L’utilizzo di Azure Site Recovery Deployment Planner in ambienti VMware

Quando si ha la necessità di implementare scenari di Disaster Recovery verso Azure in ambienti particolarmente complessi, tramite la soluzione Azure Site Recovery (ASR), è possibile utilizzare lo strumento Azure Site Recovery Deployment Planner, recentemente rilasciato da Microsoft, per effettuare un assessment dettagliato dell’ambiente on-premises. Lo strumento è stato ideato per contemplare sia ambienti Hyper-V che VMware. In questo articolo verrà approfondito l’utilizzo dello strumento quando si intende attivare un piano di Disaster Recovery con replica di macchine virtuali VMware verso Azure.

A cosa serve questo strumento?

ASR Deployment Planner effettua un assessment dettagliato dell’ambiente on-premises, mirato all’utilizzo della soluzione Azure Site Recovery (ASR), e fornisce gli elementi da prendere in considerazione per poter contemplare in modo efficace le varie operazioni necessarie per implementare il piano di DR: replica, failover e DR-Drill delle macchine virtuali. Lo strumento effettua inoltre una stima delle risorse Azure necessarie per la protezione delle macchine virtuali presenti on-premises, riportando delle indicazioni sui costi per l’utilizzo di ASR.

In presenza di ambienti VMware se si ha la necessità di affrontare veri e propri scenari di migrazione verso Azure, lo strumento più opportuno da utilizzare per effettuare l’assessment dell’ambiente è Azure Migrate.

Come utilizzare lo strumento?

L’utilizzo di ASR Deployment Planner prevede due fasi principali. La prima di profilazione, durante la quale vengono raccolte le informazioni necessarie dall’ambiente VMware, e la seconda di generazione del report per effettuare l’analisi.

ASR Deployment Planner può essere scaricato a questo indirizzo. Si tratta di una folder compressa il cui contenuto dovrà essere copiato sul sistema su cui si intende eseguire lo strumento. ASRDeploymentPlanner.exe è il tool a riga di comando che dovrà essere eseguito con i parametri opportuni, non è richiesta nessuna installazione.

Profilazione e misurazione del throughput

La macchina su cui si intende effettuare la profilazione oppure il calcolo del throughput deve rispettare i seguenti requisiti:

  • Sistema Operativo: Windows Server 2016 oppure Windows Server 2012 R2.
  • Requisiti hardware: 8 vCPUs, 16 GB RAM e 300 GB HDD.
  • Requisiti Software: .NET Framework 4.5, VMware vSphere PowerCLI 6.0 R3, Visual C++ Redistributable for Visual Studio 2012.
  • Accesso Internet verso Azure.

Inoltre sono necessarie le seguenti condizioni:

  • Presenza di un Azure storage account (solo se si vuole calcolare anche il throughput).
  • VMware vCenter statistics level impostato al livello 2 oppure superiore.
  • Possibilità di connettersi al vCenter server/ESXi host sulla porta 443.
  • Utente con almeno permessi di Read-only per accedere al VMware vCenter server/VMware vSphere ESXi.

In generale è buona norma eseguire la profilazione e il calcolo del troughput sulla macchina Configuration Server che si intende utilizzare oppure su un sistema con caratteristiche del tutto analoghe.

Il tool è in grado di effettuare il profiling solo per macchine virtuali con dischi VMDK e RDM. Non è prevista la raccolta di informazioni di VMs con dischi iSCSI oppure NFS; a questo proposito è opportuno precisare che Azure Site Recovery non supporta macchine virtuali con queste tipologie di dischi in ambiente VMware.

Durante l’attività di profiling il tool si collega al server vCenter oppure all’host vSphere ESXi per collezionare i dati di performance delle macchine virtuali. Questo implica che l’attività di raccolta dei dati non ha nessun impatto sulle performance delle macchine virtuali perché non c’è nessuna connessione diretta. L’attività di profilazione viene fatta una volta ogni 15 minuti per non impattare sui sistemi VMware, ma la query che viene eseguita raccoglie comunque i dati di performance per tutto l’intervallo temporale.

