System Center Orchestrator 2012: Architettura del prodotto

L’obiettivo di questo post è illustrarvi quali sono i componenti che costituiscono l’architettura di System Center Orchestrator 2012.

Partendo dalla seguente immagine si può notare come l’architettura di Orchestrator sia caratterizzata dalla presenza di diversi componenti in relazione tra di loro:

Figura 1 – Architettura del prodotto

Vi riporto le caratteristiche principali di ciascuno di questi componenti:

Orchestration database – Il database, basato su Microsoft SQL Server, contiene tutte le configurazioni di Orchestrator, i dati relativi ai runbook ed i file di log.

Runbook Server – Un Runbook Server è dove un’istanza di un runbook viene eseguita. I Runbook Server comunicano direttamente con il database di Orchestrator ed è possibile distribuire più Runbook Server per ogni implementazione di Orchestrator in modo da aumentare le capacità di elaborazione ed avere un meccanismo di ridondanza. 

Management server – Il Management server è lo strato di comunicazione tra il Runbook Designer e il database.

Runbook Designer – Il Designer Runbook è lo strumento utilizzato per costruire, modificare e gestire i runbook.

Runbook Tester – Utilizzando il Runbook Tester è possibile testare i runbook che sono stati sviluppati utilizzando il Runbook Designer.

Orchestration console – La console web consente di gestire lo stato di esecuzione dei runbook e di visualizzarne lo stato in tempo reale utilizzando un browser web.

Orchestrator web service – Il servizio web di Orchestrator consente ad altre applicazioni di connettersi a Orchestrator. In questo modo applicazioni sviluppate ad hoc possono interagire con Orchestrator gestendo lo stato dei runbook e recuperando informazioni sulle operazioni svolte. Anche l’Orchestration console utilizza questo servizio web.

Deployment Manager – Il Deployment Manager è lo strumento utilizzato per fare il deploy degli Integration Pack (IP), dei Runbook Server e dei Runbook Designer.

Tutti questi ruoli possono essere ospitati da un singolo server oppure possono essere distribuiti in modo opportuno su più sistemi.

Francesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *