Azure Security Center: come personalizzare la soluzione per soddisfare i propri requisiti di sicurezza

Azure Security Center è una soluzione nel cloud che consente di prevenire, rilevare e rispondere alle minacce di sicurezza che interessano sia le risorse in ambiente Azure che workloads in ambienti ibridi. Tramite l’assegnazione di un punteggio globale al proprio ambiente permette di valutare il profilo di rischio e di agire per intraprendere delle azioni di remediation al fine di migliorare le security posture. La soluzione si basa su delle raccomandazioni generiche, ma in alcuni casi è opportuno personalizzarla per contemplare al meglio le proprie politiche di sicurezza. In questo articolo viene riportato come è possibile introdurre questo livello di personalizzazione al fine di aumentare il valore fornito da Azure Security Center.

Utilizzo delle custom security policy

Le raccomandazioni di default presenti nella soluzione sono derivanti da best practices generiche del settore e da specifici standard normativi.

Figura 1 – Punteggio e raccomandazioni standard presenti in Azure Security Center

Recentemente è stata introdotta la possibilità di aggiungere le proprie initiatives personalizzate, al fine di ricevere delle raccomandazioni qualora non siano rispettate le policy di sicurezza stabilite in modo specifico per il proprio ambiente. Le iniziative personalizzate che vengono create sono totalmente integrate nella soluzione e saranno contemplate sia nel Secure Score che nelle dashboard di compliance.

Per creare una initiative personalizzata è possibile seguire la procedura in seguito riportata:

Figura 2 – Avvio del processo di creazione di una custom initiative

All’interno delle initiatives è possibile includere delle Azure Policy integrate nella soluzione oppure le proprie policy personalizzate.

Nell’esempio sotto riportato l’initiative include le seguenti due policy:

  • Una custom che impedisce la creazione di peering verso una rete di Hub che si trova in un determinato resource group.
  • Una bult-in che verifica che siano applicati i Network Security Group a tutte le subnet.

Figura 3 – Creazione di una custom initiative

In seguito, è necessario procedere con l’assegnazione dell’initiative custom:

Figura 4 – Avvio del processo di assegnazione

 

Figura 5 – Assegnazione della custom initiative

 

Figura 6 – Visualizzazione della custom initiative assegnata

La visualizzazione delle raccomandazioni presenti all’interno di Security Center non è immediata, ma attualmente richiede circa 1 ora e la si può consultare nella seguente sezione:

Figura 7 – Custom initiative nella sezione Regulatory compliance

 

Disabilitazione di security policy di default

In determinate circostanze può risultare opportuno disabilitare determinati controlli presenti di default nella soluzione Azure Security Center, in quanto non si ritengono adeguati al proprio ambiente e non si vogliono generare inutilmente delle segnalazioni. Per farlo è possibile effettuare gli step seguenti:

Figura 8 – Accesso alle default policy di Security Center

 

Figura 9 – Selezione dell’assegnazione delle default policy di Security Center

 

Figura 10 – Disabilitazione di una specifica policy presente di default

 

Conclusioni

Azure Security Center mette a disposizione in modo nativo una serie di controlli per verificare costantemente la presenza di condizioni ritenute anomale e che possono avere un impatto diretto sulla sicurezza dell’ambiente. La possibilità di introdurre un livello di personalizzazione nella soluzione, la rende più flessibile e permette di verificare e applicare su larga scala dei criteri di compliance in ambito sicurezza specifici per il proprio ambiente. Per migliorare le security posture è fondamentale valutare l’adozione di questa soluzione e applicando un buon livello di personalizzazione se ne aumenta notevolmente il suo valore.