Archivi categoria: Azure Stack

Azure Stack HCI: la soluzione hyper-converged in continua evoluzione – edizione di novembre 2022

Azure Stack HCI è la soluzione che permette di realizzare una infrastruttura hyper-converged (HCI) per l’esecuzione di workload in ambiente on-premises e che prevede una strategica connessione a vari servizi di Azure. Anche Azure Stack HCI viene considerato come servizio hybrid di Azure e come tale è in continua evoluzione. Recentemente Microsoft ha introdotto una serie di nuove funzionalità che aprono la strada a nuovi scenari di adozione di Azure Stack HCI e che consentono di gestire al meglio la propria infrastruttura ibrida basata su questa soluzione. In questo articolo vengono riportati i principali aspetti che hanno subito un’evoluzione e le nuove funzionalità recentemente introdotte in Azure Stack HCI.

Vantaggi economici per i clienti con un contratto di Software Assurance

I clienti che dispongono di licenze Windows Server Datacenter con Software Assurance attiva, possono attivare l’Azure Hybrid Benefit anche per il proprio cluster Azure Stack HCI. Per attivare questo vantaggio, senza costi aggiuntivi, sarà necessario scambiare una licenza core di Windows Server Datacenter con Software Assurance per un core fisico di Azure Stack HCI. Questo aspetto permette di azzerare i costi Azure per il canone degli host Azure Stack HCI e fornisce il diritto ad eseguire un numero illimitato di macchine virtuali guest Windows Server sul cluster Azure Stack HCI.

Inoltre, è possibile attivare gli Azure Hybrid Benefit anche per Azure Kubernetes Service (AKS). In questo caso sono richieste licenze Windows Server StandardDatacenter con Software Assurance attiva, oppure la presenza di una subscription Cloud Solution Provider (CSP). Ogni licenza di Windows Server core dà diritto all’uso di un core virtuale di AKS.

Nell’immagine seguente viene sintetizzato come, i clienti con Software Assurance, possono utilizzare Azure Hybrid Benefit per ridurre ulteriormente i costi nel cloud, nei datacenter on-premises e nelle sedi periferiche.

Figura 1 – Cosa include l’Azure Hybrid Benefit per i clienti in Software Assurance

In particolare per i clienti con un contratto di Software Assurance, l’adozione di Azure Stack HCI si traduce in una riduzione drastica dei costi di modernizzazione dell’ambiente di virtualizzazione, rendendo questa soluzione ancora più competitiva dal punto di vista dei costi rispetto ai competitor sul mercato. Per consultare nel dettaglio i requisiti di licensing è possibile fare riferimento a questo documento.

Aggiornamento 22H2

Il nuovo aggiornamento, conosciuto come “versione 22H2” oppure “22H2 feature update”, è stato rilasciato ufficialmente ed è pronto per l’utilizzo in ambiente produzione. Questa versione apporta su diversi fronti della soluzione una maggiore qualità.

Nei punti seguenti vengono riportate sinteticamente le varie funzionalità e i diversi miglioramenti introdotti al sistema operativo Azure Stack HCI, versione 22H2:

  • Network ATC v2 è in grado di assegnare automaticamente gli indirizzi IP alle reti storage intra-cluster e di nominare automaticamente le reti del cluster in base all’uso previsto. Può anche gestire le impostazioni della live migration, come la selezione della rete, del trasporto e l’allocazione della larghezza di banda.
  • La gestione dello storage è più flessibile in quanto è possibile modificare i volumi storage esistenti per aumentarne la resilienza (ad esempio, passando da un two-way a un three-way mirror) oppure effettuare una conversione in-place da provisioning di tipologia fixed verso uno di tipologia thin.
  • La replica dello storage in uno stretched cluster è più veloce grazie alla nuova possibilità opzionale di compressione.
  • La live migration di Hyper-V è più affidabile per i cluster a 2 e a 3 nodi senza la presenza di switch specifici.
  • Lato networking è inoltre disponibile una nuova possibilità di segmentazione della rete basata su tag, che consente di proteggere i workload virtualizzati dalle minacce in base a tag personalizzati che vengono assegnati.

Per consultare tutti i dettagli relativi alla versione 22H2 è possibile consultare questo documento.

Tutti i cluster Azure Stack HCI esistenti possono ricevere l’aggiornamento 22H2 come aggiornamento gratuito over-the-air ed è possibile applicare l’aggiornamento senza interruzioni grazie all’aggiornamento cluster-aware. Microsoft raccomanda la versione 22H2 per tutte le nuove implementazioni di Azure Stack HCI.

Anche gli strumenti di gestione sono stati rinnovati per supportare le funzionalità di questo nuovo aggiornamento. Infatti, è possibile utilizzare Windows Admin Center per gestire la versione 22H2. Inoltre, viene mantenuta la compatibilità con System Center Virtual Machine Manager e con Operations Manager, grazie al primo Update Rollup (UR1) per System Center 2022, che aggiungerà il supporto ufficiale per Azure Stack HCI, versione 22H2.

Azure Arc-enabled VM management

Adottando Azure Stack HCI ed Azure Arc è possibile applicare i modelli di gestione del cloud anche all’ambiente on-premises. All’inizio dell’anno Microsoft ha rilasciato l’anteprima pubblica per la gestione delle macchine virtuali abilitate ad Azure Arc, che consente di distribuire le macchine virtuali su Azure Stack HCI tramite ARM, Azure CLI e portale Azure.

In questo ambito sono state introdotte nuove importanti funzionalità:

  • Oltre all’utilizzo di immagini personalizzate, è ora possibile accedere alle immagini direttamente dal Marketplace Azure. In modo rapido è così possibile distribuire le ultime immagini Microsoft completamente aggiornate, tra le quali Windows Server 2022 Azure Edition con hotpatching e Windows 11 Enterprise multi-session per Azure Virtual Desktop. In futuro saranno disponibili anche immagini di terzi parti. Questa funzionalità è integrata in modo nativo in Azure Arc ed è stata progettata per rispettare la larghezza di banda della rete. Infatti, le immagini sono ottimizzate per ridurre al minimo le dimensioni dei file ed è sufficiente scaricarle una sola volta per creare anche diverse macchine virtuali.
  • Quando si distribuisce una nuova VM in Azure Stack HCI attraverso Azure Arc, il sistema operativo guest è ora automaticamente abilitato ad Arc. Ciò significa che è possibile utilizzare estensioni per le VMs, come Domain Join oppure Custom Script per distribuire e configurare le applicazioni. In futuro saranno disponibili anche altre estensioni.

Servizio Kubernetes ibrido di Azure

Molte realtà aziendali hanno un mix di applicazioni obsolete in ambiente di virtualizzazione e nuove applicazioni basate su container. Adottando Azure Kubernetes Service (AKS) in ambiente Azure Stack HCI è possibile distribuire e gestire applicazioni containerizzate parallelamente alle macchine virtuali, sullo stesso server fisico o ambiente cluster.

L’aggiornamento di settembre 2022 per AKS su Azure Stack HCI ha introdotto alcuni miglioramenti significativi, tra i quali:

  • L’immagine di base del container Linux è stata aggiornata a Mariner 2.0, che è più ridotta come dimensioni e più sicura.
  • L’integrazione del software-defined networking (SDN) è disponibile e pronta per essere utilizzata in ambiente di produzione.
  • La procedura per collegare le GPU ai container è stata semplificata.
  • Viene introdotta la possibilità di utilizzare qualsiasi account del gruppo degli Amministratori di sistema per gestire AKS.

Recentemente è stata inoltre introdotta la possibilità di effettuare il provisioning di cluster AKS ibridi direttamente da Azure, utilizzando un’identità AAD. La distribuzione di nuovi cluster Kubernetes nell’ambiente on-premises avviene mediante l’Arc Resource Bridge, in modo molto simile alla gestione delle macchine virtuali abilitate ad Arc. Si tratta di un’evoluzione importante verso un’esperienza di provisioning delle applicazioni end-to-end semplice e uniforme, che abbraccia il cloud e l’edge.

Hardware progettato, spedito e supportato direttamente da Microsoft

Microsoft ha annunciato che nel 2023 offrirà un sistema Azure Stack HCI basato su hardware progettato, spedito e supportato direttamente dalla casa di Redmond.

La soluzione, chiamata “Pro 2”, ha le seguenti caratteristiche:

  • Form factor compatto di sole 2U a metà profondità, ideale anche per le implementazione al di fuori dei data center (es. retail, manufacturing e ambienti sanitari).
  • Resistente alle manomissioni.
  • Abbastanza silenzioso per un ambiente d’ufficio, generando meno di 60 dBA di rumore acustico.
  • Ordinabile direttamente dal portale Azure e fornito con Azure Stack HCI preinstallato.
  • Disponibile in diverse configurazioni, con specifiche adatte a differenti casi d’uso.
  • Gestione dell’hardware totalmente integrata con gli strumenti di gestione dei cluster esistenti, compresa una nuova estensione di Windows Admin Center in fase di sviluppo.

Questo prossimo rilascio consente ai clienti di adottare un modello di business coerente tra il cloud e l’edge: un modello di pagamento OPEX con la possibilità di utilizzare i commitment Azure per ottenere una soluzione Microsoft completa, compreso l’hardware.

Conclusioni

Grazie ad un costante miglioramento, all’introduzione continua di nuove funzionalità ed all’inclusione di nuovi scenari di utilizzo, la proposizione Microsoft per scenari hyper-converged risulta sempre più completa, integrata e performante. Azure Stack HCI si integra perfettamente all’ambiente on-premises esistente ed offre un importante valore aggiunto: la possibilità di connettere Azure Stack HCI con altri servizi Azure per ottenere una soluzione hyper-converged ibrida. Questo aspetto in particolare la differenzia fortemente da altri competitor che offrono soluzioni in questo ambito.

Come modernizzare l’infrastruttura e ottenere i vantaggi di Azure con un singolo server on-premises

Azure Stack HCI è la soluzione Microsoft che permette di realizzare una infrastruttura hyper-converged (HCI) per l’esecuzione dei workload in ambiente on-premises e che prevede una strategica connessione a vari servizi di Azure. Recentemente Microsoft ha introdotto la possibilità di creare un cluster Azure Stack HCI composto da un singolo server. Questa possibilità apre nuovi scenari per quanto riguarda l’adozione di questa soluzione. In questo articolo vengono riportati i principali casi d’uso, gli aspetti da considerare e i benefici che si possono ottenere attivando Azure Stack HCI su un singolo sistema server.