L’attività di profiling richiede la presenza di un file di testo contenente l’elenco delle macchine virtuali (un nome oppure un indirizzo IP per ogni riga) che si intende esaminare. Questo file è possibile crearlo manualmente oppure, con i seguenti comandi, eseguiti dalla console VMware vSphere PowerCLI, è possibile estrapolare l’elenco di tutte le macchine virtuali presenti sul vCenter o sull’host vSphere ESXi.

Figura 1 – Estrapolazione lista VMs dal vCenter

Figura 2 – Esempio del file contenente l’elenco delle VMs

A questo punto è possibile avviare il processo di profiling. Per ambienti di produzione è raccomandato eseguirlo per almeno una settimana, in modo da avere un periodo di osservazione sufficientemente lungo per ottenere una profilazione accurata. Per ottenere la lista completa dei parametri necessari e opzionali è possibile eseguire il seguente comando: ASRDeploymentPlanner.exe -Operation StartProfiling /?.

Tra i parametri opzionali è possibile specificare anche un Azure Storage Account con la relativa chiave per calcolare il throughput che Site Recovery può raggiungere durante il processo di replica verso Azure.

Figura 3 – Esempio di esecuzione della profilazione

Nel caso il server, sul quale viene avviata la procedura di profiling, venisse riavviato oppure andasse in crash, i dati raccolti verrebbero comunque mantenuti e sarebbe sufficiente riavviare l’esecuzione del tool.

Lo strumento può essere inoltre utilizzato per il calcolo del throughput.

Figura 4 – Esempio di sola misurazione del throughput

Il processo di misurazione del throughput effettua l’upload di file con estensione .vhd sullo storage account specificato. Al completamento dell’upload questi file vengono rimossi in automatico dallo storage account.

Generazione del report

La macchina su cui si intende generare il report deve aver installato Excel 2013 oppure una versione superiore.

Terminato il processo di profilazione è possibile generare il report contenente l’output dell’assessment. Per procedere con la creazione del report è necessario eseguire lo strumento nella modalità report-generation. In questo caso per consultare tutti i possibili parametri è opportuno eseguire il comando ASRDeploymentPlanner.exe -Operation GenerateReport /?.

Figura 5 – Esempio del comando per la generazione del report

Il report generato viene chiamato DeploymentPlannerReport_xxx.xlsm all’interno del quale è possibile consultare diverse informazioni, tra le quali:

  • Una stima della banda di rete richiesta per il processo di replica iniziale (initial replication) e per la delta replication.
  • La tipologia di Storage (standard oppure premium) richiesta per ogni VM.
  • Il numero totale di storage account (standard e premium) necessari.
  • Il numero di Configuration Server e Process Server che è necessario implementare on-premises.
  • Il numero di VMs che possono essere protette in parallelo per completare la replica iniziale in un dato momento.
  • Stima del throughput raggiungibile da ASR (on-premises verso Azure).
  • Un assessment delle macchine virtuali supportate, fornendo dettagli in merito ai dischi (numero, relativa dimensione e IOPS) e alla tipologia del SO.
  • Stima dei costi di DR, specifici per l’utilizzo di una determinata region Azure.

Figura 6 – Pagina iniziale del report generato

Per ottenere informazioni dettagliate in merito all’analisi del report è possibile consultare la relativa documentazione ufficiale di Microsoft.

Oltre ad essere presente nella pagina iniziale del report un summary dei costi stimati, esiste anche un tab specifico contenente i dettagli relativi all’analisi dei costi.

Figura 7 – Sezione relativa alla stima dei costi presente nel report generato

Per maggiori dettagli sulle informazioni contenute e sulla relativa interpretazione è possibile consultare la documentazione ufficiale.

Conclusioni

Azure Site Recovery Deployment Planner è uno strumento molto utile che, effettuando un assessment dettagliato dell’ambiente on-premises, consente di non tralasciare nessun aspetto per realizzare nel migliore dei modi un piano di Disaster Recovery verso Azure, utilizzando Azure Site Recovery (ASR). Questo strumento permette inoltre di avere a priori e con un’ottima precisione una stima dei costi che sarà necessario sostenere per il proprio piano di Disaster Recovery, in modo da poter fare le dovute valutazioni.