Come monitora le attività di rete nel cloud Azure con Traffic Analytics

Le reti nel mondo cloud presentano differenze sostanziali rispetto a quelle presenti in ambiente on-premises, ma sono accomunate dalla necessità di essere costantemente monitorate, gestite e analizzate. Tutto ciò è importante per poterle conoscere al meglio, al fine di proteggerle ed ottimizzarle. Microsoft ha introdotto in Azure la soluzione Traffic Analytics, totalmente cloud-based, che consente di avere una visibilità complessiva sulle attività di rete che vengono intraprese nell’ambiente cloud. Questo articolo analizza le caratteristiche della soluzione e spiega come è possibile attivarla.

Principi di funzionamento della soluzione

In Azure per poter consentire o negare la comunicazione di rete verso le risorse connesse alle Azure Virtual Networks (vNet) vengono utilizzati i Network Security Group (NSG), che contengono una lista di regole di accesso. I NSG vengono applicati alle interfacce di rete connesse alle macchine virtuali oppure direttamente alle subnet. La platform utilizza i NSG flow logs per mantenere la visibilità del traffico di rete in ingresso e in uscita dai Network Security Group. Traffic Analytics si basa sull’analisi dei NSG flow logs e dopo una opportuna aggregazione dei dati, inserendo l’intelligence necessaria relativamente a security, topologia e mappa geografica, è in grado di fornire informazioni dettagliate sul traffico di rete del proprio ambiente cloud Azure.

Figura 1 – Data flow di Traffic Analytics

Funzionalità della soluzione

Utilizzando Traffic Analytics si possono effettuare le seguenti operazioni:

  • Visualizzare le attività di rete cross Azure subscriptions e identificare hotspots.
  • Intercettare potenziali minacce di security lato network, per poi poter adottare le giuste operazioni correttive. Questo viene reso possibile grazie alle informazioni riportate dalla soluzione: quali porte sono aperte, quali applicazioni tentano di accedere verso Internet e quali macchine virtuali si connettono a reti non autorizzate.
  • Comprendere i flussi di rete presenti tra le varie region Azure e Internet, al fine di ottimizzare il proprio deployment di rete in termini di performance e capacità.
  • Individuare configurazioni di rete non corrette che portano ad avere tentativi di comunicazione errati.

Come abilitare la soluzione

Per poter analizzare il traffico di rete è necessario disporre di un Network Watcher in ogni region dove sono presenti i NSG per i quali si intente analizzare il traffico. Il Network Watcher è un servizio regionale grazie al quale è possibile monitorare e diagnosticare il networking di Azure. L’abilitazione del Network Watcher può essere fatta dal portale Azure, tramite Powershell oppure via REST API. Creandolo dal portale non è possibile stabilire il nome del Network Watcher e il relativo Resource Group, ma viene assegnato un nome di default a entrambe le entità.

Figura 2 – Abilitazione del Network Watcher dal portale

Figura 3 – Abilitazione del Network Watcher tramite PowerShell

Trattandosi di un servizio in preview per poterlo utilizzare è necessario effettuare nuovamente la registrazione del network resource provider sulla subscription Azure interessata. Inoltre è necessario registrare il provider Azure Insights.

Figura 4 – Registrazione dei provider tramite PowerShell

Per poter abilitare la raccolta degli NSG Flow Logs è necessario dotarsi di uno storage account sul quale memorizzarli. Inoltre è necessario disporre di un workspace OMS Log Analytics sul quale Traffic Analytics consoliderà i dati aggregati e indicizzati. Le informazioni presenti in Log Analytics verranno poi utilizzate per generare la relativa analisi.

Primo step di configurazione delle impostazioni dei NSG flow logs:

Figura 5 – Selezione dei NSG sui quali abilitare la raccolta dei flow logs

Scelta dello storage account e del workspace OMS Log Analytics per ogni NSG:

Figura 6 – Abilitazione della raccolta dei NSG flow logs e del consolidamento in OMS Log Analytics

Gli step precedentemente riportati dovranno essere ripetuti per ogni NSG per il quale si desidera abilitare Traffic Analytics.

Figura 7 – Lista dei NSGs con le impostazioni abilitate

Entro alcuni minuti dall’abilitazione, tempo necessario per avere un quantitativo di dati aggregati sufficientemente indicativo, viene popolata la relativa dashboard con le informazioni di Traffic Analytics.

Figura 8 – Dashboard di Traffic Analytics

Dalla dashboard di Traffic Analytics sono facilmente reperibili le informazioni quali: gli host con un livello elevato di comunicazione, i protocolli applicativi maggiormente utilizzati, le comunicazioni che avvengono in modo più frequente e i flussi relativi al traffico di rete nel cloud.

Selezionando la sezione di interesse viene mostrata la query di Log Analytics che estrapola i dati:

Figura 9 – Esempio di query Log Analytics che mostra il traffico malicious consentito

Per avere una panoramica completa dei possibili scenari di utilizzo di Traffic Analytics è possibile consultare questo documento Microsoft.

Conclusioni

Traffic Analytics è una nuova funzionalità, al momento in preview, introdotta in Azure. Si tratta di uno strumento efficace e di facile utilizzo che consente di tenere sotto controllo lo stato della rete in Azure riportando dati molto utili, come chi si sta collegando e dove, quali porte sono esposte verso internet, quale traffico di rete viene generato e molto altro. Si tratta di informazioni fondamentali per individuare eventuali anomalie e apportare le dovute azioni correttive. Tutte operazioni di difficile raggiungimento senza questo strumento totalmente integrato nella platform.