In una infrastruttura hyper-converged (HCI), vengono rimossi diversi componenti hardware, sostituti dal software, in grado di unire i layer di elaborazione, storage e rete in un’unica soluzione. In questo modo si ha un passaggio da una tradizionale infrastruttura “three tier”, composta da switch di rete, appliance, sistemi fisici con a bordo hypervisor, storage fabric e SAN, verso infrastrutture hyper-converged (HCI).

Figura 1 – “Three Tier” Infrastructure vs Hyper-Converged Infrastructure (HCI)

Azure Stack HCI è uno stack composto da hardware e software che i clienti utilizzano anche per le potenzialità date dall’integrazione semplice con il cloud Microsoft Azure.

Casi d’uso di Azure Stack HCI composto da più nodi

L’utilizzo di una configurazione Azure Stack HCI standard composta da più nodi è idoneo se:

  • Si vuole modernizzare la propria infrastruttura, adottando un’architettura hyper-converged semplice e basata su tecnologie consolidate. Ideale sia per i workload esistenti nel datacenter principale sia per scenari di branch office che richiedono una elevata resilienza.
  • Si vuole prevedere un’estensione delle funzionalità della soluzione on-premises, che garantisce resilienza, connettendosi ad Azure. Questo aspetto garantisce una innovazione costante, data dell’evoluzione dei servizi cloud e la possibilità di usufruire di un set strumenti comune, semplificando l’esperienza di utilizzo.
  • Si vuole una soluzione idonea per ospitare workload che richiedono elevate performance ed alta scalabilità.
  • Si ritiene utile innovare il proprio datacenter, in quanto si ha la possibilità di attivare cluster AKS e distribuire app cloud native e servizi abilitati per Azure Arc in alta disponibilità. Tutto questo grazie alla stretta integrazione di AKS in ambiente Azure Stack HCI.

Figura 2 – Casi d’uso di Azure Stack HCI con più nodi

Casi d’uso di Azure Stack HCI con un singolo nodo

Grazie alla possibilità di attivare un cluster Azure Stack HCI anche con un solo server si ha la facoltà di contemplare nuovi scenari di utilizzo, tra i quali:

  • Attivazione di Azure Stack HCI in ambienti dove non ci sono particolari esigenze in termini di resilienza, come ad esempio i branch office.
  • Adozione di una soluzione in ambienti dove è richiesta la possibilità di scalare facilmente, partendo inizialmente da un singolo nodo per arrivare potenzialmente fino a 16 nodi, se necessario.
  • Necessità di attivare una soluzione con un ingombro ridotto, magari in location con vincoli di spazio fisico e che al tempo stesso permetta di mantenere contenuti i costi hardware ed i costi operativi.
  • Possibilità di creare e mantenere più facilmente ambienti di test e sviluppo.

Funzionalità a confronto tra cluster Azure Stack HCI a singolo nodo e multinodo

Dal punto di vista delle funzionalità, i cluster Azure Stack HCI composti da un singolo nodo offrono un set di funzionalità molto simile ai cluster tradizionali costituiti da più nodi, come:

  • L’integrazione nativa con Azure Arc, elemento chiave per l’innovazione e la modernizzazione della propria infrastruttura.
  • Possibilità di aggiungere server orizzontalmente per aumentare la scalabilità dell’ambiente cluster.
  • L’integrazione con i servizi Azure.
  • Il supporto degli stessi workload, come Azure Virtual Desktop (AVD) e Azure Kubernetes Service (AKS).

Per una comparativa completa delle funzionalità è possibile consultare questo documento Microsoft.

I cluster Azure Stack HCI composti da un nodo singolo hanno al momento le seguenti limitazioni:

  • L’installazione deve avvenire utilizzando comandi PowerShell e non è ancora disponibile il supporto per la configurazione mediante Windows Admin Center.
  • Sono resilienti ad alcuni errori, ad esempio la presenza di un disco guasto, ma le capacità limitate in termini di resilienza impongono che devono essere composti solamente da una tipologia di unità disco, NVMe oppure SSD (non combinabili tra loro). Questo implica che non c’è la possibilità di avere livelli di cache.
  • Non tutti i fornitori hardware dispongono al momento di soluzioni supportate. Per verificare la disponibilità è possibile consultare il catalogo Microsoft delle soluzioni Azure Stack HCI.

Conclusioni

La possibilità di attivare con un solo server fisico un cluster Azure Stack HCI introduce una maggiore flessibilità e amplia notevolmente le possibilità di adozione di questa soluzione. Inoltre, questa scelta denota come Azure Stack HCI sia il futuro della virtualizzazione e delle soluzioni software-defined in casa Microsoft. Adottando Azure Stack HCI è possibile portare innovazione anche all’interno del proprio datacenter grazie ad una soluzione che viene aggiornata costantemente ed in grado di integrarsi facilmente con i servizi Azure.

La modernizzazione del datacenter: un caso reale con soluzioni Microsoft

I dati statistici parlano chiaro, oltre il 90% delle realtà aziendali dispongono già oppure prevedono, nel breve periodo, di adottare una strategia ibrida per la propria infrastruttura IT. Questi dati vengono confermati dalla quotidianità dei fatti, dove diversi clienti includono nei loro piani di investimento sia il mantenimento dei workload sulle infrastrutture on-premises, sia l’adozione di soluzioni nel cloud pubblico. Parallelamente viene affiancato un percorso di modernizzazione delle applicazioni con l’obiettivo di sfruttare al meglio le potenzialità e l’innovazione offerte da queste infrastrutture. Viviamo quindi nell’era del cloud ibrido e Microsoft mette a disposizioni diverse soluzioni interessanti per modernizzare il proprio datacenter e gestire agilmente la propria infrastruttura ibrida. In questo articolo viene portato un esempio reale di come un cliente ha intrapreso il percorso di modernizzazione del proprio datacenter grazie ad Azure Stack HCI e come, tramite Azure Arc, è stato in grado di estendere i servizi ed i principi di gestione di Azure anche alla propria infrastruttura on-premises.

Richiesta iniziale del cliente e problematiche da risolvere

Il cliente in questione voleva attivare presso il proprio datacenter una nuova infrastruttura di virtualizzazione moderna ed integrata, per consentire di configurare in modo rapido, dinamico e flessibile i workload applicativi. L’infrastruttura in uso dal cliente non era adeguata e riscontrava diverse problematiche, tra le quali:

  • Soluzione di virtualizzazione non scalabile e poco flessibile
  • Obsolescenza hardware
  • Configurazioni che non garantivano una disponibilità adeguata dei sistemi virtualizzati
  • Problemi di performance e di stabilità
  • Difficoltà nella gestione dei vari componenti dell’infrastruttura

Caratteristiche delle soluzioni proposte, adottate e benefici ottenuti

Il cliente ha deciso di adottare una infrastruttura hyper-converged (HCI), dove sono stati rimossi diversi componenti hardware, sostituti dal software in grado di unire i layer di elaborazione, storage e rete in un’unica soluzione. In questo modo ha effettuato un passaggio da una tradizionale infrastruttura “three tier”, composta da switch di rete, appliance, sistemi fisici con a bordo hypervisor, storage fabric e SAN, verso infrastrutture hyper-converged (HCI).

Figura 1 – Passaggio da una infrastruttura “Three Tier” verso una Hyper-Converged Infrastructure (HCI)

Azure Stack HCI: lo stack completo dell’infrastruttura Hyper-Converged

Tutto ciò è stato fatto adottando la soluzione Microsoft Azure Stack HCI, che consente l’esecuzione di workload ed una facile connessione ad Azure dell’infrastruttura hyper-converged (HCI).  Nei paragrafi seguenti si riportano le principali caratteristiche della soluzione.

Scelta e personalizzazione dell’hardware

Il cliente ha potuto personalizzare la soluzione hardware in base alle proprie esigenze, andando a configurare il processore, la memoria, lo storage e le caratteristiche delle schede di rete, rispettando le matrici di compatibilità del fornitore.

Figura 2 – Composizione hardware della soluzione Azure Stack HCI

Sono diversi i fornitori hardware che offrono soluzioni idonee per eseguire Azure Stack HCI e possono essere consultate accedendo a questo indirizzo. La scelta è ampia e ricade su oltre 200 soluzioni di oltre 20 partner differenti. Azure Stack HCI richiede hardware appositamente testato e validato dai vari vendor.

Sistema operativo dedicato e specifico

Il sistema operativo della soluzione Azure Stack HCI è un sistema operativo specifico con una composizione semplificata e componenti più aggiornati rispetto a Windows Server. In questo sistema operativo non sono inclusi i ruoli non necessari alla soluzione, ma è presente il più recente hypervisor utilizzato anche in ambiente Azure, con tecnologie storage e di rete software-defined ottimizzate per la virtualizzazione.

L’interfaccia utente locale è minima ed è progettato per essere gestito da remoto.

Figura 3 – Interfaccia del SO di Azure Stack HCI

Disaster recovery e failover delle macchine virtuali

Il cliente ha inoltre sfruttato la possibilità di creare uno stretched cluster per estendere il proprio cluster Azure Stack HCI, nel caso specifico in due edifici differenti. Questa funzionalità si basa su una replica dello storage (sincrona in questo scenario) contemplando la crittografia, la resilienza locale del sito ed il failover automatico delle macchine virtuali in caso di disastro.

Figura 4 – Stretched cluster dell’architettura hyper-converged di Azure Stack HCI

Aggiornamenti di tutto lo stack della soluzione (full-stack updates)

Al fine di ridurre la complessità ed i costi operativi dati dal processo di aggiornamento dell’intera soluzione, il cliente può avviare in Azure Stack HCI il processo che prevede l’aggiornamento full-stack (firmware / driver insieme al sistema operativo) direttamente da Windows Admin Center.

Figura 5 – Solution updates della soluzione Azure Stack HCI marchiata Dell EMC

Servizio ibrido di Azure: familiarità nella gestione e nel funzionamento

Il cliente è in grado di gestire la propria infrastruttura basata su Azure Stack HCI in modo semplice e senza adottare strumenti software specifici, come se fosse un’estensione del cloud pubblico, grazie alle caratteristiche citate nei paragrafi seguenti.

