Microsoft Azure Site Recovery: Replica di macchine virtuali di Hyper-V in Microsoft Azure

Microsoft Azure Site Recovery offre la possibilità di replicare macchine virtuali presenti su Hyper-V verso uno specifico cloud service a fini di disaster recovery.

Accedendo al seguente link è possibile consultare tutti i dettagli sui prerequisiti e sugli scenari supportati per utilizzare Azure Site Recovery: http://msdn.microsoft.com/it-it/library/azure/dn469078.aspx

Azure Site Recovery (ASR) consente di configurare due possibili scenari di recovery delle VM attraverso Azure:

  • On-premise verso Azure – Vengono replicate macchine virtuali Hyper-V on-premise, localizzate in Cloud di Virtual Machine Manager, verso lo storage di Azure. IC738195

Step necessari per l’implementazione:

  1. Creazione e configurazione di un Azure Site Recovery vault – Creazione di un vault, upload del certificato necessario e recupero della specifica vault key.
  2. Installazione dell’Azure Site Recovery Provider – Installazione dell’agent Hyper-V Recovery Manager sul server VMM e registrazione del server nel vault.
  3. Installallazione dell’agent Azure Recovery Service – Installazione dell’agent Azure Recovery Service su ogni host Hyper-V presente nel cloud di VMM che si vuole proteggere.
  4. Configurazione delle impostazioni di protezione per il cloud di VMM – Specificare le impostazioni di protezione per il cloud, che comprendono: impostazioni della source e del target, recovery point e snapshot, e impostazioni relative alla replica iniziale.
  5. Configurazione del network mapping – Creazione del mapping tra la VM network sul server VMM sorgente e la network di Azure di destinazione.
  6. Abilitare la protezione per le macchine virtuali
  7. Creazione e personalizzazione dei piani di recovery – Creazione e personalizzazione dei piani di recovery che consentono di specificare come raggruppare le macchine virtuali e come gestire i failover.
  • On-premise verso on-premise – Le macchine virtuali degli host Hyper-V vengono replicate da un cloud di VMM situato in un site on-premise verso un altro cloud di VMM situato in un altro site on-premise. Azure Site Recovery è l’orchestratore di questo processo di replica.


IC738194

Step necessari per l’implementazione:

  1. Creazione e configurazione di un Azure Site Recovery vault – Creazione di un vault, upload del certificato necessario e recupero della specifica vault key.
  2. Installazione dell’Azure Site Recovery Provider – Installazione dell’agent Hyper-V Recovery Manager sui server VMM e registrazione dei server nel vault.
  3. Configurazione delle impostazioni di protezione per il cloud di VMMSpecificare le impostazioni di protezione per il cloud, che comprendono: impostazioni della source e del target, recovery point e snapshots, e impostazioni relative alla replica iniziale.
  4. Configurazione del network mapping – Creazione del mapping tra la VM network sul server VMM sorgente e la VM network di destinazione.
  5. Configurazione dello storage mapping – Creazione del mapping tra la storage classification del server VMM sorgente e quello di destinazione.
  6. Abilitare la protezione per le macchine virtuali – Abilitare la protezione per le macchine virtuali nei cloud di VMM.
  7. Creazione e personalizzazione dei piani di recovery – Creazione e personalizzazione dei gruppi di macchine virtuali per gestire il processo di failover e di recovery.

Azure Site Recovery offre diversi benefici, tra i quali:

  • Un efficace metodo per fornire la protezione e il recovery di diverse macchine virtuali di Hyper-V gestite da Virtual Machine Manager.
  • Un’unica e semplificata interfaccia di gestione per la protezione ed il recovery di diversi data center gestiti da VMM.
  • La possibilità di automatizzare la protezione ed il recovery di macchine virtuali, creando piani di recovery per automatizzare il failover di specifici cloud di VMM.
  • Scalabilità dello storage replicando verso Azure.
  • Una semplice infrastruttura di test per validare facilmente l’efficacia dei propri piani di recovery senza alcun impatto sull’ambiente di produzione.
  • Facile consultazione dello stato globale dell’Azure Site Recovery utilizzando le Dashboard e i tab dei Job.

Per ulteriori dettagli su Microsoft Azure Site Recovery vi rimando alla sezione dedicata sul portale Microsoft Azure: https://azure.microsoft.com/it-it/services/site-recovery/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *