Azure Security: Best Practices per migliorare la security posture

La tendenza ad avere sempre più frequentemente soluzioni nel cloud e architetture ibride impone di adottare elevati standard di sicurezza per il proprio ambiente. Ma come è possibile ottenere un’efficace sicurezza del cloud per Azure e quali best practice è opportuno seguire? In questo articolo vengono riportate in modo sintetico le principali pratiche che è opportuno adottare in Azure per garantire un elevato livello di sicurezza e migliorare le security posture.

Attivazione MFA e restrizioni per gli accessi amministrativi

Per le utenze con diritti amministrativi è opportuno attivare l’autenticazione tramite meccanismi di Multi-factor Authentication (MFA). A questo proposito è molto interessante valutare meccanismi di autenticazione passwordless che prevedono che la password sia sostituita con qualcosa che si possiede più qualcosa che si è o che si conosce.

Microsoft attualmente offre tre distinti scenari di autenticazione passwordless:

Azure Active Directory offre la possibilità di attivare meccanismi di MFA, compresa l’autenticazione passwordless. Meccanismi di MFA basati sui messaggi di testo sono più facilmente aggirabili, quindi è bene indirizzarsi su meccanismi di Multi-factor Authentication differenti oppure passwordless.

Ridurre al minimo il numero di persone e il relativo periodo temporale, per l’accesso amministrativo alle risorse Azure, è una pratica da adottare perché riduce la possibilità che un attore malintenzionato ottenga un accesso amministrativo oppure che un utente autorizzato influisca inavvertitamente su una specifica risorsa. Per consentire l’esecuzione di azioni amministrative agli utenti autorizzati si può offrire un accesso privilegiato just-in-time (JIT) alle risorse Azure ed Azure AD. A questo scopo l’adozione del servizio Azure Active Directory (Azure AD) Privileged Identity Management (PIM) che consente di gestire, controllare e monitorare gli accessi alle risorse aziendali è una buona pratica da adottare.

Un altro aspetto chiave da considerare è l’utilizzo di postazioni di lavoro sicure e isolate per i ruoli sensibili. In questo documento ufficiale Microsoft è possibile ottenere maggiori dettagli a riguardo.

Segmentazione e adozione del modello Zero Trust

Il modello di sicurezza, definito Zero trust e in contrasto con i modelli convenzionali basati sulla sicurezza perimetrale, prevede l’adozione di un approccio legato alla micro-segmentazione e alla definizione di perimetri granulari nella propria architettura di rete. Per contenere i rischi di sicurezza è bene adottare una strategia di segmentazione chiara e semplice, che permette alle parti interessate una chiara comprensione, per agevolare un monitor e una gestione efficace. Sarà poi utile assegnare le autorizzazioni necessarie e gli opportuni controlli di rete.

A questo proposito si riporta un design di riferimento per quanto riguarda il modello amministrativo di Azure:

Figura 1 – Reference Design – Azure Administration Model

Nella figura seguente viene mostrato il modello tipico di rete Hub-Spoke, dove l’Hub è una rete virtuale in Azure che funge da punto di connettività verso la rete on-premises e gli Spoke sono le reti virtuali che eseguono il peering con l’Hub e possono essere usate per isolare i carichi di lavoro.

Figura 2 – Reference Enterprise Design – Azure Network Security

Adozione di una opportuna “Firewall Strategy”

L’adozione di una soluzione firewall in ambiente Azure per proteggere e segregare al meglio i flussi di rete è ormai obbligata.

La scelta può prevedere l’adozione di:

  • Soluzioni Microsoft totalmente integrate nella piattaforma, come Azure Firewall, affiancato dal Web App Firewall (WAF) dell’Application Gateway, un load balancer applicativo (OSI layer 7) per il traffico web, che consente di governare il traffico HTTP e HTTPS delle applicazioni. Il modulo Web Application Firewall (WAF) per le pubblicazioni web consente di ottenere una protezione applicativa, basandosi su regole OWASP core rule sets. Il WAF protegge gli applicativi da vulnerabilità e da attacchi comuni, come ad esempio attacchi X-Site Scripting e SQL Injection. Tali soluzioni sono idonee per la maggior parte degli scenari e offrono funzionalità intrinseche di alta disponibilità e scalabilità oltre che una semplice configurazione e gestione centralizzata.
  • Soluzioni fornite da vendor di terze parti e disponibili nel marketplace di Azure. Le Network Virtual Appliances (NVAs) sono numerose, possono offrire funzionalità avanzate e consentono di dare una continuità nell’esperienza d’uso rispetto alle soluzioni già attive nell’ambiente on-premises. Tipicamente la configurazione di queste soluzioni è più articolata e il costo è tendenzialmente più elevato rispetto alle soluzioni Microsoft.

Scelta di una soluzione di DDoS Mitigation per gli applicativi critici

Molto importante è la protezione di tutti gli applicativi critici da attacchi informatici di tipologia denial-of-service distribuiti (attacchi DDoS – Distributed Denial of Service). Questi attacchi sono rivolti a far esaurire deliberatamente le risorse di un determinato sistema che eroga un servizio ai client, come ad esempio un sito web ospitato su dei web server, al punto da renderlo non più in grado di erogare il servizio a coloro che lo richiedono in modo legittimo.