Integrazione nativa in Azure

Azure Stack HCI si integra in modo nativo con i servizi Azure e con Azure Resource Manager (ARM). Per questa integrazione non è richiesto alcun agente, ma Azure Arc è integrato direttamente nel sistema operativo. Questa permette di visualizzare, direttamente dal portale Azure, il cluster Azure Stack HCI presente on-premises esattamente come una risorsa di Azure.

Figura 6 – Integrazione di Azure Stack HCI in Azure

Grazie all’integrazione con Azure Resource Manager il cliente può sfruttare i seguenti vantaggi dati della gestione basata su Azure:

  • Adozione dei costrutti standard basati su Azure Resource Manager (ARM)
  • Classificazione dei cluster con i Tags
  • Organizzazione dei cluster in Resource Groups
  • Visualizzazione di tutti i cluster di Azure Stack HCI in un’unica vista centralizzata
  • Gestione degli accessi tramite Azure Identity Access Management (IAM)

Inoltre, dalla risorsa Azure Stack HCI è possibile individuare, aggiungere, modificare o rimuovere le extension, grazie alle quali è possibile accedere facilmente alle funzionalità di gestione.

Figura 7 – Funzionalità di gestione di Azure Stack HCI

Gestione delle VM Arc-enabled

Oltre che per gestire il cluster, il cliente può utilizzare Azure Arc anche per eseguire il provisioning e la gestione delle macchine virtuali in esecuzione su Azure Stack HCI, direttamente dal portale di Azure. Le macchine virtuali e le loro risorse associate (immagini, dischi, e network) vengono proiettate in ARM come risorse separate mediante una nuova tecnologia multi piattaforma chiamata Arc Resource Bridge.

In questo modo è possibile:

  • ottenere una gestione coerente tra le risorse cloud e le risorse Azure Stack HCI;
  • automatizzare le distribuzioni delle macchine virtuali utilizzando i modelli ARM;
  • garantire un accesso self-service grazie al supporto ad Azure RBAC.

Figura 8 – Funzionalità date dall’integrazione di Azure Arc per le VMs di Azure Stack HCI

Azure Backup ed Azure Site Recovery

Azure Stack HCI supporta Azure Backup ed Azure Site Recovery. Con Microsoft Azure Backup Server (MABS) il cliente effettua il backup degli host e delle macchine virtuali attive in Azure Stack HCI. Inoltre, utilizzando Azure Site Recovery è possibile attivare la replica delle macchine virtuali da Azure Stack HCI ad Azure, per creare scenari di disaster recovery specifici.

Monitor dell’infrastruttura con Azure Monitor Insights per Azure Stack HCI

Grazie alla soluzione Azure Stack HCI Insights il cliente è in grado di consultare informazioni dettagliate sull’integrità, sulle prestazioni e sull’utilizzo dei cluster Azure Stack HCI connessi ad Azure e registrati per il relativo monitoraggio. Azure Stack HCI Insights archivia i propri dati in un workspace di Log Analytics, avendo così la possibilità di utilizzare potenti aggregazioni e filtri per analizzare al meglio i dati raccolti nel tempo. Si ha la possibilità di visualizzare i dati di monitor di un singolo cluster dalla pagina delle risorse Azure Stack HCI oppure è possibile utilizzare Azure Monitor per ottenere una visualizzazione aggregata di più cluster Azure Stack HCI con una panoramica dell’integrità del cluster, lo stato di nodi e delle macchine virtuali (CPU, memoria e consumo di storage), metriche delle prestazioni e altro ancora. Si tratta degli stessi dati forniti anche da Windows Admin Center, ma progettati per scalare fino a 500 cluster contemporaneamente.

Figura 9 – Pannello di controllo di Azure Monitor Insights per Azure Stack HCI

Azure benefit per Windows Server

Microsoft offre vantaggi speciali quando si distribuisce Windows Server in ambiente Azure e gli stessi vantaggi sono disponibili anche su Azure Stack HCI.

Figura 10 – Azure benefit per Windows Server

Azure Stack HCI consente di:

  • Distribuire macchine virtuali con Windows Server 2022 edizione Azure Datacenter, che offre funzionalità specifiche non disponibili nelle classiche edizioni Standard e Datacenter. Per approfondire le caratteristiche disponibili in questa edizione è possibile consultare questo articolo.
  • Ottenere gratuitamente aggiornamenti di sicurezza estesi, proprio come in Azure. Questo vale sia per Windows Server 2008/R2, sia per Windows Server 2012/R2, oltre alle versioni corrispondenti di SQL Server.
  • Ottenere la licenza ed attivare le macchine Windows Server come in Azure. Azure Stack HCI oltre a consentire di utilizzare la propria licenza Datacenter per abilitare l’attivazione automatica delle macchine virtuali (Automatic VM Activation – AVMA), mette a disposizione l’opzione di pagare la licenza di Windows Server per i sistemi guest tramite la propria subscription Azure, proprio come avviene in ambiente Azure.

Team di supporto Azure dedicato

Azure Stack HCI è a tutti gli effetti una soluzione Azure, pertanto il cliente può usufruire del supporto Azure con le seguenti caratteristiche:

  • Potrà richiedere facilmente supporto tecnico direttamente dal portale Azure.
  • Il supporto sarà fornito da un nuovo team di esperti dedicato a supportare la soluzione Azure Stack HCI.
  • Sarà possibile scegliere tra diversi piani di supporto, a seconda delle esigenze.

Innovazione dell’infrastruttura e nuovi scenari evoluti

In ambiente Azure Stack HCI, oltre ad eseguire macchine virtuali, è possibile attivare Azure Kubernetes Service (AKS) ed Azure Virtual Desktop.

Azure Kubernetes Service in Azure Stack HCI

Questo scenario di implementazione di AKS on-premises permette di automatizzare l’esecuzione su larga scala di applicazioni moderne basate su micro-servizi. Grazie ad Azure Stack HCI l’adozione di queste architetture applicative basate su container possono essere ospitate direttamente presso il proprio datacenter, adottando la stessa esperienza di gestione di Kubernetes che si ha con il servizio gestito presente nel cloud pubblico di Azure.

Figura 11 – Panoramica di AKS su Azure Stack HCI

Per maggiori informazioni è possibile consultare l’articolo Azure Kubernetes Service in ambiente Azure Stack HCI.

Azure Virtual Desktop per Azure Stack HCI

In situazioni dove le applicazioni risultano sensibili alla latenza, come ad esempio l’editing video, oppure scenari dove gli utenti hanno bisogno di usufruire di un sistema legacy presente on-premises che non può essere facilmente raggiunto, Azure Virtual Desktop aggiunge una nuova opzione ibrida grazie ad Azure Stack HCI. Azure Virtual Desktop per Azure Stack HCI usa lo stesso piano di gestione cloud del normale Azure Virtual Desktop, ma consente di creare pool di session host utilizzando macchine virtuali in esecuzione su Azure Stack HCI. Queste macchine virtuali possono eseguire Windows 10 e/o Windows 11 Enterprise multi-session. Collocando i desktop più vicini agli utenti, è possibile abilitare l’accesso diretto a bassa latenza e senza round trip.

Conclusioni

Microsoft gestisce tra i più grandi data center del mondo e sta facendo grossi investimenti per portare l’esperienza maturata e l’innovazione del cloud anche in Azure Stack HCI. Questo cliente, affidandosi ad Azure Stack HCI sta usufruendo di un servizio in abbonamento che riceve aggiornamenti regolari delle funzionalità, con l’obiettivo importante di poter sfruttare on-premises la tecnologia collaudata su larga scala nel cloud. Inoltre, è in grado di gestione in modo unificato le risorse del proprio ambiente ed avere una continua innovazione della propria infrastruttura ibrida.

Azure Stack HCI: la soluzione hyper-converged in continua evoluzione – edizione di novembre 2021

Azure Stack HCI è la soluzione che permette di realizzare una infrastruttura hyper-converged (HCI) per l’esecuzione di workload in ambiente on-premises e che prevede una strategica connessione a vari servizi di Azure. Anche Azure Stack HCI viene considerato come servizio hybrid di Azure e come tale è in continua evoluzione. Recentemente Microsoft ha introdotto una serie di nuove funzionalità che aprono la strada a nuovi scenari di adozione di Azure Stack HCI e che consentono di gestire al meglio la propria infrastruttura ibrida basata su questa soluzione. In questo articolo vengono riportati i principali aspetti che hanno subito un’evoluzione e le nuove funzionalità recentemente introdotte in Azure Stack HCI.

Nuovi workload e nuovi benefici

Il risultato che si intende perseguire con l’infrastruttura Azure Stack HCI è quello di poter eseguire in ambiente on-premises gli stessi carichi di lavoro del cloud pubblico con gli stessi vantaggi. Per raggiungerlo Microsoft sta portando i workload di Azure più popolari in Azure Stack HCI.

A partire dallo scorso anno è possibile attivare su Azure Stack HCI l’orchestratore Azure Kubernetes Service (AKS), che consente di automatizzare la distribuzione e la gestione delle applicazioni containerizzate in ambiente on-premises esattamente come avviene in Azure. Oltre a poter eseguire app Windows e Linux in conteniter, AKS rende disponibile l’infrastruttura per eseguire dei servizi selezionati della piattaforma Azure (PaaS) su Azure Stack HCI.

Le importanti novità annunciate in questo ambito sono le seguenti.

Figura 1 – Nuovi workload Azure e nuovi benefici in Azure Stack HCI

Azure Virtual Desktop per Azure Stack HCI (preview)

Attivando Azure Virtual Desktop nel cloud pubblico, gli utenti possono accedere ai propri desktop e alle proprie applicazioni da qualsiasi luogo, usufruendo della familiarità e della compatibilità garantita da Windows 10 e da Windows 11. Azure Virtual Desktop è un servizio ospitato e gestito da Microsoft, che non richiede la configurazione di una complessa infrastruttura VDI.

Esistono però situazioni dove le applicazioni risultano sensibili alla latenza, come ad esempio l’editing video, oppure scenari dove gli utenti hanno bisogno di usufruire di un sistema legacy presente on-premises che non può essere facilmente raggiunto. Per consentire di affrontare al meglio situazioni di questo tipo, Azure Virtual Desktop aggiunge una nuova opzione ibrida grazie ad Azure Stack HCI.

