System Center Orchestrator 2012: Principali novità introdotte rispetto a Opalis 6.3

System Center Orchestrator 2012 è il successore di Opalis 6.3 il prodotto che consente di automatizzare ed integrare le attività di gestione della propria infrastruttura IT.

Rispetto al predecessore il prodotto non è stato completamente rivisto, ma sono state introdotte alcune novità molto interessanti:

  • Nuova processo di installazione: in breve tempo è possibile avere il prodotto funzionante grazie al setup che ti guida in modo semplice nelle scelte di installazione. Molto comodo anche il check che verifica la presenza di tutti i prerequisiti necessari. Rispetto ad Opalis questo è sicuramente un notevole miglioramento tenendo in considerazione tutti gli step che era necessario seguire per completare l’installazione;
  • Nuova console di gestione web: la nuova Operator Console di Orchestrator è basata su IIS ed utilizza la tecnologia Silverlight. Attraverso la console web è possibile controllare e governare l’esecuzione dei Runbook utilizzando una efficace interfaccia. In Opalis 6.3 la console era basata interamente su Java ed utilizzava componenti Open Source;
  • Nuovo Web Service: grazie al nuovo web service, dove le richieste aderiscono allo standard OData, viene messo a disposizione un potente strumento di integrazione con il prodotto;
  • Nuovo provider PowerShell: questo provider PowerShell consente di instaurare la comunicazione con Orchestrator e governare le sue funzionalità come ad esempio gestire remotamente i Runbook;
  • Nuove Attività Standard disponibili: l’insieme di attività per la creazione dei runbook già presenti di default in Orchestrator è stato ampliato dando così la possibilità di iniziare a costruire fin da subito workflow senza la necessità di installare Integration Pack aggiuntivi.

L’authoring experience e l’interfaccia di Orchestrator rispetto a Opalis è fondamentalmente la stessa, ma è bene tenere in considerazione le seguenti differenze nelle terminologie utilizzate (stessi concetti, nuove terminologie):

  • Policies in Opalis sono chiamate Runbooks in Orchestrator;
  • Foundation Objects di Opalis vengono ora chiamate Standard Activities in Orchestrator.

Orchestrator a differenza di Opalis non prevede il supporto per il datastore su Oracle ma solo su SQL Server.

Francesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *