Azure Backup: come evolve la soluzione

Microsoft ha recentemente annunciato importanti novità riguardanti la protezione delle macchine virtuali tramite Azure Backup. Grazie ad un aggiornamento dello stack di backup si possono infatti ottenere consistenti miglioramenti della soluzione che la rendono più performante e ne estendono le potenzialità. In questo articolo verranno approfonditi i benefici che si ottengono dall’aggiornamento e sarà esaminata la procedura da seguire per passare al nuovo stack di backup.

Funzionalità introdotte dal nuovo stack di backup

Recovery point istantanei e miglioramenti nelle performance

Il job di Azure Backup per la protezione delle macchine virtuali può essere suddiviso in due fasi distinte:

  1. Creazione della snapshot della VM.
  2. Trasferimento della snapshot verso il Recovery Service vault.

Figura 1 – Fasi del job di backup

Aggiornando lo stack di backup, il recovery point viene reso disponibile immediatamente al termine della creazione della snapshot della macchina virtuale (Fase 1), ed è utilizzabile per le operazioni di ripristino secondo le modalità note. A differenza di prima che era possibile utilizzarlo solo al termine della Fase 2. Dal portale Azure è possibile distinguere la tipologia di recovery point, in quanto al termine della Fase 1, il recovery point type viene definito come “snapshot”, mentre al termine del trasferimento della snapshot verso il vault di backup, il recovery point type viene marcato come “snapshot and vault”.

Le snapshot effettuate durante il processo di backup vengono mantenute per 7 giorni. Grazie a questa modifica vengono ridotti notevolmente i tempi di esecuzione dei restore, effettuati utilizzando le snapshot, le quali sono utilizzabili in modo del tutto analogo ai checkpoint creati da Hyper-V oppure da VMware.

Supporto per dischi di grosse dimensioni

Il nuovo stack di backup consente inoltre di proteggere i dischi di dimensione fino ai 4TB, sia di tipologia managed che unmanaged. Il limite in precedenza nella dimensione massima dei dischi protetti era di un 1TB.

Distribuzione dei dischi durante il ripristino delle macchine virtuali

Dopo aver effettuato l’aggiornamento dello stack di backup si ha la possibilità di scegliere dove posizionare i dischi unmanaged delle macchine virtuali durante i processi di restore. Questo riduce le configurazioni che sarebbero necessarie, post attività di restore, mettendo tutti i dischi all’interno dello stesso storage account.

Il processo di Upgrade

Per poter usufruire dei benefici introdotti dal nuovo stack di backup è necessario effettuare manualmente l’upgrade della subscription che detiene i Recovery Service Vault secondo le modalità in seguito descritte.

Considerazione pre-Upgrade

Prima di affrontare l’aggiornamento dello stack è opportuno considerare i seguenti aspetti:

  • Dal momento che l’upgrade viene attivato a livello di subscription Azure, la metodologia di esecuzione dei backup viene modificata per tutte le macchine virtuali protette, presenti nella subscription specifica. In futuro sarà possibile avere un controllo più granulare di questo processo di upgrade.
  • Le snapshot vengono salvate localmente per velocizzare il processo di creazione dei recovery point e per aumentare la velocità dei processi di restore. Questo comporta che saranno previsti dei costi per lo storage utilizzato dalle snapshot mantenute per 7 giorni.
  • Le snapshot incrementali vengono salvate come page blob. Per coloro che utilizzano managed disk non sono previsti costi aggiuntivi, mentre chi utilizza dischi unmanaged deve considerare anche il costo delle snapshot salvate (durante i 7 giorni) nello storage account locale.
  • In caso di ripristino di una VM premium, partendo da uno snapshot recovery point, sarà presente, durante la creazione della VM effettuata dal processo di restore, una location temporanea per lo storage.
  • Per gli storage account premium è necessario considerare un’allocazione di 10 TB di spazio, per le snapshot create a fini di instant recovery.

Come effettuare l’upgrade

L’upgrade può essere effettuato direttamente dal portale Azure oppure tramite comandi PowerShell.

Accedendo dal portale Azure al Recovery Service vault, comparirà la notifica che segnala la possibilità di effettuare l’aggiornamento dello stack di backup.

Figura 2 – Notifica di upgrade dello stack di backup

Selezionando la notifica comparirà la seguente segnalazione che consente di avviare il processo di upgrade.

Figura 3 – Avvio del processo di upgrade dello stack di backup

La medesima operazione può essere svolta utilizzando i seguenti comandi Powershell:

Figura 4 – Comandi Powershell per registrare la subscription al processo di upgrade

L’aggiornamento dello stack di backup richiede generalmente diversi minuti (massimo due ore), ma non ha nessun impatto sulle operazioni di backup schedulate.

Considerazioni

Questo importante aggiornamento dello stack di Azure Backup dimostra che la soluzione è in continua evoluzione per ampliare le sue potenzialità e per garantire maggiori livelli di performance. Per portare il proprio contributo con nuove idee o per votare le funzionalità che si ritengono maggiormente importanti per Azure Backup è possibile accedere a questa pagina. Per maggiori dettagli in merito ad Azure Backup è possibile consultare la documentazione ufficiale Microsoft.