a tale impegno.

Opzioni di supporto

Microsoft offre il supporto per l’infrastruttura bare metal dei NC2 su Azure. Per richiedere assistenza è sufficiente aprire una richiesta specifica direttamente dal portale Azure. Nutanix, invece, fornisce il supporto per il software Nutanix di NC2 su Azure. Tale livello di supporto è denominato Production Support per NC2.

Conclusioni

Grazie alla collaborazione tra Microsoft e Nutanix, questa soluzione offre ai clienti che già dispongono di un ambiente Nutanix on-premises la possibilità di sfruttare le stesse funzionalità anche nel cloud pubblico di Microsoft, consentendo inoltre di accedere alla vasta gamma di servizi offerti da Azure. Questa soluzione permette di adottare un modello operativo coerente, che può aumentare l’agilità, la velocità di distribuzione e la resilienza dei workload critici.

Azure Stack HCI: l’innovazione dell’infrastruttura IT che riduce l’impatto ambientale

L’era dell’innovazione tecnologica ha il dovere di fondersi con la sostenibilità ambientale, e Microsoft Azure Stack HCI rappresenta un significativo passo avanti in questa direzione. Nel frenetico mondo dell’IT aziendale, le organizzazioni sono costantemente alla ricerca di soluzioni che non solo offrano prestazioni eccellenti ed innovazione, ma che contribuiscano anche a ridurre l’impatto ambientale delle proprie infrastrutture IT. Azure Stack HCI si pone come una soluzione all’avanguardia che coniuga l’eccellenza tecnologica con l’impegno verso la sostenibilità ambientale. In questo articolo, esploreremo le implicazioni positive per l’ambiente che derivano dell’adozione di Azure Stack HCI.

 

Riduzione del consumo energetico

In un’infrastruttura hyper-converged (HCI), diversi componenti hardware vengono sostituiti dal software, il quale unisce i livelli di elaborazione, storage e rete in una singola soluzione. Azure Stack HCI è la soluzione di Microsoft che consente di realizzare un’infrastruttura hyper-converged (HCI), in cui risorse di calcolo, storage e networking vengono consolidate in una piattaforma unica. Ciò elimina la necessità di dispositivi separati, come appliance, storage fabric e SAN, portando a una riduzione complessiva del consumo energetico. Inoltre, i sistemi Azure Stack HCI sono appositamente progettati per operare in modo efficiente, sfruttando al massimo le risorse disponibili. Questa eliminazione dei dispositivi separati e l’ottimizzazione delle risorse contribuiscono a ridurre la quantità di energia richiesta per il mantenimento e per il raffreddamento dell’infrastruttura, contribuendo così alla diminuzione delle emissioni di carbonio.

Figura 1 – “Three Tier” Infrastructure vs Hyper-Converged Infrastructure (HCI)

Utilizzo intelligente delle risorse

Azure Stack HCI consente di scalare le risorse in modo flessibile in base alle esigenze dei carichi di lavoro e permette di estendere le sue funzionalità con i servizi cloud di Microsoft Azure, tra i quali:

  • Azure Site Recovery per implementare scenari di disaster recovery;
  • Azure Backup per una protezione offsite della propria infrastruttura;
  • Update Management che consente di effettuare una valutazione degli aggiornamenti mancanti e procedere con la distribuzione corrispondente, sia per macchine Windows sia per sistemi Linux, indipendentemente dalla loro posizione geografica;
  • Azure Monitor che offre un modo centralizzato per monitorare e tenere sotto controllo ciò che accade a livello applicativo, di rete e nell’infrastruttura hyper-converged, utilizzando analisi avanzate basate sull’intelligenza artificiale;
  • Defender for Cloud che garantisce funzionalità di monitoraggio e rilevamento delle minacce di sicurezza sui workload in esecuzione nell’ambiente Azure Stack HCI;
  • Cloud Witness per utilizzare lo storage account di Azure come quorum del cluster.

Inoltre, esiste la possibilità di modernizzare e rendere più efficiente anche il file server, che rimane un componente strategico e ampiamente utilizzato nei datacenter, mediante l’adozione della soluzione Azure File Sync. Tale soluzione consente di centralizzare le cartelle di rete dell’infrastruttura in Azure Files, garantendo al contempo la flessibilità, le prestazioni e la compatibilità di un tradizionale file server Windows. Nonostante sia possibile mantenere una copia completa dei dati in ambiente on-premises, Azure File Sync trasforma Windows Server in una “cache” che consente un accesso rapido ai contenuti presenti in una specifica Azure file share: in tal caso, tutti i file risiedono nel cloud, mentre solo i file più recenti sono conservati anche nel file server on-premises. Questo approccio consente di ridurre significativamente lo spazio di archiviazione necessario nel proprio datacenter.

Figura 2 – Integrazione della piattaforma con soluzioni cloud

Figura 2 – Integrazione della piattaforma con soluzioni cloud

Grazie alla virtualizzazione, all’allocazione dinamica delle risorse e all’adozione di soluzioni in ambiente cloud, è possibile utilizzare on-premises solo le risorse necessarie, evitando sprechi di energia. Questo approccio all’infrastruttura riduce l’impatto ambientale derivante dalla produzione, dalla gestione e dallo smaltimento dei componenti hardware obsoleti.

Ottimizzazione dello spazio fisico

Consolidando le risorse in un’unica piattaforma Azure Stack HCI si riduce la necessità di spazio fisico per l’installazione dei server, dei dispositivi storage e degli apparati di rete. Questo si traduce in una significativa riduzione della superficie occupata nei locali server, consentendo una gestione dello spazio più efficiente e una maggiore densità di calcolo. A sua volta, la riduzione dello spazio occupato comporta minori esigenze di raffreddamento e di illuminazione, contribuendo così al risparmio energetico complessivo.

Conclusioni

L’adozione di Microsoft Azure Stack HCI offre significativi benefici in termini di sostenibilità ambientale. La riduzione del consumo energetico, l’ottimizzazione delle risorse, l’uso intelligente dello spazio fisico e l’ampia flessibilità contribuiscono a ridurre l’impatto ambientale dei data center e delle infrastrutture IT. Azure Stack HCI rappresenta un passo avanti verso l’adozione di soluzioni IT più sostenibili, consentendo alle organizzazioni di ottimizzare le risorse, ridurre le emissioni di carbonio e promuovere una gestione più efficiente ed ecologicamente consapevole delle risorse IT.