Azure Virtual Desktop per Azure Stack HCI usa lo stesso piano di gestione cloud del normale Azure Virtual Desktop, ma consente di creare pool di session host utilizzando macchine virtuali in esecuzione su Azure Stack HCI. Queste macchine virtuali possono eseguire Windows 10 e/o Windows 11 Enterprise multi-session. Collocando i desktop più vicini agli utenti, è possibile abilitare l’accesso diretto a bassa latenza e senza round trip, utilizzando una tecnologia chiamata RDP Shortpath.

Azure benefit per Windows Server

Microsoft offre vantaggi speciali quando si distribuisce Windows Server in ambiente Azure e gli stessi vantaggi, entro la fine di quest’anno, saranno disponibili anche su Azure Stack HCI.

Innanzi tutto, quando si distribuiscono macchine virtuali con Windows Server 2022, anche in ambiente Azure Stack HCI è possibile attivare l’edizione Azure Datacenter che offre funzionalità specifiche non disponibili nelle classiche edizioni Standard e Datacenter. Per approfondire le caratteristiche disponibili in questa edizione è possibile consultare questo articolo.

Inoltre, Azure Stack HCI versione 21H2 consente di:

  • Ottenere gratuitamente aggiornamenti di sicurezza estesi, proprio come in Azure. Questo vale per Windows Server 2008/R2 e verrà presto applicato anche a Windows Server 2012/R2 quando si raggiungerà la fine del supporto, oltre alle versioni corrispondenti di SQL Server.
  • Ottenere la licenza ed attivare le macchine Windows Server come in Azure. Azure Stack HCI oltre a consentire di utilizzare la propria licenza Datacenter per abilitare l’attivazione automatica delle macchine virtuali (Automatic VM Activation – AVMA), mette a disposizione l’opzione di pagare la licenza di Windows Server per i sistemi guest tramite la propria subscription Azure, proprio come avviene in ambiente Azure.

Innovazione dell’infrastruttura

In Microsoft vengono gestiti tra i più grandi data center del mondo e si vuole portare l’esperienza maturata e l’innovazione del cloud anche in Azure Stack HCI. Per queste ragioni Azure Stack HCI è un servizio in abbonamento che riceve aggiornamenti regolari delle funzionalità con l’obiettivo importante di poter sfruttare on-premises la tecnologia collaudata su larga scala nel cloud.

Figura 2 – Innovazione dell’infrastruttura in Azure Stack HCI

Grazie al rilascio dell’ultimo aggiornamento, noto come “versione 21H2” oppure come “feature update 21H2”, vengono introdotte le seguenti nuove funzionalità:

  • Gestione del quick restart con Kernel Soft Reboot: migliora le prestazioni di riavvio, saltando la sequenza di pre-avvio e l’autotest all’accensione dell’hardware. In questo modo si riduce anche il tempo complessivo di aggiornamento del cluster (disponibile solo su Azure Stack HCI Integrated Systems).
  • Utilizzo delle GPUs con VM clusterizzate: fornisce l’accelerazione GPU ai carichi di lavoro in esecuzione sulle VM in ambiente cluster. Ideale per workload in ambito AI/ML.
  • Dynamic CPU compatibility mode: la modalità di compatibilità del processore è stata aggiornata per sfruttare al meglio tutte le funzionalità dei processori in ambiente cluster. Infatti, è possibile combinare differenti generazioni di processori nello stesso cluster con un degrado minimo. Il cluster calcola in modo intelligente il più grande sottoinsieme comune di funzionalità del processore che possono essere esposte alle macchine virtuali.
  • Storage thin provisioning: migliora l’efficienza dello storage e semplificata la gestione mediante il thin provisioning.
  • Network ATC: semplifica la gestione della configurazione di rete degli host.
  • Velocità di riparazione dello storage regolabile: maggiore controllo sul processo di ri-sincronizzazione dei dati.
  • Supporto per la nested virtualization con processori AMD: migliore flessibilità per realizzare ambienti di test e valutazione grazie alla possibilità di attivare la nested virtualization anche in presenza di processori AMD.
  • Secured-Core Server: offre una sicurezza trasversale su hardware e firmware, integrata nelle funzionalità del sistema operativo, in grado di aiutare a proteggere i server da minacce avanzate.

Nuove funzionalità di gestione

Un altro risultato che si vuole ottenere con Azure Stack HCI è quello di poter gestire la propria infrastruttura come se fosse un’estensione del cloud pubblico. Azure Stack HCI si integra infatti in modo nativo con Azure Resource Manager e questo consente di proiettare il cluster come risorsa nel portale di Azure. In questo modo è possibile sfruttare gli stessi processi in tutti gli ambienti e gestire le risorse Azure Stack HCI proprio come le risorse cloud.

Figura 3 – Nuove funzionalità di gestione di Azure Stack HCI

Host server Arc-enabled ed extension

Dalla risorsa Azure Stack HCI è possibile individuare, aggiungere, modificare o rimuovere le extension, grazie alle quali è possibile accedere facilmente alle funzionalità di gestione. Con la disponibilità di Azure Stack HCI versione 21H2 il cluster abiliterà automaticamente ad Arc i server host, al momento della registrazione, per poter utilizzare fin da subito le extension disponibili.

Gestione delle VM Arc-enabled (preview)

Oltre che per gestire il cluster, ora è possibile utilizzare Azure Arc anche per eseguire il provisioning e la gestione delle macchine virtuali in esecuzione su Azure Stack HCI, direttamente dal portale di Azure. Le macchine virtuali e le loro risorse associate (immagini, dischi, e network) vengono proiettate in ARM come risorse separate mediante una nuova tecnologia multipiattaforma chiamata Arc Resource Bridge.

In questo modo è possibile:

  • ottenere una gestione coerente tra le risorse cloud e le risorse Azure Stack HCI;
  • automatizzare le distribuzioni delle macchine virtuali utilizzando i modelli ARM;
  • garantire un accesso self-service grazie al supporto ad Azure RBAC.

Azure Backup ed Azure Site Recovery

Con Azure Stack HCI versione 21H2 è stato introdotto il supporto ufficiale per Azure Backup ed Azure Site Recovery. Con MABS v3 UR2 o versioni successive è possibile eseguire il backup degli host e delle macchine virtuali attive in Azure Stack HCI. Inoltre, con Azure Site Recovery è possibile replicare le macchine virtuali da Azure Stack HCI ad Azure ed attivare scenari di disaster recovery.

Conclusioni

Grazie ad un costante miglioramento, all’introduzione continua di nuove funzionalità ed all’inclusione di nuovi scenari di utilizzo, la proposizione per scenari hyper-converged risulta sempre più completa, integrata e performante. Azure Stack HCI si integra perfettamente all’ambiente on-premises esistente ed offre un importante valore aggiunto: la possibilità di connettere Azure Stack HCI con altri servizi Azure per ottenere una soluzione hyper-converged ibrida. Questo aspetto in particolare la differenzia fortemente da altri competitor che offrono soluzioni in questo ambito.

Azure Stack HCI: funzionalità di disaster recovery intrinseche nella soluzione

Nella più recente versione di Azure Stack HCI viene inclusa la possibilità di creare stretched cluster per estendere un cluster Azure Stack HCI in due location differenti (stanze, edifici oppure anche città differenti). Questa soluzione di disaster recovery fornisce una replica dello storage (sincrona oppure asincrona) e contempla la crittografia, la resilienza locale del sito ed il failover automatico delle macchine virtuali. In questo articolo vengono approfondite le possibili architetture e le caratteristiche della soluzione.

Per migliorare ulteriormente la resilienza built-in nella soluzione Azure Stack HCI è possibile implementare un cluster composto da due gruppi di nodi, definito “stretched cluster”. Ogni gruppo è dislocato in un sito differente e deve contenere un minimo di due nodi. Uno stretched cluster può essere composto da un minimo di quattro fino a sedici nodi fisici (numero massimo di nodi supportati da un cluster Azure Stack HCI), i quali devono soddisfare i requisiti hardware standard per soluzioni HCI.

Figura 1 – Panoramica di uno stretched cluster in una architettura hyper-converged di Azure Stack HCI

Scendendo nel dettaglio dell’architettura i componenti e le funzionalità utilizzate sono:

  • Azure Stack HCI. La versione minima richiesta è la 20H2, distribuita come servizio hybrid di Azure e rilasciata a dicembre 2020. Si tratta di una infrastruttura hyper-converged (HCI), dove vengono rimossi diversi componenti hardware, sostituti dal software, in grado di unire i layer di elaborazione, storage e rete in un’unica soluzione.
  • Storage Replica. La tecnologia inclusa in Windows Server che consente la replica dei volumi tra server oppure tra cluster ai fini di disaster recovery.
  • Live Migration. La funzionalità di Hyper-V che consente di spostare facilmente le macchine virtuali (VMs) in esecuzione su un host Hyper-V ad un altro, senza avere tempi di inattività. Tale funzionalità risulta utile per gestire downtime attesi oppure programmati.
  • Risorsa Witness. Il Witness è un componente obbligatorio all’interno dei cluster Azure Stack HCI. Per implementarlo è possibile scegliere un Azure Cloud Witness oppure un File Share Witness. Azure Cloud Witness è la scelta consigliata per i stretched cluster Azure Stack HCI purché tutti i nodi dispongano di una connessione Internet affidabile.

Uno stretched cluster di Azure Stack HCI si basa sull’utilizzo di Storage Replica ed è possibile avere una replica sincrona oppure asincrona del dato:

  • Utilizzando la replica sincrona viene effettuato un mirroring dei dati tra i siti in una rete a bassa latenza. I volumi risultano crash-consistent per garantire una perdita di dati pari a zero a livello di file system durante un evento di failure. Il requisito per la replica sincrona applicabile ai stretched cluster impone come latenza di rete 5 ms di round trip tra i due gruppi di nodi dislocati nei siti replicati. A seconda delle caratteristiche di connettività della rete fisica, questo vincolo si traduce in genere in circa 30-45 Km di distanza. Con questa configurazione, se capita un problema che influisce sulla disponibilità di un sito, il cluster è in grado di trasferire automaticamente i workload ai nodi del sito non interessato dalla problematica per ridurre al minimo i potenziali tempi di inattività.
  • La replica asincrona esegue il mirroring dei dati tra i siti su collegamenti di rete con latenze più elevate, ma non si ha la garanzia che entrambi i siti dispongano di copie identiche dei dati quando si verifica un evento di failure. In presenza di replica asincrona, è necessario portare online manualmente i volumi di destinazione nell’altro sito in seguito ad un failover.

