Azure File Sync: panoramica della soluzione

Il servizio Azure File Sync (AFS) permette di centralizzare le cartelle di rete della propria infrastruttura in Azure Files, consentendo di mantenere le caratteristiche tipiche di un file server on-premises, in termini di performance, compatibilità e flessibilità e allo stesso tempo di beneficiare delle potenzialità offerte dal cloud. In questo articolo verranno riportate le caratteristiche principali del servizio Azure File Sync e le procedure da seguire per effettuarne il deployment.

Figura 1 – Schema di overview di Azure File Sync

Azure File Sync è in grado di trasformare Windows Server in una “cache” per accedere rapidamente ai contenuti presenti su una determinata Azure file share. L’accesso locale ai propri dati può avvenire con qualsiasi protocollo disponibile in Windows Server, come SMB, NFS, e FTPS. Si ha la possibilità inoltre di disporre di più server “cache” dislocati in location geografiche differenti.

Queste le caratteristiche principali di Azure File Sync:

  • Multi-site sync: si ha la possibilità di effettuare la sincronizzazione tra differenti site, consentendo di accedere in scrittura agli stessi dati tra differenti Windows Servers ed Azure Files.
  • Cloud tiering: vengono mantenuti localmente solo i dati acceduti di recente.
  • Integrazione con Azure backup: viene a decadere la necessità di effettuare il backup dei dati on premises. La protezione dei contenuti è possibile farla tramite Azure Backup.
  • Disaster recovery: si ha la possibilità di effettuare in modo immediato il ripristino dei metadata dei file e di richiamare solamente i dati necessari, per velocizzare le operazioni di riattivazione del servizio in scenari di Disaster Recovery.
  • Accesso diretto all’ambiente cloud: è consentito accedere direttamente ai contenuti presenti sulla File Share da altre risorse Azure (IaaS e PaaS).

 

Requisiti

Per poter effettuare il deployment di Azure File Sync è necessario disporre dei seguenti requisiti:

Un Azure Storage Account, con una file share configurata in Azure Files, nella stessa region dove si vuole fare il deploy del servizio AFS. Per effettuare la creazione di uno storage account è possibile seguire l’articolo Create a storage account, mentre la procedura di creazione della file share è riportata in questo documento.

Un sistema Windows Server con sistema operativo Windows Server 2012 R2 o successivo, il quale dovrà avere:

  • PowerShell 5.1, che è incluso di default a partire da Windows Server 2016.
  • Moduli PowerShell AzureRM.
  • Agente Azure File Sync. Il setup di installazione dell’agente può essere scaricato a questo indirizzo. Nel caso si intenda utilizzare AFS in ambiente cluster è opportuno installare l’agente su tutti i nodi del cluster. A questo proposito è bene precisare che Windows Server Failover Clustering è supportato da Azure File Sync per deployment di tipologia “File Server for general use”. L’ambiente Failover Cluster non è invece supportato su “Scale-Out File Server for application data” (SOFS) oppure su Clustered Shared Volumes (CSVs).
  • Si consiglia di mantenere l’opzione “Internet Explorer Enhanced Security Configuration” disabilitata sia per gli Administrators che per gli Users.

 

Concetti e configurazione del servizio

Dopo aver verificato la presenza di questi requisiti l’attivazione di Azure File Sync richiede di procedere con la creazione del servizio Storage Sync:

Figura 2 – Creazione servizio Storage Sync

Si tratta della risorsa top-level per Azure File Sync, la quale funge da contenitore per le relazioni di sincronizzazione tra i differenti storage account e molteplici Sync Group. Il Sync Group definisce la topologia di sincronizzazione per un set di files. Gli endpoint che si trovano all’interno dello stesso Sync Group vengono mantenuti in sincronizzazione tra di loro.

Figura 3 – Creazione Sync Group

A questo punto è possibile procedere con la registrazione del server avviando l’agente Azure File Sync.

Figura 4 – Avvio del processo di Sign-in

Figura 5 – Selezione dei parametri di registrazione del server

Figura 6 – Conferma di registrazione dell’agente

Al termine della registrazione il server comparirà anche nella sezione “Registered servers” del portale Azure:

Figura 7 – Server registrati nel servizio Storage Sync

Conclusa la registrazione del server è opportuno inserire un Server Endpoint all’interno del Sync Group, il quale integra un volume oppure una folder specifica, con un Registered Server, creando una location per la sincronizzazione.

Figura 8 – Aggiunta di un Server Endpoint

Aggiungendo un Server Endpoint è possibile abilitare la funzionalità di Cloud tiering che consente di mantenere, localmente sulla cache della macchina Windows Server, i file acceduti più frequentemente, mentre tutti i restanti file vengono salvati in Azure sulla base di specifiche policy che è possibile configurare. Per maggiori informazioni relative alla funzionalità di Cloud Tiering è possibile consultare la documentazione ufficiale Microsoft. A questo proposito è opportuno specificare che al momento non c’è supporto tra Azure File Sync con abilitata la funzionalità di cloud tiering, e la deduplica del dato. Nel caso si desideri abilitare Windows Server Data Deduplication occorre mantenere disabilitata la funzionalità di cloud tiering.

Dopo aver aggiunto uno o più Server Endpoint è possibile consultare lo stato del Sync Group:

Figura 9 – Stato del Sync Group

 

Per ottenere dei deployment di successo di Azure File Sync è inoltre necessario verificare attentamente la compatibilità con le soluzioni antivirus e di backup che vengono utilizzate.

Azure File Sync e DFS Replication (DFS-R) sono due soluzioni per la replica del dato e possono funzionare anche in side-by-side purché siano rispettate queste condizioni:

  1. Azure File Sync cloud tiering deve essere disabilitato sui volumi con cartelle DFS-R replicate.
  2. I Server endpoints non devono essere configurati su cartelle DFS-R read-only.

Azure File Sync può essere un ottimo sostituto di DFS-R e per la migrazione è possibile seguire le indicazioni riportate in questo documento. Rimangono alcuni scenari specifici che possono richiedere l’utilizzo contemporaneo di entrambe le soluzioni di replica:

  • Non tutti i server on-premises che necessitano di una copia dei file possono essere connessi a Internet.
  • Quando i branch servers consolidano i dati in un singolo hub server, sul quale viene poi utilizzato Azure File Sync.
  • Durante la fase di migrazione di deployment di DFS-R verso Azure File Sync.

Conclusioni

Azure File Sync è una soluzione che consente di estendere il classico file server dislocato on-premises con nuove funzionalità di sincronizzazione dei contenuti, beneficando delle potenzialità del cloud pubblico di Microsoft in termini di scalabilità e flessibilità.