Windows Server 2019: introduzione a System Insights

In Windows Server 2019 è stata inclusa una nuova funzionalità chiamata System Insights che introduce nativamente nel sistema operativo delle capacità predittive. Grazie ad una accurata analisi che avviene localmente al sistema, basata su un modello di apprendimento automatico, è in grado di fornire, con un elevato livello di affidabilità, delle previsioni su condizioni problematiche che possono verificarsi nell’ambiente Windows Server. In questo articolo viene riportato come abilitare questa funzionalità e le principali caratteristiche della soluzione.

Installazione di System Insights

System Insights in Windows Server 2019, non richiede requisiti specifici per l’installazione, e può essere attivato su sistemi fisici oppure virtuali, in modo agnostico dall’Hypervisor o dalla piattaforma cloud sulla quale risiedono. L’installazione è semplice e può avvenire utilizzando una delle seguenti modalità:

  • Tramite Windows Admin Center.

Figura 1 – Attivazione di System Insights tramite Windows Admin Center

  • Con PowerShell, utilizzando con il comando “Add-WindowsFeature System-Insights -IncludeManagementTools”
  • Aggiungendo la feature System-Insights tramite Server Manager.

Utilizzo di System Insights

Al termine dell’installazione è possibile procedere configurando le impostazioni desiderate per le previsioni relative alla capacità della CPU, all’utilizzo del networking e al consumo di storage.

Figura 2 – Previsioni disponibili

System Insights è in grado di fornire l’esito delle analisi svolte e le relative previsioni dopo alcune ore dall’attivazione.

I possibili stati che possono essere assunti da ogni previsione sono i seguenti:

Figura 3 – Possibili stati

Per ogni previsione disponibile è possibile selezionare la schedulazione di quando farla eseguire:

Figura 4 – Schedulazione della predizione

Inoltre, si possono configurare degli script che vengono eseguiti quando viene restituito un determinato status code, utili per intraprendere in automatico determinate azioni correttive.

Figura 5 – Azioni da eseguire a fronte di determinati stati

Ogni tipologia di capacità può essere invocata manualmente anche in modo forzato tramite il pulsante Invoke.

Selezionando le differenti previsioni disponibili è possibile visualizzare le informazioni di dettaglio.

Figura 6 – Esempio di previsione sull’utilizzo della CPU

Figura 7 – Esempio di stato Critical per il consumo di spazio sul volume E:

Figura 8 – Dettagli che riportano la previsione sull’esaurimento di spazio nei prossimi 7 giorni

System Insights è in grado di fornire queste informazioni predittive basandosi su modelli di machine-learning, analizzando differenti elementi come performance counters ed eventi. Tutti i dati vengono collezionati e analizzati localmente alla macchina, senza iterazioni con elementi nel cloud e con un consumo di risorse non significativo. Utilizzando PowerShell si ha anche la possibilità di aggregare i risultati di System Insights provenienti da più macchine virtuali. A questo proposito si riporta uno script di esempio per aggregare i risultati di più sistemi.

Figura 9 – Esempio di script PowerShell per l’aggregazione dei dati di System Insights

Questo approccio può essere utile per un numero ridotto di sistemi, ma se si desidera avere una visione complessiva di queste informazioni per ambienti più complessi, si possono far confluire le informazioni di System Insights in un workspace di Azure Log Analytics. Per farlo è sufficiente configurare il workspace di Log Analytics per collezionare anche gli eventi generati da System Insight (Microsoft-Windows-System-Insights/Admin):

Figura 10 – Configurazione del workspace di Log Analytics

In questo modo si possono generare facilmente delle Rule per essere avvisati sulla base di specifiche query.

Figura 11 – System Insights event ID

Figura 12 – Esempio di una query utilizzata in una Rule

Conclusioni

Per gli amministratori di sistema, lo strumento System Insight risulta utile e di facile utilizzo, consentendo di prevedere diverse condizioni problematiche che possono verificarsi sul sistema Windows Server, il tutto in modo totalmente integrato nel sistema operativo. Tramite questa funzionalità è possibile ottenere una maggiore continuità del servizio e una riduzione dei tempi necessari per bonificare condizioni di errore.