Esistono due tipologie di stretched cluster: attivo-attivo e attivo-passivo.

Figura 2 – Tipologie di stretched cluster a confronto

Un sito attivo è un sito che dispone di risorse e ospita ruoli e workload ai quali i client possono connettersi. Un sito passivo è un sito che non eroga ruoli oppure workload per i client, ma è in attesa di un failover dal sito attivo a fini di disaster recovery.

La replica in uno stretched cluster attivo-passivo ha una direzione preferita, mentre la replica in uno stretched cluster attivo-attivo può avvenire in modo bidirezionale da entrambi i siti.

Azure Stack HCI e Storage Replica supportano anche la deduplica dei dati, utile ad aumentare la capacità di archiviazione utilizzabile, identificando porzioni duplicate di file e archiviandole solo una volta. A partire da Windows Server 2019, la deduplica è disponibile sui volumi formattati con Resilient File System (ReFS), che è il file system consigliato per Azure Stack HCI. Negli stretched cluster di Azure Stack HCI è consigliato abilitare la Data Deduplication solo sui nodi del cluster di origine, e non sui nodi di destinazione, i quali ricevono sempre copie deduplicate di ciascun volume.

Conclusioni

La possibilità di estendere i cluster Azure Stack HCI in due location differenti consente di implementare architetture di disaster recovery in un modo totalmente integrato nella soluzione, senza la necessità di dover adottare prodotti di terze parti. Questa caratteristica, unita alla possibilità di connettere Azure Stack HCI con i servizi Azure per ottenere un sistema hyper-converged ibrido, la rende una soluzione completa, stabile ed affidabile, in grado di rispondere alle esigenze più avanzate nell’ospitare workload business critical.

Azure Stack HCI: come monitorare l’ambiente in modo completo ed efficace

Azure Stack HCI è la soluzione Microsoft che permette di realizzare infrastrutture hyper-converged (HCI) per l’esecuzione di workloads in ambiente on-premises. Azure Stack HCI, oltre ad integrarsi perfettamente nei datacenter locali, offre un importante valore aggiunto: la possibilità di connettersi con i servizi Azure per ottenere una soluzione hyper-converged ibrida. Tra questi servizi troviamo Azure Monitor e in questo articolo vengono riportati i benefici e le caratteristiche della soluzione per monitorare l’ambiente Azure Stack HCI in modo completo ed efficace.

La soluzione Azure Stack HCI Insights è in grado di fornire informazioni dettagliate sull’integrità, sulle prestazioni e sull’utilizzo dei cluster Azure Stack HCI. La versione dei cluster deve essere la 21H2, devono essere connessi ad Azure e registrati per il relativo monitoraggio. Azure Stack HCI Insights archivia i propri dati in un workspace di Log Analytics, fornendo così la possibilità di utilizzare potenti filtri ed aggregazioni per analizzare al meglio i dati raccolti nel tempo.

Benefici della soluzione

I principali benefici nell’adottare Azure Stack HCI Insights sono:

  • Gestito da Azure. La soluzione è accessibile direttamente dal portale Azure, risulta costantemente aggiornata e non sono necessari componenti di infrastruttura aggiuntivi oppure software di terze parti.
  • Scalabilità. Si tratta di una soluzione molto scalabile, in grado di caricare più di 400 set di informazioni sui cluster, dislocati su più subscription, e senza limiti di dominio o di locazione fisica.
  • Personalizzazione avanzata. L’esperienza utente si basa sui workbook di Azure Monitor. I workbook consentono agli utenti di modificare le visualizzazioni, le query, impostare soglie specifiche in base alle proprie esigenze e salvare queste personalizzazioni. Inoltre, i grafici dei workbook possono essere aggiunti alle dashboard nel portale Azure.

Requisiti di attivazione

Per poter utilizzare Azure Stack HCI Insights devono essere completate le seguenti operazioni:

  • Registrazione del cluster Azure Stack HCI con Azure. Questo passaggio assicura che automaticamente ogni server nel cluster sia abilitato ad Azure Arc. Tale azione permette ad Azure Monitor di recuperare i dettagli non solo del cluster, ma anche dei singoli nodi che lo compongono.
  • Abilitazione di Log Analytics, per connettere il cluster ad un workspace di Log Analytics, nel quale verranno salvati i log necessari per il monitor.
  • Abilitazione del monitoring, per consentire ad Azure Monitor di iniziare a raccogliere gli eventi necessari per il monitor.

Figura 1 – Configurazione dell’extension del Log Analytics Agent e del monitoring

Monitor dell’ambiente

Completate le configurazioni necessarie si ha la possibilità di visualizzare i dati di monitor di un singolo cluster direttamente dalla pagina delle risorse Azure Stack HCI oppure è possibile utilizzare Azure Monitor per ottenere una visualizzazione aggregata di più cluster Azure Stack HCI.

Figura 2 – Visualizzazione aggregata di più cluster Azure Stack HCI

Viene offerta la possibilità di monitorare lo stato di integrità del cluster, lo stato di singoli nodi e delle macchine virtuali.

Figura 3 – Overview dello stato dei nodi del cluster

Accedendo ai tab specifici è possibile ottenere ulteriori informazioni di dettaglio riguardanti le macchine virtuali e lo storage (health, utilizzo, e performance).

Vengono inoltre riportate le informazioni riguardanti le performance dell’ambiente Azure Stack HCI. Tramite i pannelli integrati nella soluzione si possono consultare i seguenti trend di performance:

  • Utilizzo della CPU
  • Latenza media dei volumi storage
  • IOPS dei volumi storage
  • Capacità dei volumi storage

Figura 4 – Consultazione dei tend di performance

Costi della soluzione

Non sono previsti costi specifici per l’utilizzo di Azure Stack HCI Insights, ma il costo è calcolato in base alla quantità di dati che vengono inseriti nel workspace di Log Analytics e alle relative impostazioni di conservazione degli stessi.

Conclusioni

Aver un sistema di monitor efficace per ambienti di questo tipo, che permetta di rilevare e prevenire condizioni anomale e problemi di performance è di fondamentale importanza. Questa ulteriore possibilità, offerta mediante l’integrazione di Azure Stack HCI con il servizio di Azure Monitor, rende la soluzione sempre più completa ed integrata. Si tratta di un ulteriore valore aggiunto rispetto ad altri competitor che propongo soluzioni in questo ambito.

Azure Stack HCI: la soluzione hyper-converged in continua evoluzione – edizione di giugno 2021

Azure Stack HCI è la soluzione che permette di realizzare una infrastruttura hyper-converged (HCI) per l’esecuzione di workload in ambiente on-premises e che prevede una strategica connessione a vari servizi di Azure. Recentemente Microsoft ha apportato una serie di nuove funzionalità che aprono nuovi scenari nell’adozione di questa soluzione e che consentono di gestire al meglio la propria infrastruttura ibrida basata su Azure Stack HCI. In questo articolo vengono riportati i principali aspetti che hanno subito un’evoluzione e le nuove funzionalità recentemente introdotte in Azure Stack HCI.

Azure Kubernetes Service in Azure Stack HCI

Una delle principali novità è la possibilità di attivare Azure Kubernetes Service (AKS) in Azure Stack HCI. Questo nuovo scenario di implementazione di AKS on-premises permette di automatizzare l’esecuzione su larga scala di applicazioni moderne basate su micro-servizi. Grazie ad Azure Stack HCI l’adozione di queste architetture applicative basate su container possono essere ospitate direttamente presso il proprio datacenter, adottando la stessa esperienza di gestione di Kubernetes che si ha con il servizio gestito presente nel cloud pubblico di Azure.

Figura 1 – Panoramica di AKS su Azure Stack HCI

Azure Monitor Insights per Azure Stack HCI (preview)

La soluzione Azure Stack HCI Insights è in grado di fornire informazioni dettagliate sull’integrità, sulle prestazioni e sull’utilizzo dei cluster Azure Stack HCI, versione 21H2 connessi ad Azure e registrati per il relativo monitoraggio. Azure Stack HCI Insights archivia i propri dati in un workspace di Log Analytics, avendo così la possibilità di utilizzare potenti aggregazioni e filtri per analizzare al meglio i dati raccolti nel tempo. Non sono previsti costi specifici per l’utilizzo di Azure Stack HCI Insights, ma il costo è calcolato in base alla quantità di dati inseriti nel workspace di Log Analytics e alle relative impostazioni di conservazione dei dati.

Si ha la possibilità di visualizzare i dati di monitor di un singolo cluster dalla pagina delle risorse Azure Stack HCI oppure è possibile utilizzare Azure Monitor per ottenere una visualizzazione aggregata di più cluster Azure Stack HCI con una panoramica dell’integrità del cluster, lo stato di nodi e delle macchine virtuali (CPU, memoria e consumo di storage), metriche delle prestazioni e altro ancora. Si tratta degli stessi dati forniti anche da Windows Admin Center, ma progettati per scalare fino a 500 cluster contemporaneamente.

Figura 2 – Pannello di controllo di Azure Monitor Insights per Azure Stack HCI

Semplificazione del networking con Network ATC (preview)

I deployment e le operations di Azure Stack HCI in ambito networking possono risultare complessi e soggetti ad errori. A causa della flessibilità che viene fornita nella configurazione dello stack di rete degli host che compongono il cluster Azure Stack HCI, ci sono diverse parti che possono essere configurate non nel migliore dei modi. Rimanere aggiornati con le ultime best practice è anche una sfida poiché vengono continuamente apportati miglioramenti alle tecnologie sottostanti. Inoltre, la coerenza della configurazione tra i nodi del cluster HCI è un aspetto importante in quanto consente di avere un ambiente stabile e più affidabile.

Network ATC semplifica la creazione e la gestione della configurazione di rete per i nodi Azure Stack HCI, aiutando a:

  • Ridurre i tempi, la complessità e gli errori di implementazione del networking degli host del cluster
  • Distribuire le ultime best practice convalidate e supportate da Microsoft
  • Garantire la coerenza della configurazione in tutto l’ambiente cluster

Attivazione automatica di macchine virtuali Windows

A partire dall’aggiornamento cumulativo di giugno 2021, Azure Stack HCI supporterà la popolare funzionalità di attivazione automatica delle macchine virtuali (Automatic VM Activation – AVMA) di Hyper-V per Windows Server. I clienti che dispongono di una chiave di attivazione Windows Server 2019 Datacenter Edition possono inserirle direttamente nell’host Azure Stack HCI utilizzando Windows Admin Center oppure PowerShell. In questo modo. le macchine virtuali ospitate in ambiente cluster che eseguono Windows Server erediteranno automaticamente l’attivazione dall’host, senza doverla gestire per ogni macchina virtuale.

