OMS e System Center: novità di Dicembre 2018

Nel mese di dicembre sono state annunciate, da parte di Microsoft, un numero importante di novità riguardanti gli Azure management services e System Center. La nostra community rilascia mensilmente questo riepilogo che consente di avere una panoramica complessiva delle principali novità del mese, in modo da rimanere sempre aggiornati su questi argomenti ed avere i riferimenti necessari per condurre eventuali approfondimenti.

Azure Monitor

Il servizio Azure Monitor per containers è ora disponibile per monitorare lo stato di salute e le performance di cluster Kubernetes ospitati su Azure Kubernetes Service (AKS). Azure Monitor per containers consente di avere una visibilità completa sulle prestazioni, raccogliendo delle metriche sulla memoria e sul processore dei controllers, dei nodi e dei containers. Vengono raccolti inoltre anche i log dei container. Dopo aver abilitato il monitor dei cluster di Kubernetes, le metriche e i log vengono raccolti automaticamente tramite una versione per container dell’agente di Log Analytics per Linux e vengono archiviati in un workspace di Log Analytics.

Nel corso degli ultimi mesi le soluzioni di monitoring, management e sicurezza, usufruibili dal portale di Operations Management Suite (OMS), sono state incorporate nel portale Azure. A partire dal 15 gennaio 2019 il portale OMS sarà definitivamente ritirato e sarà necessario utilizzare il portale Azure. Prima di questa data è opportuno portare a termine le seguenti operazioni:

Per maggiori dettagli è possibile fare riferimento a questo documento Microsoft.

Azure Log Analytics, ora parte di Azure Monitor, è ora disponibile anche nella region Azure di West US 2.

Nel mese di gennaio selezionando viste e solution Log Analytics, sarà utilizzata la nuova Azure Monitor Logs UX, che consente di ottenere un editor di query più funzionale e miglioramenti nelle viste.

Azure Site Recovery

Per Azure Site Recovery è stato rilasciato l’Update Rollup 31 che introduce nuove versioni per i seguenti componenti:

  • Microsoft Azure Site Recovery Unified Setup (version: 9.20.5051.1): utilizzato per scenari di replica da VMware verso Azure.
  • Microsoft Azure Site Recovery Provider (version 5.1.3700.0): utilizzato per scenari di replica da Hyper-V verso Azure oppure verso un secondary site.
  • Microsoft Azure Recovery Services Agent (version 2.0.9144.0): utilizzato per scenari di replica da Hyper-V verso Azure.

L’installazione di questo update rollup è possibile su tutti i sistemi con installato Microsoft Azure Site Recovery Service Provider, includendo:

  • Microsoft Azure Site Recovery Provider per System Center Virtual Machine Manager (3.3.x.x).
  • Microsoft Azure Site Recovery Hyper-V Provider (4.6.x.x).
  • Microsoft Azure Site Recovery Provider (5.1.3300.0) e versioni successive.

L’Update Rollup 31 per Microsoft Azure Site Recovery Unified Setup si applica a tutti i sistemi che hanno installato la versione 9.16.4860.1 o successive.

Per ottenere maggiori informazioni sulle problematiche risolte, sugli improvements dati da questo Update Rollup e per ottenere la procedura da seguire per la relativa installazione è possibile consultare la KB specifica 4478871.

In Azure Site Recovery è stata inoltre introdotta la possibilità di aggiornare in automatico il Mobility Agent installato a bordo delle macchine virtuali di Azure, nello scenario di replica di VMs in Azure. Considerando che Azure Site Recovery rilascia mensilmente un aggiornamento che introduce miglioramenti e nuove funzionalità, la possibilità di mantenere l’infrastruttura aggiornata in automatico risulta particolarmente comoda. Questi aggiornamenti non richiedono il riavvio delle macchine virtuali e non hanno impatti sulla replica dei sistemi. Abilitando l’update automatico, il processo avviene tramite un runbook, all’interno di un automation account, creato nella stessa subscription del vault. Di dafult il runbook viene eseguito alle 12:00 AM, ma la schedulazione può essere modificata a piacimento.