In Azure la protezione da attacchi DDoS è disponibile in due differenti tiers: Basic oppure Standard.

Figura 3 – Comparativa delle funzionalità dei tiers disponibili per la protezione DDoS

La protezione Basic è abilitata di default nella piattaforma Azure, la quale effettua costantemente il monitor del traffico e applica in tempo reale delle mitigazioni agli attacchi di rete più comuni. Questo tier fornisce lo stesso livello di protezione adottato e collaudato dai servizi online di Microsoft ed è attiva per gli indirizzi IP Pubblici di Azure (Pv4 e IPv6). Non è richiesta alcun tipo di configurazione per il tier Basic.

L’Azure DDoS Protection di tipologia Standard fornisce delle funzionalità di mitigation aggiuntive rispetto al tier Basic, che sono ottimizzate in modo specifico per le risorse dislocate nelle virtual network di Azure. Le policy di protezione sono auto-configurate e vengono ottimizzate effettuando un monitoraggio specifico del traffico di rete e applicando degli algoritmi di machine learning, che consentono di profilare nel modo più opportuno e flessibile il proprio applicativo studiando il traffico generato. Nel momento in cui vengono superate le soglie impostate nella policy di DDoS, viene in automatico avviato il processo di DDoS mitigation, il quale viene sospeso nel momento in cui si scende al di sotto delle soglie di traffico stabilite. Queste policy vengono applicate a tutti gli IP pubblici Azure (IPv4) associati alle risorse presenti nelle virtual network, come: macchine virtuali, Azure Load Balancer, Azure Application Gateway, Azure Firewall, VPN Gateway e istanze Azure Service Fabric.

Adozione di Azure Security Center

Azure Security Center è una soluzione nel cloud che consente di prevenire, rilevare e rispondere alle minacce di sicurezza che interessano le risorse Azure e workloads in ambienti ibridi. Per migliorare le security posture del proprio ambiente Azure è fondamentale valutare l’adozione di questa soluzione che viene offerta in due possibili tiers:

  • Free tier. In questo tier Azure Security Center è totalmente gratuito ed effettua un assessment continuo, fornendo delle raccomandazioni relative alla sicurezza dell’ambiente Azure.
  • Standard tier. Rispetto al tier free aggiunge funzionalità avanzate di rilevamento delle minacce, utilizzando l’analisi comportamentale e l’apprendimento automatico per identificare attacchi e exploit zero-day. Attraverso tecniche di machine learning e tramite la creazione di whitelist è possibile controllare l’esecuzione delle applicazioni per ridurre l’esposizione agli attacchi di rete e ai malware. Inoltre, il livello standard aggiunge la possibilità di effettuare in modo integrato un Vulnerability Assessment per le macchine virtuali in Azure. Lo standard Security Center Standard supporta diverse risorse Azure tra cui: VMs, Virtual machine scale sets, App Service, SQL servers, e Storage accounts.

Figura 4 – Confronto tra i tiers di Azure Security Center

Azure Security Center assegna un punteggio al proprio ambiente, utile per monitorare il profilo di rischio e cercare di migliorare costantemente le security posture, applicando delle azioni di remediation. Buona norma è verificare con cadenza regolare (almeno mensile) il security score fornito da Azure Security Center e programmare le iniziative finalizzate a migliorare specifici ambiti. Inoltre, è consigliato verificare attentamente gli alert che Security Center nel tier standard genera quando rileva potenziali minacce di sicurezza sulle proprie risorse. Security Center stabilisce le priorità, elenca gli alert, fornisce le informazioni necessarie per esaminare rapidamente i problemi e fornisce consigli su come risolvere eventuali attacchi.

Introdurre la sicurezza durante nelle fasi di sviluppo e rilascio

L’adozione di modelli DevOps per implementare applicazioni e servizi in Azure consentono, oltre che fornire la massima agilità, di ottenere benefici in termini di sicurezza. Nei modelli DevOps è possibile coinvolgere nelle fasi di sviluppo e gestione i team dedicati al controllo della qualità e della sicurezza durante tutto il ciclo di vita dell’applicazione. Utilizzando processi di Infrastructure-as-Code (IaC) è infatti possibile definire e monitorare la conformità su larga scala.

Non utilizzare tecnologie legacy

In ambiente Azure non è consigliata l’adozione delle classiche soluzioni Network Intrusion Detection System (NIDS) e Network Intrusion Prevention Systems (NIPS) in quanto la piattaforma è in grado di filtrare nativamente i pacchetti malformati. Le soluzioni NIDS / NIPS classiche si basano in genere su approcci obsoleti basati sulla firma che possono essere facilmente elusi durante tentativi di attacco e in genere producono un alto tasso di falsi positivi.

Conclusioni

Raggiungere un elevato livello di sicurezza degli ambienti Azure è una sfida importante che deve necessariamente essere vinta e prevede un costante lavoro di controllo, revisione e aggiornamento delle security posture. In questo articolo sono state riportate quelle che sono ritenute le principali best practice di sicurezza date da una diretta esperienza sul campo, che è sempre bene arricchirle adottando ulteriori accorgimenti.