Figura 3 – Automatic VM Activation (AVMA) da Windows Admin Center

Estensione del periodo di prova a 60 giorni

Azure Stack HCI offre un periodo di prova gratuito che consente di valutare a fondo la soluzione. La durata di questa prova viene estesa da 30 giorni a 60 giorni e inizierà da quando si completerà la registrazione dell’ambiente cluster. Questi cambiamenti sono stati applicati a tutte le prove a partire dal 3 maggio 2021.

Preview channel

A partire dall’aggiornamento cumulativo di giugno 2021, si ha la possibilità di aderire con ambienti cluster non di produzione al canale Preview, analogo al programma Windows Insider ma per Azure Stack HCI.  Si tratta di un programma che consente ai clienti di installare la versione successiva del sistema operativo prima del rilascio ufficiale (build pre-release). Questo permette di valutare le nuove funzionalità di Azure Stack HCI ed è a solo scopo di valutazione e test. L’adesione a questo programma non prevede nessun costo per Azure Stack HCI e l’ambiente cluster non potrà avere nessun tipo di supporto. Il canale Preview permetterà di condividere feedback sull’esperienza di partecipazione al canale, utili per arricchire e migliorare l’adozione di Azure Stack HCI.

Figura 4 – Adesione al canale Preview da Windows Admin Center

Disponibilità in Cina

Il team di Azure Stack HCI sta lavorando per rendere disponibile il proprio servizio in altre region ed ora è possibile attivarlo anche in Azure Cina. Si può infatti scaricare Azure Stack HCI da azure.cn, registrare il proprio cluster nella region China East 2 ed usufruire dei vantaggi della soluzione. I sistemi integrati per Azure Stack HCI sono disponibili in Cina per differenti vendor, da Lenovo e Dell, oltre che da partner regionali, garantendo una forte presenza locale in grado di fornire la migliore consulenza tecnica e il supporto necessario.

Conclusioni

Questa serie di nuove funzionalità introdotte dimostra un importante investimento da parte di Microsoft nella soluzione Azure Stack HCI. Grazie a un costante miglioramento, all’introduzione continua di nuove funzionalità e all’inclusione di nuovi scenari di utilizzo, la proposizione per scenari hyper-converged risulta sempre più completa, integrata e performante. Azure Stack HCI si integra perfettamente all’ambiente on-premises esistente ed offre un importante valore aggiunto: la possibilità di connettere Azure Stack HCI con i servizi Azure per ottenere una soluzione hyper-converged ibrida. Questo aspetto in particolare la differenzia fortemente da altri competitor che offrono soluzioni in questo ambito.

Windows Server 2019 a confronto con la nuova versione di Azure Stack HCI

Microsoft ha recentemente rilasciato la nuova versione di Azure Stack HCI, la soluzione che permette di realizzare infrastrutture hyper-converged (HCI) per l’esecuzione di macchine virtuali in ambiente on-premises e che prevede una facile e strategica connessione ai servizi di Azure. I clienti che si trovano ora a dover affrontare una modernizzazione dei propri datacenter potrebbero porsi il quesito su quale prodotto utilizzare. Windows Server 2019 ed Azure Stack HCI sono destinati a scopi diversi e tra loro complementari. Questo articolo spiega le principali differenze tra i due prodotti e fornisce delle indicazioni sui differenti scenari d’uso.

Che cos’è Azure Stack HCI?

Con l’arrivo di Windows Server 2019, Microsoft ha introdotto la soluzione Azure Stack HCI, che consente l’esecuzione di macchine virtuali oppure virtual desktops in ambiente on-premises, potendo disporre di un’ampia connessione ai differenti servizi offerti da Azure.

Si tratta di una infrastruttura hyper-converged (HCI), dove vengono rimossi diversi componenti hardware, sostituti dal software, in grado di unire i layer di elaborazione, storage e rete in un’unica soluzione. In questo modo si ha un passaggio da una tradizionale infrastruttura “three tier”, composta da switch di rete, appliance, sistemi fisici con a bordo hypervisor, storage fabric e SAN, verso infrastrutture hyper-converged (HCI).

Figura 1 – “Three Tier” Infrastructure vs Hyper-Converged Infrastructure (HCI)

Nel mese di dicembre 2020, Microsoft ha rilasciato la nuova soluzione Azure Stack HCI, distribuita come servizio hybrid di Azure, denominata Azure Stack HCI versione 20H2 che introduce importanti cambiamenti.

Quando utilizzare Windows Server 2019?

Windows Server 2019 è un sistema operativo server multiuso ed altamente versatile che permette di attivare dozzine di ruoli e centinaia di funzionalità. Windows Server 2019 può essere utilizzato per:

  • Ospitare macchine virtuali oppure eseguire container.
  • L’attivazione di uno o più ruoli server inclusi nel sistema operativo, come ad esempio Active Directory, file server, DNS, DHCP oppure Internet Information Services (IIS).
  • Infrastrutture tradizionali che prevedono la presenza di sistemi bare-metal.

Figura 2 – Scenari d’uso di Windows Server 2019

Quando utilizzare Azure Stack HCI?

Azure Stack HCI si basa sui componenti essenziali di Windows Server ed è stato appositamente progettato ed ottimizzato per fornire una potente piattaforma Hyper-converged. La nuova versione di Azure Stack HCI adotta le tecnologie ormai consolidate di Windows Server, come Hyper-V, software-defined networking e Storages Spaces Direct, ed aggiunge nuove funzionalità specifiche per l’esecuzione di macchine virtuali on-premises.

L’utilizzo di Azure Stack HCI è idoneo se:

  • Si vuole modernizzare la propria infrastruttura, adottando un’architettura hyper-converged semplice e basata su tecnologie consolidate. Idonea sia per i workload esistenti nel datacenter principale che per scenari di branch office.
  • Si vuole prevedere un’estensione delle funzionalità della soluzione on-premises connettendosi ad Azure. Questo aspetto garantisce una innovazione costante, data dell’evoluzione dei servizi cloud e la possibilità di usufruire di un set strumenti comune, semplificando l’esperienza di utilizzo.

Figura 3 – Scenari d’uso di Azure Stack HCI

La soluzione Azure Stack HCI è possibile configurarla anche con Windows Server 2019, ma la nuova versione di Azure Stack HCI introduce importanti innovazioni che interessano i seguenti ambiti:

  • Sistema operativo dedicato e specifico per la soluzione
  • Funzionalità di disaster recovery e failover delle macchine virtuali intrinseche nella soluzione
  • Ottimizzazione il processo di Storage Spaces resync
  • Aggiornamenti di tutto lo stack contemplato nella soluzione (full-stack updates)
  • Integrazione nativa con i servizi Azure e con Azure Resource Manager (ARM)

Per maggiori approfondimenti a riguardo vi invito a leggere l’articolo “La nuova soluzione Microsoft per scenari hyper-converged”.

Altri aspetti da tenere in considerazione

Costi della soluzione

Nonostante Azure Stack HCI sia in esecuzione on-premises è prevista una fatturazione basata su subscription Azure, esattamente come per qualsiasi altro servizio cloud di Azure. Il modello di billing è semplice e prevede un costo fisso giornaliero in base al numero complessivo dei core presenti nei processori fisici che costituiscono il cluster.

Nel nuovo modello di billing non c’è un minimo o massimo di core da licenziare e tanto meno una durata minima di attivazione. Un aspetto importante da tenere in considerazione è che per le macchine virtuali guest Windows e per le versioni a pagamento di Linux, è opportuno contemplare separatamente queste licenze. Il costo basato su subscription è solo per il software e non contempla l’hardware di Azure Stack HCI.

Per maggiori dettagli sui costi è possibile consultare la pagina ufficiale Microsoft.

Attivazione di Azure Stack HCI

Esistono due opzioni per attivare una soluzione basata sulla nuova versione di Azure Stack HCI:

  • Acquistare una soluzione hardware convalidata da uno dei partner Microsoft, con il software Azure Stack HCI preinstallato.
  • Installare il software Azure Stack HCI, che prevede una versione di prova gratuita di 30 giorni, su hardware nuovo oppure già acquistato, purché presente all’interno del catalog delle soluzioni appositamente testate e validate dai vari vendor.

Supporto fornito per la soluzione

Azure Stack HCI, diventando a tutti gli effetti una soluzione Azure, è coperta dal supporto Azure con le seguenti caratteristiche:

  • Il supporto sarà fornito da un team di esperti dedicato a supportare la nuova soluzione Azure Stack HCI.
  • Si potrà richiedere facilmente supporto tecnico direttamente dal portale Azure.
  • Sarà possibile scegliere tra diversi piani di supporto, a seconda delle esigenze.

Conclusioni

Nonostante la nuova versione di Azure Stack HCI sia basata su tecnologie presenti anche in Windows Server 2019 è opportuno specificare che si tratta di due soluzioni destinate ora a scopi diversi e tra loro complementari. Nonostante anche Windows Server 2019 consenta di attivare soluzioni hyper-converged, se si sta facendo in questo momento un investimento per attivare una soluzione di questo tipo, è opportuno considerare l’adozione della nuova soluzione Azure Stack HCI. Infatti, grazie ai cambiamenti introdotti, è possibile ottenere una proposizione per scenari hyper-converged molto completa, maggiormente integrata e più performante. Un aspetto da valutare con attenzione è quello dei costi, in quanto hanno un’incidenza significativa.

Azure Hybrid Cloud: panoramica della soluzione Azure Stack Edge

Microsoft per rispondere al meglio alle esigenze di adottare soluzioni in grado di estendere il proprio ambiente, dal datacenter principale ai siti periferici, con i servizi innovativi di Azure, mette a disposizione dei propri clienti il portfolio Azure Stack. Si tratta di un insieme di soluzioni in ambito Hybryd Cloud, che consentono di distribuire ed eseguire i propri workload applicativi in modo coerente, senza vincoli imposti dalla locazione geografica. In questo articolo viene riportata una panoramica della piattaforma Azure Stack Edge (ASE) e delle sue caratteristiche, esaminando i casi d’uso e le principali funzionalità.