Figura 1 – Abilitazione dell’update automatico in fase di attivazione

Figura 2 – Abilitazione dell’update automatico a livello di Revovery Service vault

Un’altra importante funzionalità introdotta in Azure Site Recovery è la possibilità di replicare ed effettuare il failover verso altre region di macchine virtuali che appartengono ad Availability Zones. Tale funzionalità è stata resa disponibile per tutte le region Azure che supportano le Availability Zones.

Azure Backup

In Azure backup è stata semplifica la procedura per effettuare i restore di macchine virtuali, introducendo la funzionalità In-Place restore of disks, che consente di ripristinare i dischi di una macchina virtuale, senza la necessità di creare un nuovo sistema. Per farlo è sufficiente selezionare la seguente opzione in fase di ripristino:

Figura 3 – In-Place restore dal portale Azure

Al momento questa funzionalità è supportata solo per le VMs managed unencrypted. Non c’è al momento il supporto per le generalized VMs e per le VMs create utilizzando custom images, ma tale funzionalità è sicuramente destinata ad aumentare le funzionalità.

In Azure Backup c’è la possibilità di attivare la protezione di SQL Server installato a bordo di una macchina virtuale Azure. In questo ambito è stata aggiunta la funzionalità di auto-protection che, se attivata, consente di fare il discovery e la protezione di tutti i database che saranno aggiunti su quella istanza di SQL Server, standalone oppure in un Always On availability group.

Figura 4 – Auto-protect SQL databases con Azure Backup

System Center

System Center Virtual machine Manager

L’installazione dei seguenti aggiornamenti ‘KB4467684‘, ‘KB4478877‘, ‘KB4471321‘ oppure ‘KB4483229’ su un host Windows Server 2016 gestito da SCVMM, può comportare che SCVMM non sia più in grado di enumerare oppure gestire i Logical Switch configurati sull’host. Il problema è dato dal fatto che gli aggiornamenti sopra citati rimuovono la registrazione di classi WMI utilizzate dall’agente di SCVMM per enumerare e gestire i Logical Switch dell’host. La soluzione è di registrare le classi nel repository WMI, come riportato da questo articolo.

System Center Configuration Manager

Rilasciata la versione 1811 per il branch Technical Preview di System Center Configuration Manager.

Tra le principali novità di questa release troviamo la possibilità di inserire del codice PowerShell come step di una Task Sequence, eliminando così la necessità di dover creare e distribuire dei package per l’esecuzione di comandi PowerShell.

Figura 5 – Inserimento di codice PoerShell in una Task Sequence

In questo rilascio vengono contemplati ulteriori novità che possono essere consultati in questo documento.

Si ricorda che i rilasci nel Technical Preview Branch consentono di valutare in anteprima le nuove funzionalità di SCCM ed è consigliato applicare questi aggiornamenti solo in ambienti di test.

Per il branch Technical Preview di System Center Configuration Manager è stata rilasciata la versione 1812. Tutte le novità introdotte in questa release possono essere consultate in questo documento Microsoft. Si ricorda che i rilasci nel Technical Preview Branch consentono di valutare in anteprima le nuove funzionalità di SCCM, in modo da poterle approfondire ed eventualmente fornire feedback al team di prodotto. Questi aggiornamenti è consigliato applicarli solo in ambienti di test.

System Center Operations Manager

In seguito, si riportano le novità riguardanti i seguenti Management Pack di SCOM:

Valutazione di Azure e System Center

Per testare e valutare in modo gratuito i servizio offerti da Azure è possibile accedere a questa pagina, mentre per provare i vari componenti di System Center è necessario accedere all’Evaluation Center e, dopo essersi registrati, è possibile avviare il periodo di trial.