Azure Networking: tutto ciò che è opportuno sapere sul nuovo Application Gateway

L’Application Gateway è l’offerta di Application Delivery Controller as-a-service presente in Azure che consente ai clienti di effettuare la ripubblicazione applicativa, con funzionalità integrate di bilanciamento del carico layer-7, sicurezza e Web Application Firewall (WAF). Microsoft ha recentemente annunciato la disponibilità di una versione totalmente rivisitata dell’Azure Application Gateway e del relativo modulo Web Application Firewall (WAF). In questo articolo vengono riportati i miglioramenti e le funzionalità aggiuntive che sono presenti nelle nuove SKUs, chiamate rispettivamente Standard_v2 e WAF_v2.

Miglioramenti e nuove funzionalità

Si riportano gli ambiti dove la nuova versione dell’Azure Application Gateway ha apportato migliorie e funzionalità aggiuntive.

Figura 1 – Schema con le nuove funzionalità della SKU V2

Scalabilità

La nuova versione dell’Azure Application Gateway consente di effettuare in modo automatico uno scale-up oppure uno scale-down del numero delle istanze da utilizzare, in base al traffico rilevato verso gli applicativi ripubblicati. In questo modo il dimensionamento dell’Application Gateway sarà sempre idoneo per sostenere il traffico necessario e non sarà più opportuno dimensionare questo componente alla massima capacità per sostenere i momenti con picchi di traffico. Ne consegue che grazie a questa funzionalità è possibile ottenere un risparmio significativo sui costi in scenari dove sono presenti workload che non hanno un afflusso omogeneo, ma soggetto a variazioni.

Zone redundancy

Nella nuova SKU è possibile prevedere il deployment dell’application Gateway in diverse zone di disponibilità (availability zone) in modo da non essere soggetti a disservizi in caso di problematiche legate alla singola zona di Azure. Questa metodologia di deployment permette di aumentare la resilienza delle applicazioni pubblicate.

Assegnazione IP Pubblico Statico

Il Virtual IP Address assegnato all’Application Gateway potrà essere statico, garantendo così una assegnazione dell’indirizzo IP costante per tutto il ciclo di vita del componente. Tale funzionalità risulta particolarmente utile per gestire regole su sistemi firewall esterni ad Azure e per scenari di pubblicazione di Azure Web App.

Header Rewrite

La funzionalità di Header Rewrite consente di gestire più facilmente le pubblicazioni degli applicativi in quanto è consentito aggiungere, rimuovere o modificare gli header delle richieste e delle risposte HTTP, direttamente dall’Application Gateway e senza la necessità di modificare il codice dell’applicativo.

Performance

L’adozione della nuova SKU dell’Application Gateway consente di avere un notevole miglioramento nelle performance sia durante le attività di provisioning che durante le attività di aggiornamento della configurazione. Inoltre, si evidenzia un miglioramento delle performance, fino a 5 volte superiore rispetto alla precedente SKU, in scenari di SSL offloading.

La raccomandazione

Per tutte le nuove implementazioni si consiglia di valutare l’adozione della nuova SKU dell’Azure Application Gateway, mentre per chi sta effettuando pubblicazioni applicative tramite Application Gateway V1, si consiglia di migrare alla SKU V2 in tempi brevi, per le seguenti ragioni:

  • Nuove funzionalità e miglioramenti: migrando alla nuova SKU è possibile beneficiare dei miglioramenti e delle nuove funzionalità sopra menzionate.
  • Costo: vista la nuova politica di pricing adottata per la SKU V2, basata sui consumi e non più sul dimensionamento e sul numero di istanze, questa potrebbe risultare complessivamente più conveniente rispetto alla SKU V1. Per maggiori informazioni sui costi della nuova versione dell’Azure Application Gateway è possibile consultare la relativa pagina dei costi.
  • Supporto della piattaforma: a breve Microsoft disabiliterà la possibilità di creare nuovi Application Gateway V1. Inoltre, in futuro Microsoft rilascerà ulteriori nuove funzionalità, ma la maggior parte di queste saranno rilasciate esclusivamente per la SKU V2.

Come avviene la migrazione alla SKU V2

Attualmente la piattaforma Azure non fornisce una procedura automatica di migrazione dalla SKU V1 alla SKU V2, ma è necessario procedere con una migrazione in side-by-side. Per procedere con questa attività è necessaria una opportuna attività di analisi preliminare per verificare la presenza di tutti i requisiti necessari. La migrazione della configurazione esistente può avvenire tramite appositi script di supporto, ma potrebbero comunque essere richieste attività manuali. Conclusa la configurazione di tutte le impostazioni verso il nuovo Azure Application Gateway V2 è necessario ridirigere il flusso di traffico proveniente dai client verso il nuovo servizio di Application Delivery.

Conclusioni

L’introduzione delle nuove funzionalità descritte rende l’offerta di Application Delivery Controller as-a-service disponibile nella piattaforma Azure ancora più completa e funzionale, al punto da essere altamente competitiva con soluzioni di altri vendor, da tempo consolidate sul mercato. Per rimanere costantemente aggiornati con la rapida evoluzione del cloud è consigliato effettuare quanto prima il passaggio alla nuova versione dell’Application Gateway per poter usufruire dei vantaggi sopra citati.