Prima di entrare nello specifico di Azure Stack Edge è bene precisare che le soluzioni incluse nel portfolio Azure Stack sono le seguenti:

  • Azure Stack Edge: l’appliance gestita di Azure in grado di portare la potenza computazionale, lo storage e l’intelligenza del cloud in un edge remoto del cliente.
  • Azure Stack HCI: la soluzione che consente l’esecuzione di macchine virtuali ed una facile connessione ad Azure grazie ad una infrastruttura hyper-converged (HCI).
  • Azure Stack Hub: l’offerta per le realtà enterprise e per i clienti dei settori pubblici, che necessitano di un ambiente cloud ma disconnesso da Internet oppure che devono soddisfare specifici requisiti normativi e di conformità.

Figura 1 – Famiglia di prodotti Azure Stack

Per avere una panoramica di queste soluzioni vi invito a leggere questo articolo.

Value proposition di Azure Stack Edge

I risultati che si possono trarre adottando la soluzione Azure Stack Edge sono i seguenti:

  • Possibilità di adottare on-premises un modello Infrastructure as a service (IaaS) per i carichi di lavoro nei siti periferici (edge), dove sia l’hardware che il software vengono forniti da Microsoft.
  • Capacità di eseguire le applicazioni presso i siti del cliente, in modo da mantenerle in prossimità delle fonti dati. Inoltre, consente di eseguire presso l’edge non solo le applicazioni proprietarie e di terze parti, ma anche di usufruire di diversi servizi Azure.
  • Disponibilità di acceleratori hardware built-in che consentono di eseguire scenari di machine learning e AI presso l’edge, proprio dove si trovano i dati, senza la necessità di dover inviare i dati nel cloud per svolgere ulteriori analisi.
  • Possibilità di disporre di un cloud storage gateway integrato che consente un facile trasferimento dei dati dall’edge verso l’ambiente cloud.

Scenari d’uso

I principali scenari d’uso di Azure Stack Edge sono i seguenti:

  • Machine learning presso i siti periferici: grazie alla presenza di acceleratori hardware integrati e le capacità di elaborazione offerte dalla soluzione, si ha la possibilità di far fronte a questi scenari proprio dove risiedono i dati, elaborandoli in tempo reale, senza doverli inviare verso Azure.
  • Capacità computazione presso gli edge: i clienti possono eseguire le proprie applicazioni aziendali e le soluzioni IoT presso i siti periferici, senza necessariamente dover fare affidamento su una connettività costante verso l’ambiente cloud.
  • Trasferimento di rete dei dati dall’edge al cloud: utilizzato negli scenari in cui si desidera trasferire periodicamente i dati dall’edge al cloud, per ulteriori analisi oppure per scopi di archiviazione.

Form factors

Per supportare i differenti scenari d’uso riportati, verticalmente tra i settori industriali, Azure Stack Edge è disponibile in tre form factor distinti:

  • Azure Stack Edge Pro, un server blade 1U con una o due GPU.
  • Azure Stack Edge Pro R, un server rugged con GPU, in una robusta custodia da trasporto, completa di UPS e batteria di backup.
  • Azure Stack Edge Mini R, una macchina con un form factor ridotto dotata di batteria e con un peso non elevato (meno di 3,5 Kg).

Figura 2 – Form factors di Azure Stack Edge

Le versioni Azure Stack Edge “rugged” permettono una resistenza a condizioni ambientali estreme, e le versioni alimentate a batterie consentono un facile trasporto.

Stack software di Azure Stack Edge

Il cliente può effettuare l’ordine ed il provisioning di Azure Stack Edge direttamente dal portale Azure, per poi utilizzare gli strumenti classici di gestione di Azure per farne il monitoring ed eseguirne gli aggiornamenti. Il supporto hardware viene fornito direttamente da Microsoft, che provvederà alla sostituzione dei componenti in caso di problematiche. Non sono previsti costi iniziali per ottenere questa appliance, ma il costo sarà contemplato mensilmente nella fatturazione dei servizi Azure. Dal momento che, una volta configurato, qualsiasi applicazione eseguita in Azure Stack Edge può essere configurata e distribuita dal portale di Azure, viene elimina la necessità di disporre di personale IT nell’edge location.

Capacità computazionale di Azure Stack Edge

La possibilità di offrire capacità computazionale preso gli edge è una delle funzionalità chiave di Azure Stack Edge, la quale può essere erogata secondo una delle seguenti modalità:

  • IoT Edge: l’esecuzione di carichi di lavoro containerizzati distribuiti tramite IoT hub è sempre stata supportata sin dal lancio di Azure Stack Edge e continua tuttora ad esserlo.
  • Kubernetes: recentemente è stato introdotto il supporto per l’esecuzione di workloads containerizzati in cluster Kubernetes in esecuzione su Azure Stack Edge.
  • Virtual machines: un ulteriore modo per l’esecuzione delle applicazioni è l’attivazione di workload a bordo di macchine virtuali.

Ambiente Kubernetes in Azure Stack Edge

Kubernetes sta diventando lo standard di fatto per l’esecuzione e l’orchestrazione di workloads containerizzati, ma chi conosce questi ambienti, ha la consapevolezza di alcune delle sfide operative che possono derivare dalla gestione di un cluster Kubernetes. In questo ambito l’obiettivo di Azure Stack Edge è quello di semplificare la distribuzione e la gestione dei cluster Kubernetes. Grazie a una semplice configurazione è possibile attivare un cluster Kubernetes su Azure Stack Edge.

Una volta configurato il cluster Kubernetes, è necessario eseguire ulteriori operazioni di gestione, che vengono semplificare in ASE con dei semplici componenti aggiuntivi. Tra queste operazioni troviamo:

  • La possibilità di abilitare in modo semplice gli acceleratori hardware.
  • Il provisioning del sistema storage per la creazione di volumi persistenti.
  • Lo stare al passo con le versioni di Kubernetes prendendo gli ultimi aggiornamenti disponibili.
  • La capacità di applicare meccanismi di sicurezza e di governance dalla propria infrastruttura.

Completata la configurazione dell’ambiente cluster, vengono forniti dei meccanismi semplici per distribuire e gestire i carichi di lavoro sul cluster Kubernetes, tramite le seguenti modalità:

  • Azure Arc: ASE viene fornito con l’integrazione nativa con Azure Arc. Con pochi passaggi è possibile abilitare Azure Arc, permettendo la distribuzione delle applicazioni nel cluster Kubernetes direttamente dal portale Azure.
  • IoT Hub: abilitando il componente aggiuntivo dell’IoT hub è possibile utilizzarlo per la distribuzione dei conteiners.
  • Kubectl: risulta infine supportato il modo nativo kubectl, utilizzato tipicamente in ambienti disconnessi oppure se si dispone di un’infrastruttura esistente che si integra già con questa modalità.

Figura 3 – Kubernetes deployment in Azure Stack Edge

Macchine virtuali in Azure Stack Edge

Un’altra variante per offrire capacità computazionale presso gli edge è l’attivazione di macchine virtuali. Azure Stack Edge consente di ospitare macchine virtuali, sia Windows che Linux, offrendo la possibilità di distribuire e gestire queste macchine virtuali direttamente da Azure oppure agendo localmente.

Figura 4 – Macchine virtuali in Azure Stack Edge

Un aspetto da tenere in considerazione è che Azure Stack Edge consente di configurare delle topologie di rete più semplici rispetto ad Azure oppure ad Azure Stack Hub.

Per quanto riguarda le funzionalità di accelerazione hardware presenti in Azure Stack Edge, sono supportate queste due varianti:

  • GPU NVIDIA T4, completamente integrata con lo stack GPU
  • Intel Movidius Visual Processing Unit (VPU), per scenari di AI e ML

Servizi Azure che possono essere distribuiti in Azure Stack Edge

Il numero dei servizi che possono essere attivati in Azure Stack Edge è elevato, tra quelli recentemente introdotti troviamo:

  • Live Video Analytics: una piattaforma per la creazione di soluzioni e applicazioni video basate sull’intelligenza artificiale, per svolgere approfondimenti in tempo reale utilizzando i flussi video.
  • Spatial Analysis: un modulo di visione artificiale in tempo reale per analizzare i video e comprendere i movimenti delle persone negli spazi fisici. Ad esempio, durante il periodo Covid, molti negozi al dettaglio desiderano implementare politiche di distanziamento sociale e potrebbero utilizzare uno speciale modulo di analisi per comprendere un determinato comportamento sulla base dei video girati nel negozio.
  • Azure Monitor: che consente di aumentare le prestazioni e la disponibilità delle applicazioni raccogliendo i log dai containers ed analizzandoli.

Figura 5 – Soluzioni Azure in Azure Stack Edge

Conclusioni

Nelle realtà aziendali l’adozione di soluzioni totalmente basate nel cloud non sempre risulta essere una scelta percorribile oppure la migliore in assoluto, spesso si devono necessariamente adottare soluzioni ibride, che comunque contemplano la possibilità di utilizzo anche delle innovazioni introdotte dal cloud. Azure Stack Edge risulta essere una soluzione flessibile e moderna che permettere di rispondere alle esigenze, anche quelle più sfidanti, che emergono per i siti periferici, senza tralasciare le potenzialità offerte dal cloud pubblico.

La nuova soluzione Microsoft per scenari hyper-converged

Molto frequentemente alla forte tendenza di spostare workloads nel cloud pubblico per ottenere benefici in termini di costi, efficienza ed innovazione, si affianca la necessità di mantenere on-premises specifici ambienti applicativi. Le ragioni possono essere differenti e spaziano da motivi di conformità, esigenze specifiche in termini di latenza oppure per determinate ragioni aziendali. Microsoft, consapevole di queste esigenze, ha recentemente annunciato il rilascio di una nuova versione di Azure Stack HCI, la soluzione che permette di realizzare una infrastruttura hyper-converged (HCI) per l’esecuzione di macchine virtuali in ambiente on-premises e che prevede una facile e strategica connessione ai servizi di Azure. In questo articolo vengono riportate le principali caratteristiche che saranno introdotte nella nuova versione di Azure Stack HCI.

Che cos’è Azure Stack HCI?

Con l’arrivo di Windows Server 2019, Microsoft ha introdotto la soluzione Azure Stack HCI, che consente l’esecuzione di macchine virtuali ed un’ampia connessione a differenti servizi offerti da Azure.

Si tratta di una infrastruttura hyper-converged (HCI), dove vengono rimossi diversi componenti hardware, sostituti dal software, in grado di unire i layer di elaborazione, storage e rete in un’unica soluzione. In questo modo si ha un passaggio da una tradizionale infrastruttura “three tier”, composta da switch di rete, appliance, sistemi fisici con a bordo hypervisor, storage fabric e SAN, verso infrastrutture hyper-converged (HCI).

Figura 1 – “Three Tier” Infrastructure vs Hyper-Converged Infrastructure (HCI)

Azure Stack HCI appartiene alla famiglia Azure Stack, che comprende una gamma completa e flessibile di soluzioni per rispondere alle diverse esigenze per l’implementazione di infrastrutture. Il portfolio Azure Stack spazia da Azure Stack Hub, che è un’estensione di Azure in grado di portare l’agilità e l’innovazione del cloud computing nell’ambiente on-premises, ad Azure Stack Edge, una appliance gestita di Azure in grado di portare la potenza computazionale, lo storage e l’intelligenza del cloud in un edge remoto del cliente. Per maggiori informazioni sul portfolio Azure Stack è possibile consultare questo articolo.

Figura 2 – Portfolio Azure Stack

La nuova soluzione Azure Stack HCI, distribuita come servizio hybrid di Azure viene denominata Azure Stack HCI versione 20H2 e comprende importanti novità.

Figura 3 – Panoramica dei componenti Azure Stack HCI versione 20H2

Stack completo per una infrastruttura Hyper-Converged

Il sistema operativo della nuova soluzione Azure Stack HCI si basa sui componenti principali di Windows Server ed è stato appositamente progettato ed ottimizzato per fornire una potente piattaforma Hyper-converged. La nuova versione di Azure Stack HCI adotta le tecnologie ormai consolidate di Windows Server come Hyper-V, software-defined networking e Storages Spaces Direct, ed aggiunge nuove funzionalità specifiche. In seguito, si riportano gli ambiti di innovazione di questa soluzione.

Sistema operativo dedicato e specifico per la soluzione

Il sistema operativo della nuova soluzione Azure Stack HCI è un sistema operativo specifico con una composizione semplificata e componenti più recenti rispetto a Windows Server 2019.

In questo sistema operativo non sono inclusi i ruoli non necessari alla soluzione come ad esempio il server di stampa, il ruolo DNS, il server DHCP, i servizi di dominio Active Directory, i servizi relativi ai certificati ed ai servizi federati.

Inoltre, è presente il più recente hypervisor utilizzato anche in ambiente Azure, con tecnologie storage e di rete software-defined ottimizzate per la virtualizzazione.

L’interfaccia utente locale è minima ed è progettato per essere gestito da remoto.

Figura 4 – Interfaccia del SO di Azure Stack HCI

Funzionalità di disaster recovery e failover delle macchine virtuali intrinseche nella soluzione

Nella nuova versione di Azure Stack HCI viene inclusa la possibilità di creare stretched cluster per estendere un cluster Azure Stack HCI in due location differenti (stanze, edifici o anche due città). Questa funzionalità fornisce una replica dello storage (sincrona oppure asincrona) e contempla la crittografia, la resilienza locale del sito e il failover automatico delle macchine virtuali.

Figura 5 – Stretched cluster in una architettura hyper-converged di Azure Stack HCI

Nella fase di creazione di un nuovo cluster è possibile selezionare se si tratta di una implementazione in un single site oppure stretched su due site differenti.

Figura 6 – Opzioni nella creazione di un cluster Azure Stack HCI

Nel caso sia presente uno stretched cluster, in fase di creazione di un volume è possibile configurare la replica dello storage tra i due site.

Figura 7 – Opzioni di replica di un volume in presenza di stretched cluster

Ottimizzato il processo di Storage Spaces resync

In Azure Stack HCI versione 20H2 è stato completamente reingegnerizzato il meccanismo di Storage Spaces Resync, utilizzato per la riparazione degli spazi di archiviazione, al punto da ridurre in modo considerevole la durata del processo (fino a 4-5 volte). Questo miglioramento permette di velocizzare il riavvio dei vari sistemi in seguito all’applicazione degli aggiornamenti.

Figura 8 – Confronto dei tempi per l’applicazione mensile delle patch del sistema operativo

Aggiornamenti di tutto lo stack contemplato nella soluzione (full-stack updates)

Al fine di ridurre la complessità ed i costi operativi dati dal processo di aggiornamento dell’intera soluzione, nella nuova versione di Azure Stack HCI viene contemplato un processo che prevede l’aggiornamento full-stack (firmware / driver insieme al sistema operativo) per determinati partner selezionati.

Figura 9 – Solution updates di una soluzione Azure Stack HCI marchiata Dell EMC

Servizio ibrido di Azure

Questa nuova versione di Azure Stack HCI viene fornita come servizio di Azure, applicando un modello di licenza basato su subscription e offrendo funzionalità ibride integrate.

Per ampliare le funzionalità della soluzione è possibile adottare soluzioni di Azure per effettuare il monitor, attivare scenari di disaster recovery, gestire la protezione dei backup, nonché una visualizzazione centralizzata delle varie implementazioni di Azure Stack HCI direttamente dal portale Azure. In seguito, vengono riportarti i dettagli relativi a questo sevizio ibrido di Azure.

Integrazione nativa in Azure

Il nuovo Azure Stack HCI si integra in modo nativo con i servizi Azure e con Azure Resource Manager (ARM). Per questa integrazione non è richiesto alcun agente, ma Azure Arc è integrato direttamente nel sistema operativo. Questa permette di visualizzare, direttamente dal portale Azure, il cluster Azure Stack HCI presente on-premises esattamente come una risorsa di Azure.

Figura 10 – Schema di integrazione di Azure Stack HCI in Azure

Grazie all’integrazione con Azure Resource Manager è possibile sfruttare i seguenti vantaggi dati della gestione basata su Azure:

  • Adozione dei costrutti standard basati su Azure Resource Manager (ARM)
  • Classificazione dei cluster con i Tags
  • Organizzazione dei cluster in Resource Groups
  • Visualizzazione di tutti i cluster di Azure Stack HCI in un’unica vista centralizzata
  • Gestione degli accessi tramite Azure Identity Access Management (IAM)

Billing basato su un modello a subscription

Nonostante sia in esecuzione on-premises, Azure Stack HCI prevede una fatturazione basata su subscription Azure, esattamente come per qualsiasi altro servizio cloud di Azure. Il modello è semplice e prevede un costo di 10$ / core / mese, che dipende dai core del processore fisico. Nel nuovo modello di prezzo non esiste un minimo o un massimo sul numero di core licenziati e tanto meno nella durata di attivazione.

Figura 11 – Nuovo modello di licensing applicato per Azure Stack HCI

Team di supporto Azure dedicato

Azure Stack HCI diventa a tutti gli effetti una soluzione Azure, pertanto sarà coperta dal supporto Azure con le seguenti caratteristiche:

  • Si potrà richiedere facilmente supporto tecnico direttamente dal portale Azure.
  • Il supporto sarà fornito da un nuovo team di esperti dedicato a supportare la nuova soluzione Azure Stack HCI.
  • Sarà possibile scegliere tra diversi piani di supporto, a seconda delle esigenze.

Per maggiori informazioni è possibile accedere a questa pagina.

Familiarità nella gestione e nel funzionamento

La soluzione Azure Stack HCI può essere attivata su differenti modelli hardware a scelta e per essere amministrata non richiede strumenti software specifici.

Scelta e personalizzazione dell’hardware

Sono diversi i fornitori hardware che offrono soluzioni idonee per eseguire Azure Stack HCI e possono essere consultate accedendo a questo indirizzo. La scelta è ampia e ricade su oltre 200 soluzioni di oltre 20 partner differenti. Azure Stack HCI richiede hardware appositamente testato e validato dai vari vendor.

Le soluzioni Azure Stack HCI comprese nel catalog sono composte da:

  • Un sistema server
  • Un host bus adapter
  • Una famiglia di schede di rete

Inoltre, è possibile personalizzare la soluzione hardware in base alle proprie esigenze, andando a configurare il processore, la memoria, lo storage e le caratteristiche delle schede di rete, sempre rispettando le matrici di compatibilità del fornitore.

Figura 12 – Composizione hardware per soluzioni Azure Stack HCI

Strumenti di gestione ed integrazione

La gestione amministrativa di Azure Stack HCI non richiede software specifici, ma è possibile adottare gli strumenti di gestione esistenti come Admin Center, PowerShell, System Center Virtual Machine Manager e persino strumenti di terze parti.

Utilizzando Windows Admin Center è possibile installare e configurare nuove architetture Azure Stack HCI e attivare sistemi virtuali. Inoltre, grazie ad una integrazione nativa di Windows Admin Center con Azure è possibile estendere le funzionalità con differenti servizi Azure, tra i quali:

  • Azure Site Recovery per implementare scenari di disaster recovery.
  • Azure Monitor per tenere sotto controllo, in modo centralizzato, quello che avviene a livello applicativo, sulla rete e nella propria infrastruttura hyper-converged, con l’esecuzione di analisi avanzate tramite l’intelligenza artificiale.
  • Azure Backup per una protezione offsite della propria infrastruttura.
  • Azure Security Center per il monitoraggio e il rilevamento sulle macchine virtuali delle minacce di security
  • Azure Update Management per fare un assessment degli aggiornamenti mancanti e procedere con la relativa distribuzione, sia per macchine Windows che per sistemi Linux, indipendentemente dalla loro location, Azure oppure on-premises.
  • Cloud Witness per utilizzare lo storage account di Azure come quorum del cluster.

Conclusioni

Le novità introdotte nella nuova soluzione hyper-converged di Microsoft sono molto interessanti e riguardano diversi ambiti. Azure Stack HCI si integra perfettamente all’ambiente on-premises esistente ed offre un importante valore aggiunto: la possibilità di connettere Azure Stack HCI con i servizi Azure per ottenere una soluzione hyper-converged ibrida. Questo aspetto in particolare la differenzia fortemente da altri competitor che offrono soluzioni in questo ambito. Grazie ai cambiamenti introdotti da questa nuova versione è possibile ottenere una proposizione per scenari hyper-converged completa e maggiormente integrata e performante.